fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte

Itinerari realizzati in collaborazione con E-Guide Experience

eguidexperience

eGuide eXperience è una piattaforma web e mobile che offre itinerari multimediali e multilingua, un nuovo strumento semplice e intuitivo che ti accompagna alla scoperta del territorio attraverso esperienze che rimarranno per sempre nel tuo cassetto dei ricordi!

Vota questo articolo
(6 Voti)

Ciclabile del Naviglio di Bereguardo: in bici da Abbiategrasso al Ticino

La ciclabile del Naviglio di Bereguardo si sviluppa in Lombardia, lungo un canale artificiale utilizzato oggi a scopi irrigui. Dalla cittadina di Abbiategrasso, seguendo il Naviglio, si raggiunge Bereguardo dopo soli 22 km di pista ciclabile, facile e pianeggiante. Se vorrai proseguire nel tuo viaggio in bicicletta potrai seguire la nostra traccia fino a Pavia pedalando sull'argine del Ticino prima e lungo la Via Francigena lombarda poi...

Dati tecnici

Ciclabile del Naviglio di Bereguardo

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Abbiategrasso/Bereguardo (o Pavia)
Tempo 1 giorno
Dislivello
irrisorio 
Lunghezza 22 km circa (o 46,5 km)
Tipologia di strada
Asfalto  72%
Sterrato 25% 
Single Trail 3%
Bici consigliata
Mountain Bike  
Gravel
Bici da viaggio
Bici da corsa (per il solo tratto fino a Bereguardo)
VALUTAZIONE
Difficoltà Abbastanza facile
Panorama Bello
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggio
GiugnoSettembreOttobre

Il Naviglio di Bereguardo prima e dopo

Anno di Nostro Signore 1420. I lavori sono iniziati, si scava e si suda, ma l'opera voluta tanto dal duca di Milano Francesco I Sforza vedrà la completa realizzazione solo verso l'inizio del XVI secolo.
Il Naviglio di Bereguardo si stacca del Naviglio Grande a Castelletto di Abbiategrasso e sfocia nel fiume Ticino nei dintorni del ponte di barche, dopo 19 km.
Per lunghi secoli la funzione principale del canale fu quella di collegamento tra la città di Milano e i fiumi che scendevano verso il mare: le chiatte infatti potevano percorrere le acque del Naviglio e i suoi 24 metri di dislivello attraverso 12 conche e raggiungere il Ticino prima e il Po poi. Con la realizzazione del Naviglio Pavese, oggi percorso anch'esso da una pista ciclabile, il Naviglio di Bereguardo venne declassato a canale irriguo e perse la sua importanza.km 2 bereguardo

La ciclabile del Naviglio di Bereguardo

Partendo dal cuore pulsante della cittadina di Abbiategrasso, con il suo castello visconteo risalente al XIV secolo, si pedala verso sud-est per circa 500 m, fino ad attraversare il ponte sul canale. L'inizio della pista ciclabile si trova subito a destra ma, se vuoi vedere il vero e proprio inizio del Naviglio, dovrai svoltare a sinistra e tornare indietro poche centinaie di metri  fin dove il canale si stacca dal fratello maggiore Naviglio Grande.
Km 0: si parte.
I primi minuti in sella servono per lasciarsi alle spalle Abbiategrasso e immergersi nei paesaggi della pianura padana con le risaie verde vivace e i voli confusi di numerose specie ornitologiche. Il canale non ha curve, prosegue dritto verso la meta, senza interruzioni nè indecisioni. ciclabile naviglio bereguardoLa pista ciclabile del Naviglio di Bereguardo è asfaltata e priva di dislivello importante e quindi davvero adatta a tutti, anche alle famiglie con bambini piccoli. Dopo 6 km, la segnaletica orizzontale non mente, si ha la possibilità di lasciare provvisoriamente la ciclabile per visitare la prestigiosa abbazia di Morimondo.

