fbpx

Abbonati alla LiT Family 

Abbonati alla Life in Travel Family - aiutaci a diffondere la cultura cicloturistica in Italia

Vota questo articolo
(58 Voti)

Giro del lago di Iseo in bicicletta

Il lago di Iseo, conosciuto anche come Sebino, è uno dei bacini della Lombardia. Diviso tra la provincia di Bergamo e quella di Brescia è ancora sconosciuto al turismo di massa ed anche per questo si presta ottimamente alla pratica del cicloturismo. Il giro del lago di Iseo può iniziare da un qualunque paese sulle sue sponde, ma per comodità lo faremo partire da Riva di Solto, sulla sponda bergamasca, dove si può parcheggiare l'auto e mangiare un buon gelato al rientro per festeggiare l'impresa.

Dati tecnici

Giro del Lago di Iseo

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Riva di Solto
Tempo 4-5 ore
Dislivello  200 m circa
Lunghezza  66 km circa
Tipologia di fondo

95% asfalto

5% sterrato

Bici consigliata

 Bici da viaggio

Gravel

Bici da corsa

VALUTAZIONE
Difficoltà Media
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggio
GiugnoLuglioAgosto
SettembreOttobreNovembre
 
Il giro del lago di Iseo percorre l'intero periplo del bacino lombardo in 66 km di tracciati ciclabili e strade secondarie promiscue che nei fine settimana soleggiati e nei periodi di alta stagione turistica possono essere mediamente trafficate.  

Da Riva di Solto a Costa Volpino

Partendo dal centro di Riva di Solto, adagiata sulle acque cangianti del lago, si pedala in senso orario in direzione di Lovere. La strada che attraversa il paese in estate viene spesso chiusa al traffico automobilistico e quindi risulta piuttosto tranquilla. riva di solto partenzaSeguendo il bel lungolago si giunge presto all'ingresso di un tratto punteggiato di spiaggette che corre parallelo alla galleria.
La vecchia strada, che costeggia l'orrido del Bogn, è parzialmente vietata per il rischio di caduta massi ma è così bella che sarebbe un vero peccato non pedalarla, inoltre è l'unica alternativa per evitare la galleria.
La via di comunicazione lungolago risalente al 1910 termina in meno di un chilometro sulla SS469, una delle strade più suggestive di Lombardia.vecchia strada riva
La SS649 infatti si sviluppa interamente a ridosso dell'acqua tra curve a gomito, brevi gallerie scavate nella nuda roccia e una cascata in prossimità di Castro.
E' aperta al traffico anche se, in occasione di qualche manifestazione viene chiusa... speriamo che in un futuro prossimo si scelga, almeno durante le domeniche estive, di permetterne la percorrenza solo a biciclette e pedoni.riva di solto castro
La strada raggiunge presto Castro per poi proseguire verso Lovere, uno dei borghi più belli d'Italia. Il lungolago di Lovere è la porta d'accesso al centro cittadino che vanta un dedalo di vicoli colorati, chiese antiche come quella di San Giorgio e piazze eleganti come la centralissima Piazza Vittorio Emanuele II.
Il nostro itinerario in bicicletta intorno al lago d'Iseo prosegue però senza attraversare il centro di Lovere anche se consiglio una visita tempo permettendo.lovere
Si pedala su Via Nazionale fino ad un parcheggio che anticipa il benzinaio Tamoil. Si svolta a destra seguendo le indicazioni per la pista ciclabile e pedalando su strade secondarie fino a Costa Volpino.
La segnaletica ci porta fin sulla ciclabile cittadina, a tratti sterrata, che sfiora le acque del lago e che presto si ricongiunge, anche se per un breve tratto, ad un ramo della ciclovia della Valcamonica che attraversa il Parco avifaunistico della Foce dell'Oglio nord.parco avifauna costa volpino
Si pedala paralleli al fiume Oglio per poi lasciare la ciclovia e attraversare il rio sul marciapiede del Ponte Barcotto.
Oltrepassato l'Oglio si è costretti a percorrere per circa 2 km la strada principale di collegamento tra Costa Volpino e Pisogne che è piuttosto trafficata ma anche ampia. Prestare la massima attenzione.

