fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(2 Voti)

Giro della selva di Tarnova (Trnovski Gozd) in bici

A circa 20 chilometri da Gorizia, in territorio sloveno, si erge un altopiano carsico fittamente ricoperto da boschi e foreste: la Selva di Tarnova o Trnovski Gozd in sloveno. La quota media si stabilizza circa sui 1000 metri e, nonostante la vicinanza al mare, l’ambiente è tipicamente montano, con cime che sfiorano i 1500 metri che si alternano a profonde doline, le tipiche depressioni carsiche. La quasi continua copertura boschiva lascia spazio a poche e limitate radure e punti panoramici ed è percorsa da molte strade sterrate, generalmente ben pedalabili, e tortuosi sentieri.

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

Dati tecnici

Trnovski Gozd in bici

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Lokve
Lunghezza 65 km circa
Tempo 5-6 ore
Dislivello  2000 m circa
Tipologia di strada

Asfalto 5%

Sterrato 95%

Bici consigliata

Bici da viaggio

MTB

Gravel

VALUTAZIONE
Difficoltà Media
Panorama Piacevole
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggio
GiugnoLuglioAgostoSettembreOttobre

Come raggiungere la Trnovski Gozd

Normalmente, se non c’è un divieto specifico, le strade sterrate sono aperte anche al traffico veicolare e lungo la strada principale che collega gli abitati di Lokve e Predmeja si incrociano spesso automobilisti che procedono a forte velocità, sollevando polvere e schizzando ghiaia. Fortunatamente questa direttiva è l’unica che mi sento di sconsigliare ai ciclisti. Recentemente hanno intrapreso dei lavori di sistemazione della strada ed è probabile che pensino di prolungare il tratto asfaltato.

All’interno della foresta, la fitta vegetazione consente di trovare refrigerio anche nelle estati torride quando in pianura si boccheggia sfiancati dall’afa, mentre d’inverno le strade forestali innevate vengono utilizzate come piste per lo sci da fondo. La moltitudine di strade sterrate, sentieri e tratturi consiglia l’uso del gps e delle cartine topografiche altrimenti non è per nulla difficile perdere l’orientamento.

Per raggiungere la partenza del percorso, da Gorizia ci si dirige verso il confine di Salcano (Solkan) e si prosegue verso Tolmin. In prossimità del ponte sull’Isonzo, al semaforo, si seguono le indicazioni in salita per Lokve. Con splendida veduta su Gorizia e sull’Isonzo si arriva a una rotatoria dalla quale si può raggiungere Sveta Gora (Montesanto) e il suo monastero per godere di una vista ancora più ampia, oppure Grgar e Čepovan. Si prosegue invece diritti verso Trnovo e Lokve dove si può comodamente parcheggiare la macchina.

Il percorso è un anello che contorna la selva di Tarnova in bici e che tocca i pochi punti panoramici sia verso nord sul parco di Zgornja Idrijca che verso sud sulla Vipavska Dolina. Da Lokve si segue la strada asfaltata verso Predmeja. Ben presto l’asfalto termina e si affronta subito una salita di medio impegno

Slovenia in bici: nella serra di Tarnova

01 sella di tarnovo in bici

Al culmine della salita, al Passo dei Turchi (Turški Klanec), andando diritti per circa un chilometro si può raggiungere la Mala Lazna, una delle poche radure che la foresta ospita. Si svolta invece a sinistra e si continua a salire più agevolmente. Ad un incrocio si può scendere a destra per poche centinaia di metri fino all’imbocco della Ledenica Jama (grotta del ghiaccio) e, continuando, ritornare alla Mala Lazna. A causa dell’inversione termica in questa grotta si formava un accumulo di ghiaccio che nel passato veniva prelevato e trasportato sino in Egitto per la conservazione dei cibi. Oramai l’accesso alla grotta è possibile soltanto fino all’entrata.autunno in slovenia in bici

Si continua diritti in leggera salita e al bivio successivo si svolta a sinistra trascurando sulla destra le indicazioni per il rifugio Iztokova koča pod Golaki e la cima del Golak. Per chi ha tempo si consiglia questa deviazione in bici fino al rifugio e la facile salita che in circa 1 ora porta ai 1495 metri di questa cima, boscosa fin quasi in vetta, che offre una splendida panoramica della zona e di tutta la foresta di Tarnovo. In bici si continua verso sinistra e, dopo una baita privata, si percorre il bordo della vasta depressione Smrekova Draga, una tipica dolina carsica dove si può osservare nella crescita della vegetazione il fenomeno dell’inversione termica. Al successivo bivio si sale a destra mantenendosi sempre sulla strada principale fino a scollinare e iniziare una lunga discesa. Qualche scorcio panoramico attraverso gli alberi interrompe il fitto della foresta. 02 sella di tarnovo in biciSulla sinistra una breve deviazione di un centinaio di metri permette di raggiungere un aperto punto panoramico sulle colline della Zgornja Idrijca. Ritornati sulla strada principale si continua in discesa e in falsopiano fino ad un ampio incrocio al quale si va a destra.Dopo un paio di chilometri, ad uno slargo, si piega bruscamente ancora a destra in salita. Anni fa in questa zona si incontravano allarmanti cartelli gialli recanti la scritta POZOR MEDVED e stilizzata l’immagine di un orso che, anche non conoscendo lo sloveno, facevano rizzare i capelli in testa. Ora i cartelli non ci sono più ma sono convinto che gli orsi ci siano sempre.autunno sloveno