Abbazia di Morimondo in bicicletta

Per rendere più interessante la percorrenza della ciclabile del Naviglio di Bereguardo ti consiglio di seguire le indicazioni che incontrerai dopo circa 6 km di pedalata e raggiungere l'abbazia di Morimondo in bici. Svoltando a destra ti troverai a pedalare tra due alte file di piante di granoturco e l'asfalto diventerà presto facile sterrato. Pochi istanti oltre una fontana dove potrai riempire la borraccia e apparirà l'abbazia di Morimondo con la sua estetica caratterizzata dall'essenzialità e dai graziosi mattoni a vista. L'abbazia dell'ordine cistercense è datata XII-XIII secolo e risulta essere la prima di Lombardia (e la quarta italiana anche se la nostra penisola, ai tempi della realizzazione, era ancora frazionata in molteplici parti!).
L'interno dell'edificio, con il chiostro, monastero e il coro ligneo, è visitabile ma prima di organizzarsi è meglio consultare il sito ufficiale dell'abbazia con gli orari e tante altre informazioni necessarie alla visita. Per lasciare l'abbazia e rientrare sull'itinerario ciclabile si può tornare indietro lungo la strada dell'andata oppure proseguire a lato del piazzale dell'edificio religioso, imboccare il semplice sterrato e svoltare a sinistra al primo bivio  ritrovandosi a pedalare parallelamente al sito, ai bordi di una minuscola roggia. Alternando un breve single trail al divertente sterrato si supera Cascina Cipriana e si ritorna sulla ciclabile dopo essere risaliti verso la SS526 (che va attraversata con attenzione!).
abbazia di morimondo

Risaie e cascine

Dopo l'abbazia di Morimondo l'itinerario non presenta molti altri punti di interesse fino a Bereguardo... però, mentre si pedala, sarà curioso cercare di scorgere il volo frugale di un martin pescatore o la presenza rumorosa di una rana. Il paesaggio che circonda la ciclabile del Naviglio di Bereguardo è quello della campagna lombarda con vaste risaie, qualche campo di frumento o granoturco e immense cascine sparse come pedine su una scacchiera invisibile. In bici si supera il comune di Motta Visconti senza entrare nell'abitato che sorge leggermente spostato rispetto al canale. La poetessa Ada Negri insegnò in questa località per qualche tempo e Motta Visconti ancora la ricorda con una scuola e un museo. Mancano ancora 5 km all'ingresso del canale a Bereguardo e gli ampi appezzamenti coltivati sono i nostri principali compagni di viaggio.risaie bereguardo

Bereguardo e il ponte di barche

A Bereguardo (probabile storpiatura del toponimo Belriguardo attribuito per la posizione favorevole) si entra nella provincia di Pavia. Il paese sorge alla confluenza del naviglio con il Ticino che è possibile attraversare tramite un pittoresco ponte di barche sito sull'acqua del fiume dal 1374. A Bereguardo termina la pista ciclabile del Naviglio di Bereguardo ma il viaggio in bicicletta può proseguire oltre se hai tempo a disposizione. Prima di riprendere la via, o per rientrare ad Abbiategrasso o per proseguire verso sud, fermati in paese per una veloce visita al castello visconteo, alla chiesa dedicata a Sant'Antonio Abate eretta nel XVI secolo e al ponte di barche sul Ticino.ponte di barche bereguardo

In bici fino a Pavia lungo la Via Francigena

Da Bereguardo è possibile proseguire il viaggio in bicicletta verso Pavia prima lungo il Ticino e poi, da Zerbolò, seguendo la Via Francigena lombarda. Dopo aver attraversato il ponte di barche sul fiume, si svolta a sinistra su ampio e ombreggiato sterrato per ritrovarsi a pedalare lungo il corso d'acqua , sulla sponda opposta a quella di Bereguardo. In questa zona del parco del Ticino si trova l'ultima antica foresta planizare d'Europa protetta dall'UNESCO e appartenente al progetto di tutela MAB.  Dopo diversi chilometri sterrati vista Ticino si giunge in prossimità del bivio per Cascina Venara, ostello e punto informazioni riguardo la presenza della cicogna bianca e la sua reintroduzione nel Parco lombardo della valle del Ticino. lungo il ticinoCon un po' di attenzione, e fortuna, infatti potrai individuare uno o più esemplari di questo grande volatile mentre caccia rane e piccoli pesci o mentre si staglia maestosa contro l'azzurro del cielo. Da Cascina Venara la strada per Zerbolò e il castello Beccaria è davvero breve. Il ridente paese offre la possibilità di una sosta prima di riprendere la via verso Pavia. Da Zerbolò passa infatti la Via Francigena Lombarda che raggiunge il capoluogo di provincia e poi prosegue in direzione di Piacenza. via francigena asfaltata
Dalla cittadina delle cicogne quindi l'itinerario ciclabile riparte su asfalto per dividersi in due differenti tracce più avanti. La strada asfaltata condivisa con il traffico veicolare è più semplice, ma se ami lo sterrato puoi scendere lungo il fiume Ticino e provare a superare, talvolta con difficoltà, i tratti sconnessi che lambiscono il corso d'acqua. via francigena sterrataL'arrivo a Pavia è attraverso il colorato quartiere di Borgo Ticino dove si trova il pittoresco ponte coperto.

