fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(2 Voti)

Cortina d'Ampezzo: il volto più autentico del paese dei vip

Quando si parla di Cortina d'Ampezzo, il paese veneto nativo dello sciatore Ghedina e di molti alpinisti fra i più famosi d'Italia e del mondo, si pensa subito ad un luogo di vacanza per vips, ad una cittadina off limits per molti portafogli. Non posso negare che certi alberghi, certi ristoranti, certi negozi di Cortina d'Ampezzo abbiamo prezzi elevati, ma questa è solo una faccia della medaglia del paese delle Regole d'Ampezzo. Alzando lo sguardo verso le montagne si comprende subito quale sia la vera ricchezza di questa località e perchè molti grandi nomi della montagna siano originari di qui! Noi abbiamo avuto la fortuna di scoprire l'altro lato di Cortina, quello più suggestivo ed interessante, quello che fa battere il cuore e spalancare gli occhi di meraviglia. Un viaggio è fatto di momenti, di casualità, ma soprattutto di incontri... ed anche a Cortina è stato così!

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

"Io sono ampezzana, ma mio marito è cortinese!", mi spiega Eleonora dell'azienda turistica di Cortina con solennità. Gli ampezzani sono i membri delle più antiche famiglie di Cortina d'Ampezzo, quelle che da tempo immemore vivono in questa ricca valle. Gli ampezzani sono i Regolieri, coloro che amministrano il patrimonio di selvicoltura, pascoli e boschi del comune, ma anche i promotori e sostenitori delle tradizioni e della cultura ampezzana. I Regolieri tutelano e gestiscono il Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo dal 1990 ed è proprio questa riserva naturale che abbiamo in parte esplorato accompagnati da Paolo "Mezz'ora", una delle guide alpine di Cortina d'Ampezzo. Ci sono due modi di vivere la montagna che ho sempre detestato: il primo è quello di affrontare un trekking in gruppo, il secondo è quello di essere scortati da una guida... Cortina me li ha fatti apprezzare entrambi. Il nostro gruppo composto da ragazzi giovani ,amanti dell'outdoor e dei viaggi si è rivelato una vera sorpresa: ci siamo narrati esperienze, abbiamo faticato insieme e ci siamo stupiti di fronte alle meraviglie naturali del Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo. Paolo, bolognese di nascita ma cortinese più che mai, è stato un maestro nell'insegnarci il giusto approccio alle alte quote, lo spirito della montagna. La nostra vita frenetica, piena di impegni e di orari da rispettare, ci obbliga a tenere sempre sottocontrollo un orologio o un cellulare per evitare ritardi, per programmare appuntamenti, per non perdere le ultime coincidenze del treno. Paolo Mezz'ora, in montagna, non utilizza l'orologio: il tempo è soggettivo! Ogni persona ha i propri ritmi di vita e di camminata e visto che nel quotidiano non facciamo altro che dimenticarcene, almeno in montagna dobbiamo ritrovarli: c'è chi si ferma a fotografare, chi ha bisogno di mangiare un panino ogni due ore e chi lentamente e costantemente procede verso la meta. La montagna ha un suo ritmo scandito dalle stagioni, dal tempo variabile, dal ciclo di vita degli animali: se si vuole entrare in completa sintonia con la natura bisogna cercare di dimenticare la frenesia ed ascoltare quella musica costante presente in ogni cosa che ci circonda.
Paolo questo lo sà bene. Fin da piccolo si è reso conto di non poter stare lontano dalle montagne e dall'avventura. Per ognuno di noi c'è il tempo della crescita e della ricerca di quello che ci fa sentire più vivi, di quella casa che può trovarsi in un luogo o in una persona. Paolo l'ha trovata qui a Cortina... e chi può negare che sia un posto magnifico?

La Signora Mariagrazia gestisce il piccolo hotel Cornelio, un tre stelle situato poco distante dalla via principale di Cortina. Cornelio era il padre, fondatore e primo proprietario dell'albergo. Vulcanica ed innamorata del proprio lavoro, Mariagrazia è orgogliosa del suo lavoro, del suo hotel e del suo ristorante dove vengono serviti piatti tipici della tradizione cortinese in ampi piatti colorati. Fra il primo ed il secondo piano dell'edificio ha fatto costruire una piccola funivia in perpetuo movimento che conferisce all'intera struttura un tocco di unicità. Anche Mariagrazia è affezionata a Cortina ed è entusiasta del fatto che, ogni anno, centinaia di giapponesi si fermino sotto le finestre del suo albergo per fotografare la piccola funivia in azione.

Paolo, Mariagrazia, Elisabetta... e poi ci sono coloro che ogni anno non possono fare a meno di tornare nel piccolo paradiso fra le Dolomiti venete perchè il richiamo è così forte che resistervi sarebbe peccato!
Dopo essere stata a Cortina, anche se una sola volta, credo di poter comunque capire meglio perchè tanti l'hanno scelta come casa e perchè tanti altri sognano di raggiungerla e chissà, magari non lasciarla mai più...

Nei dintorni di Cortina d'Ampezzo di possono fare una miriade di trekking e sentieri in mountain bike, uno che vi consigliamo da fare a piedi è quello che conduce ai piedi delle Cinque Torri.

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su