Ultimamente abbiamo avuto la fortuna di scoprire le meraviglie del lago di Iseo con due amici, Pilar e Christian, che hanno raccontato la loro esperienza sul Sebino nel loro blog amicidivaligia.com consigliando 5 esperienze da non perdere assolutamente sul lago d'Iseo. Ti suggerisco di leggere i loro interessanti spunti di viaggio per poter organizzare al meglio la tua permanenza in quetso meraviglioso angolo di Lombardia

Da Pisogne sulla sponda est

Pedalando verso Pisogne si raggiungono presto la stazione e il porticciolo appena prima della piazza centrale dove è possibile fermarsi per una sosta. Nei fine settimana Pisogne è animata e piena di ciclisti che visitano il lago, chi con la mountain bike, chi con il seggiolino, chi in bici da corsa.pisogne Dalla piazzetta di Pisogne adagiata su Via Roma si segue il lungolago ciclpedonale, immettendosi sul percorso della ciclovia dell'Oglio, che dopo 500 metri diventa strada promiscua. Superiamo il torrente Valle Trobiolo e continuiamo a ridosso del bel lago di Iseo: i panorami sono già accattivanti con Lovere distesa sulla riva opposta, le montagne orobiche e quelle dell'Adamello ancora innevate in lontananza e la superficie placida del bacino. All'altezza di Toline la ciclovia della Valcamonica diventa pista ciclopedonale passando sulla vecchia strada ai piedi del Trenta Passi.ciclopedonale toline vello
La pista ciclabile Toline - Vello è un percorso davvero suggestivo e regala panorami spettacolari sul lago di Iseo oltre alle emozioni di correre a filo d'acqua tra le gallerie in roccia del Corno Trenta Passi. Ogni domenica sono davvero in tanti quelli che scelgono di percorrere questo tratto di lungolago, magari parcheggiando l'auto a Vello, paese in cui termina la pista ciclabile.chiesetta del cimitero vello
Da Vello poi la strada diventa promiscua alternandosi a tratti di ciclabile. La percorrenza non è pericolosa perchè il traffico è davvero irrisorio: si raggiunge Marone, paese sulla strada dell'olio, dove si può deviare per pedalare lungolago fino all'attraversamento del torrente Opolo, tratto in cui si risale sulla strada principale.
Si prosegue paralleli alla ferrovia raggiungendo nuovamente il lago d'Iseo per riprendere a costeggiarlo. A Marone segue Sale Marasino, un tempo divisa in due comuni differenti: Sale sul lago e Marasino collinare e già abitata al tempo dei romani. La villa Martinengo Portazzuolo attira subito l'occhio con la sua struttura a corte sul lago, si tratta dopotutto di una delle residenze storiche (XVI secolo) più famose dell'intero Sebino.
Sale Marasino confina con Sulzano che conta meno di 2000 abitanti ed è l'attracco principale per raggiungere la splendida Montisola.
Montisola, che nel mese di giugno verrà collegata per 15 giorni alla sponda bresciana attraverso una passerella galleggiante ideata dall'architetto Christo, è un luogo ameno anche da girare in mountain bike, quindi se ti capita l'occasione non lasciartela scappare.montisola
Dopo Sulzano si entra nel comune di Iseo con la frazione di Pilzone divisa dal lago da una collina abitata, la collina di Montecolo.
Si oltrepassa il dosso costeggiandolo e si attraversa la ferrovia per imboccare la pista ciclabile che conduce fino ad Iseo, località a sud del lago. 

