MTB a Rovereto: il passo Santa Barbara e la val di Gresta

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Un altro percorso interessante alle pendici del monte Stivo, tra la Val Lagarina e la val di Gresta, nel Trentino meridionale. Di nuovo il passo Bordala diviene meta di una nostra escursione dopo il passaggio nell'itinerario tra, per l'appunto, Lago di Cei e Passo Bordala. In un'atmosfera autunnale davvero suggestiva, immersi nei boschi di latifoglie tipici di queste aree, colorati dal primo freddo dell'anno, siamo saliti da Villalagarina, non distante da Rovereto, con ampi scorci sulla valle dell'Adige per poi scendere sul versante della val di Gresta e concederci qualche panorama anche sul lago di Garda. Un percorso impegnativo per il dislivello ma non per le condizioni del terreno: buona parte su asfalto, anche se c'è qualche divertente tratto di discesa.

Mappa

 
 

Da Villa Lagarina al passo Bordala

Parcheggiamo appena fuori dall'uscita dell'autostrada del Brennero di Rovereto Nord e da qui entriamo nel centro del paese di Villa Lagarina. Oltrepassata la piazza, lasciamo la chiesa sulla sinistra per proseguire in leggera salita. Usciamo dal centro del piccolo borgo svoltando a sinistra in via dei Tigli per svoltare ancora a sinistra poco oltre. La strada concede uno scorcio sulla sottostante valle dell'Adige e riprende a salire sulla destra verso Noarna e Patone.
La bella strada è asfaltata e non troppo impegnativa. Si oltrepassa il primo paese per poi scollinare tra le belle costruzioni in pietra del secondo. Un piccolo tratto di discesa non ci illude e, tenendo la destra, ricominciamo a salire percorrendo in senso inverso parte del percorso segnalato Isera-Castel Corno.
La strada, detta del "Nagustel", prosegue tra le coloratissime chiome autunnali, con pendenze sempre più impegnative verso Lenzima. Dopo circa dieci chilometri di salita abbandoniamo l'asfalto per tenerci sulla sinistra per qualche decina di metri di pianura di fronte ad una radura accerchiata da roveri, faggi e carpini di mille tonalità. La giornata fredda ma soleggiata ci permette di gustarci pienamente lo spettacolo del foliage autunnale. Oltrepassiamo il Nagustel per rientrare nel bosco ed in poche impegnative centinaia di metri, raggiungere la strada che ci condurrà, svoltando sulla destra, al passo Bordala.
Monte Stivo

Dal passo Bordala al passo Santa Barbara

Un meritato riposo ci ritempra e risaliamo in sella imboccando la forestale poco ad est dell'albergo bordala, solo dopo aver dato uno sguardo alla mappa dell'area esposta nei suoi pressi. Si sale ancora un po' per poi scendere dolcemente fino ad un'ampia curva sulla destra dove una strada forestale si stacca a sinistra. Imbocchiamo quella verso il passo S. Barbara e dopo altre poche pedalate in salita giungiamo finalmente alla cima Coppi di giornata, iniziando la progressiva discesa verso valle. Inizialmente si raggiunge località Gombino (svolta brusca sulla destra poco dopo l'inizio dell'asfalto) da dove proseguiamo nel bosco, prima su sterrato e quindi su asfalto, fino all'ultima rapida discesa al passo S. Barbara.
Qui svoltiamo a destra verso Arco e dopo cento metri circa lasciamo la strada principale per inoltrarci a sinistra nei pressi di una panchina. Qualche centinaia di metri e sulla destra un'ampia carrareccia lascia l'asfalto nei pressi di un caseggiato che ci lasciamo sulla destra.
Salita al Santa Barbara

Discesa in val di Gresta

Qui (segnale per le mountain bike) inizia una divertente discesa tra i boschi di faggio che si affacciano sulla valle del Sarca e dopo un po' di divertimento, ad un tornante, lasciamo il sentiero che sulla destra scende a Bolognano d'Arco, dirigendoci a sinistra verso la valle di Gresta.
Usciamo su asfalto con un bel panorama sul monte Altissimo ed il lago di Garda settentrionale. Più avanti teniamo la sinistra risalendo leggermente per poi scendere fino alla strada provinciale della Val di Gresta che imbocchiamo in discesa. Ad un'area picnic svoltiamo nuovamente sulla destra con uno stretto tornante per percorrere una velocissima discesa che ci permette di riprendere la strada principale. A destra scendiamo ancora per qualche centinaio di metri sulla provinciale per lasciarla nuovamente sulla destra verso l'agritur maso Spiazi e la bella chiesetta di S.Anna dove ci concediamo una sosta.
Passiamo dietro la chiesetta sulla destra per scendere sotto il campo di tamburello e riprendere la provinciale poco oltre un ponte. Scendiamo ancora e sul primo tornante imbocchiamo la strada sulla destra che segue parallela la provinciale per qualche metro (all'altezza di quella che scende verso lo scarico inerti ma alla sua sinistra!). Lo sterrato si fa impegnativo per un piccolo strappo in salita per poi diventare divertente in discesa verso il lago di Loppio.
Raggiungiamo una malga all'altezza della quale svoltiamo, su asfalto, verso destra. Poco oltre il bitume lascia spazio allo sterrato per gli ultimi divertenti chilometri di discesa verso il centro di Mori. Imbocchiamo nuovamente la provinciale della val di Gresta poco prima del bivio con la statale che scende verso il lago di Garda. Svoltiamo a destra per imboccare il vicino (200m) sottopassaggio che ci permetterà di attraversarla tornando indietro ed immettendoci sulla pista ciclabile che seguiremo per rientrare fino a S.Ilario. Qui (circa dieci chilometri di ciclabile) svolteremo a destra per salire sul ponte sull'adige che, una volta attraversato, ci farà giungere al nostro punto di partenza.
Passo Bordala
Il percorso è mediamente impegnativo con una dura salita principalmente su asfalto ed una discesa in parte sterrata. Non vi sono difficoltà tecniche di alcuna sorta, con discese tutte su sentieri ampi e facilmente percorribili.
Per scoprire altri percorsi interessanti in zona consultate la mappa degli itinerari in MTB di Life in Travel.
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito