fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(4 Voti)

Ciclabile Val di Non: da Sabino a Taio in bici

La ciclabile della Val di Non che unisce Sabino a Taio passando da Segno e Mollaro è una delle novità più recenti nel panorama del cicloturismo in Trentino. Bisogna dire che ogni valle o area della provincia autonoma di Trento vanta un tracciato ciclopedonale e non è poco. Da qualche tempo però la Val di Non può contarne due differenti: l'anello ciclabile dell'Alta Val di Non e la pista ciclabile della bassa valle della quale ti racconteremo in questo articolo...

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

Dati tecnici

  Ciclabile della Val di Non

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Sabino - Taio
Tempo  1 h
Dislivello  230 m circa
Lunghezza  7 km circa
Tipologia di strada 100% asfalto
VALUTAZIONE
Difficoltà Facile
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggioGiugno
LuglioAgostoSettembreOttobre
Questo itinerario si trova anche nella nostra Guida alle piste ciclabili del Trentino uscita a luglio 2016 ed edita Ediciclo

Da Sabino lungo la ferrovia

La ciclabile della Val di Non inizia a Sabino, a destra dei binari ferroviari della linea Trento - Malè. Un pannello illustrativo mostra la mappa della valle, l'altimetria del tracciato e del collegamento per mountain bike in direzione di Castel Thun, indicandone anche la difficoltà. Si attraversa la vecchia strada, un tempo via di comunicazione principale in Val di Non, e si inizia a pedalare su asfalto liscio in leggera salita. La ciclabile della Val di Non guadagna dolcemente quota senza quasi mai perdere di vista la ferrovia.
I paesaggi di fondovalle, sulla Val di Non occidentale e sulle Dolomiti di Brenta sono fin da subito molto suggestivi e ti verrà voglia di improvvisare qualche sosta per scattare fotografie.

cartello ciclopedonale sabino taio

Dopo un primo breve tratto nel bosco, la ciclabile disegna un cerchio d'asfalto con un tornante a 300°. Si continua a salire ma la fatica è ampiamente ripagata da ciò che ci circonda. Il ritmo cardiaco aumenta, si scalano i rapporti, si oltrepassano alcuni tavolini panoramici dove fermarsi per un picnic a due ruote, si scorgono il canyon del Torrente Noce e, oltre, Castel Nanno e Castel Valer, a Tassullo.
pista ciclabile val di non

In bicicletta da Mollaro a Taio

La ciclabile della Val di Non costeggia alcuni meleti, meravigliosi durante la fioritura primaverile quando l'intera valle appare come un'immensa distesa bianca.
Poche pedalate e la pista ciclabile si interrompe a Mollaro, trasformandosi in strada secondaria. Una controllo sull'orologio Casio Pro-Trek PRW 3500 1-ER dotato di altimetro barometrico conferma che il dislivello da coprire è quasi concluso e d'ora in avanti il percorso sarà più dolce.relax ciclabile val di non L'itinerario attraversa per poche centinaia di metri la zona industriale della località per poi raggiungere la ferrovia, ottimo punto d'appoggio per proseguire il viaggio in bici con l'ausilio del treno o per arrivare in Val di Non ed iniziare la tua escursione. A Mollaro si incontra anche il bivio per imboccare il percorso ciclabile in direzione di Dardine e Castel Thun. Per gli amanti dell'offroad un giro che si sovrappone a quello segnalato è il percorso MTB in Predaia tra Coredo e Castel Thun.
stazion molaro bici
Dalla stazione di Mollaro si riprende la ciclabile della Val di Non per un breve tratto fino a Mondo Melinda, in località Segno. Da qui in avanti si pedala su strade secondarie passando in prossimità della statua gigante di Padre Eusebio Chini, missionario ed esploratore gesuita. Conosciuto per il grande impegno nel miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni indigene del Sud America (insegnò loro la lavorazione del ferro, l'allevamento, la coltivazione di piante allora sconosciute...), si battè contro il governo spagnolo che al tempo obbligava gli indios a lavorare nelle miniere d'argento.
statua padre kino segno
L'itinerario ciclabile raggiunge il centro di Taio dove è possibile fare rifornimento d'acqua e viveri. Se non vuoi fermarti a Taio puoi proseguire in direzione di Castel Bragher, Coredo, l'altopiano della Predaia e San Romedio.

  • Paesaggi sulle Dolomiti di Brenta e la Val di Non
  • La statua gigante di Padre Eusebio Chini
  • Degustazioni a Mondo Melinda e Trentingrana
  • Respirare il passato della valle all'antica Pieve di Torra
  • Il campanile di Taio e la sua piazza dove rilassarsi prima di ricominciare a pedalare
  • Una degustazione di mortandela e tortei di patate con salumi e cappuccio

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su