Iseo e le torbiere del Sebino

Il paese di Iseo è uno dei più turistici dell'intero lago. Si trova a soli 20 km da Brescia e viene attraversato anche dall'itinerario che collega Bergamo a Desenzano.
Girare in bicicletta per Iseo è piacevole e si può approfittare di un po' di tempo a disposizione per visitare la Pieve di Sant'Andrea, del V secolo, il castello Oldofredi e la Riserva naturale Torbiere del Sebino dove praticare birdwatching. Iseo fa parte dell'area della Franciacorta e quindi, se sei amante del buon vino, ti consiglio di degustarne almeno un calice in paese. iseoDal centro si prosegue dritti lungo Via per Rovato fino ad una rotonda dove è indicato l'itinerario n° 1 della Franciacorta. Senza considerare il cartello, prosegui a destra lungo la ciclabile, costeggia il campeggio e continua sulla stradina di campagna, stavolta seguendo le indicazioni dell'itinerario 1 (percorso giallo) di Franciacorta. Il tracciato del giro del lago d'Iseo sale dolcemente tra campi fioriti e le Torbiere del Sebino. itinerario 3 franciacorta
Si pedala su pista ciclabile verso Clusane incontrando l'itinerario n° 3 della Franciacorta (percorso verde) e proseguendo verso Paratico, la porta alla Franciacorta e l'ultimo paese in provincia di Brescia sul lago.
Il ponte sul fiume Oglio decreta l'ingresso nella provincia di Bergamo all'altezza del comune di Sarnico. 

Da Sarnico sulla sponda bergamasca

Alcuni ritrovamenti palafitticoli sulle sponde del lago di Iseo hanno permesso di risalire all'origine di Sarnico e da quei tempi ne è passata di acqua sotto i ponti. Il lungolago, animato e piacevole, è anche pedalabile e permette di raggiungere una pittoresca passerella sospesa sull'acqua. Il simbolo di Sarnico è una torre di origine medievale che, sormontata da un campanile, svetta nel centro storico del paese.passerella sarnico
Dalla passerella si segue una stradina secondaria che porta lentamente alla SS469 dove si alternano brevi tratti a traffico promiscuo ad altri più lunghi su pista ciclabile. In questa zona si trovano alcune delle spiagge più belle del lago d'Iseo e in estate l'affollamento è notevole. La costa è rimasta piuttosto selvaggia e, a parte qualche edificio risalente ad almeno un paio di decenni fa, le calette si alternano a prati fioriti.
In una manciata di chilometri si raggiunge Predore, un borgo suggestivo che si scorge in tutto il suo skyline qualche chilometro più avanti. Da Predore si pedala su strada promiscua costeggiando la sponda occidentale del Sebino. Sulla sinistra si incontra la chiesetta di San Giorgio mentre sulla destra scivolano via piccole insenature dall'acqua cristallina. giro lago iseo bici
Poco prima di Tavernola Bergamasca, in concomitanza con una galleria buia, ci si trova davanti al cancello d'accesso alla pista ciclabile chiuso. Grazie ai suggerimenti di un anziano abitante del luogo, riusciamo ad accedervi appena entrati in galleria. La ciclabile permette di evitare il pericoloso tratto di strada, ma risulta chiusa perchè spesso viene interessata da piccole frane e nessun comune si prende la responsabilità della manutenzione. Accedervi è quindi a rischio e pericolo di ogni ciclista. Quello che posso dirti è che questo tratto risulta, a mio modesto parere, uno dei più belli del lago perchè permette di scorgere Montisola da una posizione privilegiata oltre ad evitare il traffico della galleria.strada lungolago tavernola
Per lasciare la ciclabile è necessario rientrare per un centinaio di metri nella galleria e percorrerla fino all'uscita (consiglio una luce posteriore per mostrare la tua posizione ai veicoli!).
Tavernola è un altro di quei borghi lacustri che non ti aspetti con il porticciolo e la torre campanaria a pianta quadrata in pietra. Dal paese mancano solo 7 km a Riva di Solto ma questi saranno in parte in leggera salita. Da Tavernola infatti la stradapoi prima entra in una galleria di circa 400 metri (ricordati di accendere la luce posteriore della bici!!!) e inizia lentamente ad ascendere verso la località Zu, ma chiunque può percorrerla senza eccessiva fatica. tavernola bergamasca
Riva di Solto accoglie i ciclisti con la sua piazzetta dove gustare un buon caffè ammirando il lago o dove mangiare un gelato artigianale. Sul suo territorio sono dislocate 5 torri e un castello oltre che una salita in direzione di Solto Collina per veri appassionati... ma questa è tutta un'altra storia!
Informazioni ulteriori sull'area del lago di Iseo le trovi sul sito ufficiale del Turismo del Sebino.