Seguendo la strada principale sempre in salita si scollina e infine inaspettatamente si raggiungono le radure nei pressi dell’abitato di Predmeja. Raggiunta la strada asfaltata che sale da Col, si svolta a destra e si perviene a un bel punto panoramico sulla Vipavska Dolina

Trnovski Gozd in bicicletta paesaggio

Si prosegue su asfalto in leggera salita e dopo due tornanti si piega a sinistra seguendo le indicazioni per Čaven. Una salita asfaltata e impegnativa porta ad un altro punto panoramico alto sulla valle, poco prima di arrivare al rifugio Koča Antona Bavčerja na Čavnu a circa 1200 metri. Dal rifugio, mantenendo la sinistra, inizia una lunga mulattiera che percorre il bordo meridionale della foresta di Tarnova. In bici si trascurano tutte le deviazioni sulla destra che, con andamento tortuoso, permettono di accorciare il percorso e infine si ritrova l’asfalto poco prima della località Krnica pr’ Palirju caratterizzata da due costruzioni e un totem. Si prosegue in discesa passando nei pressi di un punto di decollo di parapendio e deltaplani con bella vista panoramica. Trnovski Gozd in bicicletta autunnoPoco dopo si svolta a destra in salita e seguendo la strada principale si raggiunge il Passo dei Turchi (Turški Klanec) attraversato all’inizio. Svoltando a sinistra in discesa si raggiunge nuovamente Lokve e il punto di partenza. È un giro solitario e meditativo adatto agli “orsi”. Chilometri e chilometri di strade e boschi senza punti di appoggio né possibilità di rifornimento. Scarsi anche i ciclisti.

Gli unici punti di appoggio sono gli abitati di Lokve e Predmeja e i rifugi, non sempre aperti, Koča Antona Bavčerja na Čavnu e Iztokova koča pod Golaki. Comunicare non è semplice. Non sempre la gente del posto parla italiano o inglese e lo sloveno risulta incomprensibile.

 

Cartografia e Bibliografia

  • KOD&KAM: Izletniška Karta GORIŠKA 1:50.000
  • KARTOGRAFIJA: Posočje 1:40 000, turistična karta z vodnikom Škofjeloško - Idrijsko - Cerkljansko 1:40000, turistična karta z vodnikom
  • GEAGO: Goriška recreation map 1:50.000
  • TRANSALPINA: Selva di Tarnova – La Foresta a Colori di Ettore Tommasi – Giovanni Stegù

 

 

  • Quando è meglio pedalare l'anello del lago d'Iseo, Mantova e Garda? I periodi più belli per pedalare questo itinerario sono l'autunno e la primavera
  • Come posso raggiungere Sarnico? Sarnico non è ben servita dai mezzi pubblici quindi, essendo un itinerario ad anello, se non sei della zona del lago d'Iseo, suggerisco di iniziare il percorso a Mantova, a Peschiera del Garda o a Brescia, tutte località raggiungibili in treno.
  • L'itinerario è segnalato a tratti quindi consiglio di scaricare la traccia GPS.
  • Lungo l'itinerario si trovano diverse fonti d'acqua dove dissetarsi, soprattutto nei paesi

Dove posso dormire lungo l'itinerario?

  • Lungo l'itinerario sono presenti aree di sosta per camper, camping e strutture ricettive di ogni livello soprattutto alla partenza di Peschiera del Garda e all'arrivo di Mantova. Nella nostra percorrenza abbiamo alloggiato presso il Poeta Contadino di Casalbuttano, in tenda lungo il Mincio e presso l'hotel Sogno di Mazzano.
  • Dove posso mangiare lungo l'anello del lago d'Iseo, Mantova e Garda in bici? Se vuoi mangiare qualcosa di tipico a buon prezzo scegli una delle osterie o trattorie lungo l'itinerario come il Poeta Contadino.
  • Cosa posso mangiare? Prova assolutamente i tortellini di Valeggio, i tortelli di zucca o un piatto di risotto a Mantova, i numerosi salumi serviti con gnocco fritto o Chisœla, la tinca al forno con un calice di Franciacorta sul lago, i casoncelli al burro e crostini di polenta con formaggio nostrano, lardo e salsiccia a Brescia.
  • Inlombardia: il sito ufficiale del turismo nella regione Lombardia
  • Veneto.eu: il sito ufficiale del turismo nella regione Veneto
  • Parco dell'Oglio Nord: con tutte le informazioni sul corso d'acqua, l'ospitalità e le attività
  • Brescia: il sito di riferimento del turismo in cttà
  • Visit Lake Iseo: il portale ufficiale del turismo sul lago
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Sangioss

Ormai 60enne, acciaccato, ex alpinista, escursionista, cicloamatore da strada e da montagna, cicloturista e cicloviaggiatore. Assieme alla mia compagna Susanna, lavoro permettendo, passiamo parecchio tempo sui pedali e altrettanto a progettare escursioni e viaggi, a volte su percorsi classici e assai noti e altre volte improvvisando itinerari su strade secondarie poco conosciute. Spesso mi chiedo perchè lo faccio...e spesso mi rispondo semplicemente: perchè no!?

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su