fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Esplorando Laigueglia: la Baia del Sole in bici

Prepara occhi, gambe e apparecchiatura fotografica perchè la Baia del Sole in bicicletta regala fortissime emozioni: partendo da Laigueglia percorreremo un breve tratto lungomare dove potremo scegliere di perderci per le vie dei due centri attraversati, Laigueglia e Alassio, per poi iniziare a scalare la collina fino a raggiungerne la cresta, da dove godremo una vista mozzafiato di tutta la baia. Dopo una pausa rigenerante si continuerà in direzione Colla Micheri, un borgo medievale sospeso nel tempo, per poi scendere ad Andora e rientrare al punto di partenza attraverso Capo Mele. Pronti? Via!

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

Dati tecnici

La Baia del Sole in bicicletta

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Hotel Villa Ida, Laigueglia
Tempo 5-6 ore
Dislivello 720 m circa
Lunghezza 35 km
Terreno
Asfalto: 85%
Sterrato: 15%
Bici consigliata

Gravel Bike

Adventure Bike

VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE

MarzoAprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobre

Baia del Sole in bicicletta: partenza da Laigueglia

Il nostro tour della Baia del Sole comincia dall'Hotel Villa Ida, un'accogliente struttura di Laigueglia a gestione famigliare, sita in posizione strategicamente perfetta per essere usata come punto di partenza e arrivo di questo percorso ad anello. Dotato di ristorante, spazio bimbi, area wellness e tutti i servizi per i viaggiatori in bicicletta, si trova a pochi metri dal mare e ci consente di partire alla scoperta della Baia del Sole in bicicletta. Potrai scegliere di affrontare questo tour ad anello in un'unica pedalata oppure di spezzare in due segmenti da mezza giornata il percorso: il primo verso Colla Micheri e rientro da Andora e Capo Mele, mentre il secondo verso Alassio e sulle colline che sovrastano la Baia del Sole, con rientro a Laigueglia.

villa ida partenza Baia del Sole

Partiamo con la pedalata dopo un'abbondante colazione nella sala dell'hotel: recuperiamo le bici dal deposito e possiamo iniziare l'avventura.

colazione Baia del SoleCi troviamo sulla via Aurelia, che dovremo percorrere per i primi 6 km. In questo primissimo tratto non possiamo che invitare alla prudenza - oltre a suggerire caldamente l'uso di luci e casco - poiché purtroppo non sono ancora stati compiuti interventi di realizzazione di piste ciclabili in questo tratto che potrebbe diventare uno dei più famosi dopo la Ciclabile dei Fiori. Augurandoci quindi che le amministrazioni comunali comprendano il valore di avere uno spazio sicuro lungomare per il transito delle sempre più numerose bici (e intere famiglie in bicicletta), pedaliamo in direzione Alassio, non senza deviare numerose volte verso i due centri cittadini.

laigueglia centro Baia del Sole

muretto Andora Baia del Sole

Il nostro suggerimento è di cercare di allontanarsi quanto prima dalla via Aurelia (via Roma), per dedicare il giusto tempo alla visita dei due borghi liguri. Bisogna solo fare attenzione alla segnaletica verticale: in alcuni punti sarà obbligatorio condurre la bici a mano. Non perdere la Chiesa Parrocchiale di San Matteo e il Bastione Cinquecentesco di Laigueglia oppure la pittoresca piazzetta della Chiesa di Santa Maria Immacolata, il lungo molo, il "Budello" e il famosissimo Muretto di Alassio, dove non può mancare un assaggio di focaccia, rigorosamente da pucciare nel cappuccino!

julia augusta Baia del Sole

Si sale, si sale, da Alassio

Da Alassio inizia il tratto più tosto della nostra esplorazione della Baia del Sole in bici. Questo perché, attraversato il passaggio a livello, imbocchiamo la via Iulia Augusta, l'antica via romana che l’Imperatore Augusto fece costruire per collegare la pianura Padana con la Gallia e la Spagna, di cui non mancano cartelli informativi e anche tratti originari (più in quota). La salita fino alla chiesetta di Santa Croce di Alassio è relativamente breve, ma molto impegnativa: non disdegnare la possibilità di scendere e spingere, soprattutto se viaggi con famiglia e bambini, perché la salita "piacevole" inizierà dopo la chiesetta.