  • Il piccolo centro di Riva di Solto con il Bògn di Zorzino 
  • Lovere, uno dei borghi più belli d'Italia
  • La pista ciclabile Vello - Toline
  • Iseo con la Pieve diSant'Andrea del V secolo e il castello Oldofredi
  • Birdwatching alle torbiere del Sebino
  • La chiesa di San Pietro a Tavernola Bergamasca con gli affreschi del Romanino
  • Montisola, l'isola lacustre più alta d'Europa
  • Come raggiungo il Lago d'Iseo? La sponda orientale del lago d'Iseo, quella appartenente alla provincia di Brescia, è raggiungibile con due treni da Milano: il regionale MIlano - Brescia e il regionale Brescia - Edolo che percorre la litoranea e sale in Valle Camonica. Da Brescia puoi anche decidere di raggiungere il lago direttamente in bicicletta seguendo a ritroso il percorso verso Bergamo.
  • L'itinerario è segnalato? L'itinerario non è segnalato ma è difficile perdersi. L'unico tratto più difficile da seguireè quello tra Lovere e Costa Volpino, nel Parco dell'Oglio, dove ti consiglio di avere la traccia gps.
  • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario si trovano diverse fonti d'acqua soprattutto nei paesi.
  • Com'è la qualità delle strade lungo il Lago d'Iseo? Il percorso è in buono stato a parte certi tratti dove l'asfalto potrebbe essere migliorato. La ciclabile a sud del lago è stata di recente riasfaltata e allargata.
  • Itinerari collegati: da Pisogne a nord o da Paratico a sud si può seguire la ciclovia dell'Oglio verso il Passo del Tonale o verso il fiume Po.
  • Quanto costa dormire lungo il lago d'Iseo? Lungo il tracciato esistono alloggi per tutte le tasche, dai b&b agli hotel, dalle locande ai campeggi.
  • Dove dormire lungo il giro del Lago d'Iseo in bici? Il borgo di Riva di Solto con la frazione panoramica di Zorzino è un luogo meraviglioso per sostare la notte; Iseo, essendo la località principale del lago, offre molte più possibilità di scelta e Lovere è un ottimo punto di partenza per escursioni in Valle Camonica. Se preferisci avere più libertà e spazio puoi invece prenotare un appartamento su AirBnB.
  • Cosa mangiare sul lago d'Iseo? Il lago è diviso tra le province di Bergamo e Brescia e la cucina è condizionata ovviamente dalla tradizione locale. Da assaggiare assolutamente la tinca al forno con polenta o l'agone con polenta (chiamato anche sardina di lago!), i casoncelli (ai quali è dedicata una Sagra estiva nel paese di Castro), il salame di Montisola e i formaggi della zona tra i quali il Silter e lo stracchino. Il re della tavola è l'olio evo che viene prodotto sulle colline intorno al lago e con cui vengono conditi i piatti di pesce.
  • Dove mangiare sul lago d'Iseo?  A Riva di Solto fermati alla Trattoria al lago o, se hai gamba per salire alla frazione Zorzino, vai al Ristorante Al Guelfo. Sulla sponda orientale del lago invece ci si può fermare all'Osteria Ca'De Cindri di Iseo o alla Trattoria Glisenti di Vello. Infine a Clusane puoi mangiare qualcosa al Ristorante Antica Trattoria del Gallo, alla Trattoria del Muliner o alla Trattoria Al Porto.
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 9 mesi fa
    @Maurizio Nessun problema, non è così scontato trovarlo ☺️😉
  • Questo commento non è pubblicato.
    Maurizio · 9 mesi fa
    @Leo GRAZIE!
    Scusate la banalità della domanda, bastava navigare nel sito.....
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 9 mesi fa
    @Maurizio Ciao Maurizio,
    Noi siamo a Riva di Solto ma possiamo anche organizzare il trasporto fino a Tavernola eventualmente (o Parzanica ma poi devi risalire (h5) )
    Se vuoi maggiori dettagli scrivici una mail a [email protected] oppure chiama o manda un messaggio whatsapp a Davide al +39 340 307 6189
  • Questo commento non è pubblicato.
    Maurizio · 9 mesi fa
    Ciao a tutti,
    mi potete consigliare dove noleggiare le bici per fare il giro del lago? io sarò a Parzanica il prossimo mese.