Mezzi di trasporto da/per Milano

Abbiategrasso si trova sulla linea Milano - Mortara ed è servita dai treni regionali di Trenord. Per rientrare a Milano da Pavia si può invece caricare la bicicletta su uno dei treni regionali della tratta Milano - Genova che permettono il trasporto.ponte coperto pavia

  • Bereguardo con il tradizionale ponte di barche e il castello visconteo
  • Abbiategrasso con i palazzi antichi e il castello
  • L'abbazia di Morimondo
  • I divertenti sterrati lungo il fiume Ticino
  • La bella Pavia sulla Via Francigena
  • Birdwatching alla cicogna bianca nei pressi di Cascina Venara
  • Come raggiungo Abbiategrasso? Con i treni regionali da Milano Porta Genova è possibile giungere abbastanza facilmente ad Abbiategrasso in 22-23 minuti. Per rientrare a Milano poi basterà percorrere la ciclabile del Naviglio Pavese o prendere il treno da Pavia al capoluogo lombardo. 
  • L'itinerario è segnalato? Si con segnaletica orizzontale (almeno fino a Bereguardo). Per la seconda parte dell'itinerario fino a Pavia consiglio di scaricare la traccia GPS.
  • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario si trovano diverse fonti d'acqua soprattutto nei paesi e nei parchi
  • Com'è la qualità delle strade in generale? Il percorso è in buono stato fino a Bereguardo, poi bisognerà affrontare alcuni sterrati un po' sassosi ma in generale mai difficili.
  • L'itinerario ciclabile è facilmente affrontabile in entrambi i sensi di marcia
  • Per proseguire il viaggio in bici:  a sud lungo l'Eurovelo 5 , a nord verso Milano lungo la ciclabile del Naviglio pavese
  • Quanto costa dormire lungo l'itinerario del Naviglio di Bereguardo? Lungo l'itinerario esistono alloggi di diverse tipologie e, anche se il tracciato può essere percorso in un solo giorno, consiglio di sostare o a Bereguardo o a Pavia per visitare la città.
  • Dove dormire lungo l'itinerario del Naviglio di Bereguardo? Le località più comode per trascorrere una notte nei pressi dell'itinerario ciclabile sono Bereguardo, alla fine del canale, o Pavia dove sostare prima di riprendere il viaggio o per esplorare al meglio la città spingendosi magari fino alla Certosa. Se preferisci avere più libertà puoi prenotare un appartamento su AirBnB
  • Cosa mangiare lungo il Naviglio di Bereguardo e il Ticino? La cucina tradizionale pavese spazia dai piatti di pesce, alle rane, al salame d'oca al risotto con la salsiccia.
  • Dove mangiare lungo il Naviglio di Bereguardo e il Ticino? A Pavia prova l'Osteria del povero Lele e l'Osteria della Malora.
  • Visit Pavia: dove trovare informazioni turistiche su Pavia e la provincia
  • InLombardia: il portale turistico della Regione Lombardia

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Simo · 1 anni fa
    https://www.lifeintravel.it/ciclabile-del-naviglio-di-bereguardo-in-bici-fino-a-pavia.html
    Vi segnalo che ho provato a percorrere ieri il tratto da Bereguardo a Pavia e sono dovuta tornare indietro perché la ciclabile E mal segnalata i cartelli sono malposti era un certo punto si perde in mezzo ai campi tra le erbacce
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 11 mesi fa
      Che tristezza.... ci spiace averti dato indicazioni errate o vecchie, ma purtroppo la mancanza di gestione e manutenzione delle ciclabili è uno dei più grossi problemi della rete italiana
Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su