• English (UK)
Visit Rovereto

Vota questo articolo
(5 Voti)

MTB al Corno della Paura sul monte Baldo

    Corno della Paura sul Monte Baldo
    Dalla valle dell'Adige, all’altezza di Ala-Avio, sulle pendici del Monte Baldo si staglia in tutto il suo ardito profilo il Corno della Paura che, a prima vista, appare come una impraticabile parete di roccia dove anche gli alberi si incurvano oltremodo per rimanere attaccati. Si tratta di un altro itinerario adrenalinico: per i panorami mozzafiato e per l'ebbrezza di una lunga e vorticosa discesa.
    Apriamo le gabbie delle nostre “bestie selvagge” a Sabbionara frazione di Avio, dove parcheggiare non è un problema. Si attraversa il centro e si imbocca la Provinciale 208: questa serpentina d’asfalto sarà la nostra compagna fino alla fine della salita, sull’altopiano di Brentonico a 1.500 m.

    Mappa

     

    La polsa, salita tosta

    Gli scorci panoramici sono notevoli: all’inizio danno sulla vallata dell’Adige (Valle Lagarina) per poi spostarsi sullo scenario interno, altrettanto suggestivo. Il Lago Pra de Stua rappresenta un punto valido dove effettuare una sosta riposante, ammirare la diga e le sue acque smeraldine: siamo a 2/3 della salita detta della Polsa e il Corno della Paura ci osserva di sbieco, 400 m più in alto.
    Sulla sinistra compare l’abitato di San Valentino: è l’ultimo avamposto dove si possono rigenerare le forze. Un grosso cartello di legno saluta la nostra entrata nel territorio dell’Altopiano di Brentonico, la gioia è doppia se si pensa che ormai le fatiche dell’ascesa sono per lo più alle spalle.
    La visuale è pervasa da una moltitudine di cime variegate per forme e colori che ben si prestano ad essere immortalate. La vegetazione scompare per lasciare il posto alle bionde praterie circondate dai reticolati spinosi. Anche i segni della storia appaiono qua e là sotto forma di ferri arrugginiti: un cippo della I Armata del Regio Esercito Italiano è ancora lì integerrimo testimone degli eventi passati.
    Corno della Paura mtb

    Discesa nella storia

    I destini della storia si incrociano con i nostri quando inizia la discesa su una fantastica carrareccia realizzata dal Genio Militare Italiano, e di cui i tratti più distintivi sono le gallerie scavate a strapiombo sui costoni di roccia. Dai 1.500 m, punto di massima elevazione, si apre un panorama abissale su tutta la Val d’Adige: penserete di aver sbagliato strada, perché dalla parete verticale su cui vi trovate non sembra possibile scendere fin giù.
    Prendete un bel respiro e godetevi la prima parte su strada militare, poco tecnica ma stucchevole per gli infiniti scorci di canaloni e dirupi selvaggi.corno della paura partenza
    Il cambio di passo arriva allo scorgere di un sentiero che si staglia a zig zag su un pratone con pendenze da ungulati. Questo è il tratto più aspro, con qualche passaggio da fare a piedi anche a causa delle continue frane che si generano in quell’imbuto dove la vegetazione non osa arrivare. Questo tratto è di breve estensione ma lo si percorre quasi a passo d’uomo, fino a quando non si entra nella prima galleria… fatta stavolta di alberi. Il tratto boscoso è decisamente guidabile anche se abbonda di tornanti e passaggi su roccia molto impegnativi.discesa corno
    L'unico pecca è costituita dalle condizioni del fondo: sarà facile che i rami secchi si mettano ad andare a braccetto con i raggi delle ruote; è un annoso problema, dovuto anche alla scarsa frequentazione del sentiero… una tendenza che vorremmo invertire.
    dopo il tramonto
    Dopo un inizio fatto di ammirazione per l’opera del genio militare, il sentiero culmina con le meraviglie architettoniche del Castello di Avio che si erge maestoso sulla valle da oltre mille anni.
    Per scoprire altri itinerari in MTB in Trentino e nel resto d'Italia consultate la mappa dei percorsi MTB di Life in Travel.
    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Persone nella conversazione:
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 4 anni fa
      Il sentiero di discesa è bello tecnico!
      Meglio una biammortizzata ma personalmente l'ho fatto con la front (ho spinto un breve tratto di discesa)
    • Questo commento non è pubblicato.
      RobertoCara · 4 anni fa
      meglio una BI ammortizzata o va bene anche una front?
    Raffaele

    Vivo nella provincia di Modena ma appena posso, scappo dalla pianura per esplorare gli Appennini e le Alpi in mountain bike.
    Adoro pedalare nella natura, lontano dal traffico, immerso completamente nel silenzio dei boschi. Da un po' di anni a questa parte viaggio anche all'estero portandomi dietro la mia fedele mtb, dopo Perù, Tenerife, Creta, i Balcani da cui è nato un libro: Da Trieste a Spalato passando per Sarajevo e Mostar
    In quest'ultimo anno sono nati tre nuove pubblicazioni legate alla mountain bike: Adrenalina in MTB: 12 itinerari tecnici e panoramici nel centro-nord Italia nella quale sono presenti itinerari fuoristrada tecnici e spettacolari, MTB in trincea: 12 itinerari sul fronte italoaustriaco dal Passo del Tonale a Caporetto con 12 itinerari lungo i sentieri della Grande Guerra e La Mountain Bike pezzo per pezzo

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su