chiesetta alassio Baia del Sole

Se vuoi allungare questo tour, puoi considerare di proseguire sulla via Iulia Augusta restando in cresta per raggiungere Albenga e poi rientrare attraverso l'Aurelia a strapiombo sul mare oppure a ritroso sulla Iulia Augusta. Noi non ci concediamo questo allungo e proseguiamo sulla Strada Panoramica Santa Croce che, salendo quasi sempre dolcemente (tranne uno strappo davvero impegnativo prima e dopo la curva all'altezza della frazione Vignasse), tocca quasi tutte le frazioni alte di Alassio dove iniziamo a scorgere sempre meglio la forma della Baia del Sole e ad apprezzarne i colori.vista su alassio Baia del SoleSolva-Cavia, Vignasse, Chiasso, Poggio Moscai, Vegliasco, Valle Ligia scorrono lentamente e ci lasciano col fiato sospeso: da un lato perché si continua a salire (si giunge a quota 520 m, appena sotto al Santuario Madonna della Guardia), dall'altro perché riusciamo a vedere tutta la Baia del Sole come se fossimo in volo. Una lingua di terra che si estende dall'Isola Gallinara a Capo Mele, con l'azzurro del cielo che si fonde nel mare, il giallo delle ginestre, il verde acceso della vegetazione mediterranea e il rosso arancionato dei tetti delle case, uno spettacolo imperdibile.

quote rosa Baia del Soleginestra Baia del Sole

Pedalando in cresta sulla Baia del Sole in bici

Abbiamo raggiunto il punto più alto del nostro giro ad anello per la Baia del Sole in bici e, in corrispondenza dell'ampio parcheggio proprio sotto al Santuario Madonna della Guardia, approfittiamo del pocket lunch fornito dall'Hotel Villa Ida e mangiamo riparati dai pini marittimi con una vista spaziale sulla costa. Una volta recuperate le forze, inizia un divertentissimo tratto di discesa che ci condurrà ben presto alla sezione più avventurosa dell'itinerario.chiesetta distrutta Baia del Sole

In prossimità di Poggio Brea (370 m), ci si presenta un incrocio a quattro vie, proprio in corrispondenza dei ruderi della chiesa di San Bernardo. Qui possiamo scegliere se proseguire in discesa verso Alassio e rientrare a Laigueglia percorrendo a ritroso l'Aurelia oppure immetterci su uno dei tre sentieri, tra i quali uno permette di restare in cresta, verso Poggio Balaie. Sentiero alto Baia del SoleNoi optiamo per quet'ultima opzione e restiamo (ove possibile) su questo affascinante ricordo di ciclabile, spingendo la bici in salita o in discesa dove la strada non consente una pedalata agile: si tratta di poche occasioni, ma assicuriamo che ne vale la pena per la vista spettacolare.

discesa Baia del Sole

Una perla della Baia del Sole: in bici a Colla Micheri

Dopo il tratto avventuroso in cresta, continua la discesa su asfalto verso forse il punto più interessante di questo anello alla scoperta della Baia del Sole in bici. Ci troviamo praticamente sopra Laigueglia, qualche centinaio di metri a monte dell'Hotel Villa Ida e, quasi senza accorgercene, entriamo in un luogo dove il tempo sembra essersi fermato, Colla Micheri.verso colla Baia del SoleIl piccolo borgo medievale, nascosto alla vista dalla costa e costruito proprio per non essere individuato dai Saraceni che usavano invadere e saccheggiare i paesi della costa ligure, ha conservato un fascino antico che ti rapirà con la sua genuina atmosfera. Fu anche dimora e luogo d'ispirazione per l'antropologo e viaggiatore Thor Heyerdahl, che lo definì "un paradiso in terra". Il norvegese vi si trasferì negli anni '50, dopo il suo viaggio di 101 giorni nel 1947, dal Perù alla Polinesia sulla grande zattera di balsa, la “Kon-Tiki”. Lo scopo della sua avventura fu quello di provare la teoria che la Polinesia fosse stata raggiunta da genti provenienti dalle terre degli Incas, e non dall’Asia, come si ritiene ancora oggi. Costruì l’imbarcazione secondo le capacità e le disponibilità materiali delle civiltà precolombiane. Si affidò a maestranze indigene, abili nella costruzione di navi simili a quelle che, nell’antichità, dovevano salpare verso l’Oceano. Portata a casa l'eplorazione, si stabilì a Colla Micheri, dove contribuì al restauro e al mantenimento dell'atmosfera di questo luogo magico.colla micheri Baia del Sole

Rientro a laigueglia in bicicletta: Andora e Capo Mele

Dopo esserci persi per le vie del borgo, proseguiamo il nostro loop scendendo ad Andora. Possiamo scegliere di farlo in maniera molto brusca e avventurosa, se abbiamo una MTB,  tecnica e freni a sufficienza, imboccando uno dei tanti sentieri che digradano nella valle, oppure seguendo la nostra traccia in una fresca pineta su asfalto, entrando trionfalmente ad Andora.pineta Baia del SoleNel borgo romano non mancano le attrazioni: noi ci spingiamo sul lungomare pedalando all'estremità del molo, per goderci i colori del tramonto.molo Andora Baia del SoleSulla banchina è presente una targa commemorativa di Thor Heyerdahl che recita: "Frontiere? Non le ho mai viste. Ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone". Salutiamo Andora e riprendiamo l'Aurelia che ci permetterà di superare Capo Mele e il suo possente faro, l'estremità occidentale della Baia del Sole in bici, e ci condurrà nuovamente a Laigueglia. Hotel Villa Ida ci attende per una doccia rinfrescante, una sontuosa cena e un bagno in mare il giorno successivo.
 