    Grazie, saluti a tutti
    Maurizio
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 10 mesi fa
    @Giorgio Manc Ciao Giorgio, l'unica chiusura che potresti incontrare seguendo questa traccia e quindi passando dal parco dell'Oglio a Costa Volpino, è proprio nel parco cittadino dove stanno installando il ponte ciclabile sul fiume. Non so se i lavori siano già conclusi e quindi si possa addirittura già evitare il brutto ponte e relativo tratto trafficato tra Costa Volpino e Pisogne. Se il parco dovesse essere chiuso dovrai seguire la strada parallela oppure restare sulla principale per un po'.
    Per il resto non ci dovrebbero essere altri particolari problemi! (y)
    Buone pedalate
  • Questo commento non è pubblicato.
    Giorgio Manc · 10 mesi fa
    Buongiorno a tutti, vorrei fare il giro del lago domenica prossima 15 maggio 2022. Ci sono info particolari recenti da sapere? chiusure o tratti impraticabili? Grazie a chi vorrà rispondermi.
    Giorgio
  • Questo commento non è pubblicato.
    Angelo Barney · 1 anni fa
    @Francesca Ciao Francesca, un'altra soluzione per pedalare in sicurezza con il vostro piccolo Ettore al seguito potrebbe essere quello di un tandem tipo il Circe Helios che è pensato proprio per essere estremamente adattabile e per portare bambini dai 4 anni in su:
    https://www.circecycles.com/products/helios/
    Un mezzo di questo tipo, oltre conservare il divertimento offerto dall'esperienza tandem, consente al proprio bimbo di acquisire confidenza con la pedalata e la strada senza trascurare la sicurezza che è data dal fatto di avere sempre il proprio pargolo in scia anche quando non si pedala su pista ciclabile.
    Io ne ho uno che potrei prestarvi ma vivo a milano e quindi non so come potremmo organizzarci per farvelo provare e capire se si adatta alle vostre esigenze.
    Al massimo se passate da queste parti, scampanellatemi qui ;)
  • Questo commento non è pubblicato.
    Vero · 1 anni fa
    @Francesca Ciao Francesca, grazie per il tuo messaggio:) Il tratto più bello e sicuro da percorrere anche con il piccolo Ettore è sicuramente quello tra Vello e Toline che è tutto su ciclabile e molto panoramico. Con attenzione potreste spingervi fino a Pisogne che è molto graziosa (l'unica cosa è che purtroppo la ciclabile non è terminata - se ricordo bene - e ci dovrebbe essere un breve tratto da pedalare su strada secondaria! :) Sono certa vi divertirete un sacco, buone pedalate:)
  • Questo commento non è pubblicato.
    Francesca · 1 anni fa
    Buongiorno a tutti!
    Sono Francesca, mamma di un bimbo di 4 anni che pedala spedito sulla sua bici blu senza rotelle da ormai un anno. Pensavamo di percorrere alcuni tratti di qst bella pista ciclabile in un prossimo weekend, magari entro fine maggio ("zone colorate" permettendo, siamo di Varese) e mi affidavo alla Vostra esperienza per consigliarci quali tratti fare con il piccolo ciclista. Mettiamo a disposizione apposta il weekend per vivere il tutto con il suo ritmo.
    Grazie e complimenti per l'articolo (Vi ho appena scoperto, ora mi addentro in tutto il.sito)
    Francesca, Simone e il piccolo Ettore
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 2 anni fa
    @Davide La ciclabile credo sia aperta ma c'è la strada tra Riva di Solto e Castro che è chiusa fino al 6 novembre http://www.comune.rivadisolto.bg.it/news.aspx?id=423
  • Questo commento non è pubblicato.
    Davide · 2 anni fa
    Ciao a tutti, vorrei fare il giro del lago di Iseo venerdì 6 novembre, sapete dirmi se la ciclopedonale Toline -Vello è ancora chiusa?
    Grazie
  • Questo commento non è pubblicato.
    Vero · 2 anni fa
    @Alessandro Ciao Alessandro, mi spiace proprio tanto perchè la ciclopedonale merita. Purtroppo è soggetta a frane e in questo periodo la stavano sistemando:( La statale è bruttissima, davvero pericolosa! Spero tornerai in zona per rifare il giro:) a presto e buone pedalate
    Vero
  • Questo commento non è pubblicato.
    Alessandro · 2 anni fa
    Fatta a metà settembre 2020. Purtroppo abbiamo trovato chiuso la ciclopedonale Toline-Vello. Percorrere il tratto sulla statale, tra camion e gallerie, è risultato pericoloso e non piacevole, ma è stata l'unica nota stonata di un bellissimo periplo.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 2 anni fa
    @aaaa Grazie della precisazione... ho corretto l'errore! (y)
  • Questo commento non è pubblicato.
    aaaa · 2 anni fa
    @Vero il ponte unisce, non divide ;)
  • Questo commento non è pubblicato.
    Lukas _4942 · 2 anni fa
    @Giuseppe Ciao Giuseppe. Volevo sapere se il giro è praticabile con bici da corsa e copertoncini da 23 super slick oppure meglio montare qualcosa di più largo e leggermente tassellato (tipo un 32) . Sulle provinciali non ho dubbi sulla bdc con i 23 ma ho letto qua e là che la ciclabile ha parti sterrate e con brecciolino e non vorrei avere problemi. Grazie in anticipo per la tua risposta!