Hotel Villa Ida Laigueglia

Dormire a Laigueglia, Savona

Il punto di partenza di questo itinerario è l'Hotel Villa Ida, accogliente struttura family e bike friendly a due passi dal mare e dal centro di Laigueglia con ristorante, area wellness, spazio bimbi e tantissimi suggerimenti per godere a tutto tondo le attività outdoor della Baia del Sole in bici e a piedi.

  • Una passeggiata sul lungomare di Laigueglia o Alassio
  • I bastioni cinquecenteschi di Laigueglia e Alassio
  • La via Iulia Augusta
  • La chiesa di Santa Croce e il Muretto ad Alassio
  • La vista dalla strada panoramica sterrata di Poggio Brea
  • Colla Micheri, il borgo sospeso nel tempo da scoprire lentamente
  • Come raggiungo Laigueglia? Laigueglia, in provincia di Savona, può essere raggiunta tramite l'autostrada A10 Genova - Ventimiglia all'uscita Andora o Albenga. In treno puoi raggiungere la stazione di Laigueglia sulla linea Genova - Ventimiglia.
  • L'itinerario è segnalato? L'itinerario non è interamente segnalato, quindi consigliamo di scaricare la traccia GPS.
  • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario ci sono alcune fonti d'acqua, soprattutto nei paesi attraversati
  • Com'è la qualità delle strade dell'itinerario? Il percorso si svolge in prevalenza su strade asfaltate secondarie, ma alcuni tratti soprattutto in cresta sono sterrati con tratti molto sconnessi, ma comunque percorribili (a tratti a spinta).
  • Lungo il percorso (o i due mini-anelli ricavati dal percorso) è possibile dormire in struttura all'Hotel Villa Ida di Laigueglia.
  • Cosa mangiare lungo l'itinerario? La cucina tradizionale propone piatti a base di pesce e tipicità della cucina ligure (come le trofie al pesto) al Ristorante dell'Hotel Villa Ida.
  • Dove mangiare lungo l'itinerario? Lungo l'itinerario puoi fermarti in trattorie, agriturismi e ristoranti che sapranno coccolare il tuo palato con piatti della tradizione. Da provare assolutamente la focaccia ligure, che puoi trovare in qualsiasi panetteria, bar o alimentari lungo il percorso.

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Paolo Serra · 2 mesi fa
    Bel giro, lo metto in programma per l'inverno (nella bella stagione troppa gente e troppo traffico, anche per arrivarci). Una variante più "stradale" è risalire la valle di Andora fino a Testico per scendere poi ad Alassio percorrendo una lunga strada in cresta con bei panorami.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Francesco - Life in Travel · 2 mesi fa
      Ciao Paolo, grazie per la dritta, effettivamente ci avevamo pensato e non mancheremo di tornarci per percorrerla, perché sembra davvero interessante quella cresta, nonostante sia asfaltata!
Francesco - Life in Travel

ITA - Ho 33 anni e sono piemontese, anche se da qualche anno vivo e lavoro in Lombardia. Dopo un inizio da totale inesperto in questo campo, mi sono avvicinato al mondo dei cicloviaggi e della bicicletta sempre più. Oggi posso definirmi "cicloviaggiatore", e assieme all'altra mia passione - il videomaking - non mi fermerei mai! Cyclo ergo sum, pedalo quindi sono, per cercare di capire perché andare in bici sia così bello, terapeutico, ricco... E ogni volta che provo a capirlo, non ce la faccio, e sono costretto a ripartire sui pedali!

ENG - I'm from Piedmont and I'm 33 years old, I have been living and working in Lombardy for a few years. After a start without any competence in this field, I then approached the bicycle world more and more. Today I can call myself a bicycle traveller and videomaker who would never ever stop. Cyclo ergo sum, I cycle therefore I am. I ride my bike trying to understand why it is so beautiful, rich, therapeutic. And every time I try, I do not understand it. So I must leave again...
 

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Acquista la divisa Life in TravelSono arrivate le nuove divise Life in Travel

La voglio anch'io!

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su