  • Questo commento non è pubblicato.
    Giuseppe · 2 anni fa
    Ottimo giro in bicicletta per tutti la parte bresciana ofre paesaggi mozzafiato e pista ben curata per ciclisti fatta oggi 18 agosto 2020
  • Questo commento non è pubblicato.
    oliva · 3 anni fa
    @Vero Grazie Veronica! Gentilissima e precisissima! :-)
  • Questo commento non è pubblicato.
    Vero · 3 anni fa
    @oliva
    ciao a tutti! ho visto questo bell'itinerario e domenica 26 maggio vorrei accompagnarci un gruppo che potrebbe essere anche di una ventina di persone. Credete che sia fattibile in relazione al traffico? Quali sono i tratti realmente trafficati?
    Vi ringrazio e complimenti per il sito fantastico!
    riccardo


    Ciao Riccardo, grazie davvero per i complimenti:) Beh le domeniche di primavera potresti trovare un po' di traffico di motociclisti se c'è una bella giornata oltre a tanti altri ciclisti e un po' di auto. Comunque se vi sposterete in fila indiana con tranquillità non avrete problemi. Non dimenticate le luci che ci sono due gallerie da fare. La strada litorale tra Riva di Solto e Castro è bellissima ma in certi punti stretta , ma forse il tratto più trafficato è tra Sale Marasino e Sulzano e il ponte che divide unisce Paratico a Sarnico.
    Buone pedalate e godetevi il lago di Iseo che per noi è casa:))
    Veronica
  • Questo commento non è pubblicato.
    oliva · 3 anni fa
    @Michele e Katia ciao a tutti! ho visto questo bell'itinerario e domenica 26 maggio vorrei accompagnarci un gruppo che potrebbe essere anche di una ventina di persone. Credete che sia fattibile in relazione al traffico? Quali sono i tratti realmente trafficati?
    Vi ringrazio e complimenti per il sito fantastico!
    riccardo
Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su