fbpx

Unisciti alla LiT Family



Portapacchi per bici: come scegliere e quali sono i migliori per viaggiare

Scritto da
Vota questo articolo
(13 Voti)

Sì, lo so, nell'era del bikepacking e delle borse che si attaccano un po' ovunque al telaio parlare di portapacchi per bici potrebbe sembrare un po' anacronistico. Eppure a mio parere, resta uno degli accessori più importanti da valutare quando si effettuano viaggi in bici con borse laterali (pannier). Sia esso posteriore o anteriore, quando si affronta un viaggio, è fondamentale scegliere quello giusto perché può risparmiarti parecchi grattacapi. Sceglierne uno troppo fragile potrebbe portarlo a rompersi dopo pochi chilometri, sceglierne uno troppo pesante ti farebbe inutilmente aggiungere peso a quello che già devi trasportare.

Di seguito cercherò di fare una carrellata sui portapacchi per bicicletta per affrontare un viaggio in bici, considerando la tipologia di viaggio scelto e quello che offre il mercato.

Topic
ACCESSO RISERVATO AGLI ABBONATI
Questo contentuto è riservato al piano Esploratore
€ 29

all'anno

navigazione del sito AdFree

e-book PDF "Vecchie ferrovie in bicicletta"

e-book PDF "Viaggiare in bici che figata!"

il tuo nome nella pagina dei ringraziamenti

€ 49

all'anno

tutti i bonus Weekender

accesso a B.E.E.R. - Botta Ed (Esaustiva) Risposta: contenuti esclusivi su argomenti di viaggio, comparative, itinerari e molto altro

il gadget 2022 da cicloviaggiatore Life in Travel

€ 129

€ 99

all'anno

navigazione del sito AdFree

e-book PDF "Vecchie ferrovie in bicicletta"

e-book PDF "Viaggiare in bici che figata!"

e-book PDF "Le strade più belle del mondo in bici"

il tuo nome nella pagina dei ringraziamenti

accesso a B.E.E.R. - Botta Ed (Esaustiva) Risposta: contenuti esclusivi su argomenti di viaggio, comparative, itinerari e molto altro

il gadget 2022 da cicloviaggiatore Life in Travel

2 volumi illustrati Ritorno a occidente sul viaggio tra Georgia e Turchia

accesso a F.A.M.E. - Fantastici Articoli Mensili Esclusivi pubblicati solo per te

Sei già abbonato?

Life in Travel Diaries
Sono disponibili i Life in Travel diaries, libri fotografici con tanti racconti di viaggio scritti dai cicloviaggiatori per i cicloviaggiatori. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 
 
 
Letto 84294 volte Ultima modifica il Venerdì, 23 Febbraio 2024 09:53
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    · 11 mesi fa
    Mai piu' condividere ma monetizzare. Bravi questo è lo spirito del viaggiatore.
    • Questo commento non è pubblicato.
      · 11 mesi fa
      Pippo credo che se tu scrivi questo commento non conosci realmente Life in Travel e quello che c'è dietro... sul sito ci sono circa 5000 articoli e per la LiT Family ne vengono creati, da 3 anni, 1 al mese. In totale quindi circa 35-40 articoli finora, meno dell'1% di quelli presenti sul sito sono a pagamento, tutti gli altri sono liberamente accessibili. Chi ci sostiene lo sa e non lo fa (solo) per poter avere qualche articolo in più da leggere, gli ebook e i libri, ma soprattutto perché capisce quanto della nostra esperienza noi cerchiamo di condividere qui e su tutti i nostri canali quotidianamente e capisce quanta passione e impegno ci siano dietro.

      Creare contenuti di qualità e utili è un grosso lavoro che noi portiamo avanti da 16 anni con passione e costanza e ti assicuro che non siamo diventati ricchi nel frattempo, anzi. Per continuare a condividere il nostro amore per il cicloturismo e i viaggi in bici abbiamo fatto scelte e sacrifici che ci appagano ma che non sono semplici. Proprio per questo motivo commenti come questi sono dolorosi, anche se rispetto la visione di ognuno. 
      Spero tu possa sfruttare tutte le altre informazioni libere e gratuite che troverai sul sito, buona strada.

      • Questo commento non è pubblicato.
        · 11 mesi fa
        Leo sta di fatto che il vostro sito è costellato di pubblicità...non siete gli unici ad aver fatto scelte e sacrifici.  Rimanere coerenti è veramente difficile. A me fa male vedere scomparire un mondo una volta costituito da gente che si incontrava, parlava, discuteva e scambiava informazioni ed indirizzi scritti su pezzi di carta in angoli remoti del pianeta, La stessa gente che viveva il viaggio come una soluzione costruttiva, la bicicletta come una macchina del tempo. Ricerca rispetto e distanza... Cosa centra tutto ciò con marchi, nomi, modelli ? Cosa centra l'amore della bicicletta con chi è più interessato a mostrare la propria bicicletta? Cosa centra il confondere condivisione con la ricerca di consenso per ciò che si fa ?  Ho conosciuto gente che ha fatto migliaia di km e non ha mai lasciato il divano di casa e gente che dal divano di casa ha fatto incredibili viaggi. Mi spiace te la sia presa male addio e grazie per la comprensione. 
        • Questo commento non è pubblicato.
          · 11 mesi fa
          Pippo, sono convinto che tutti facciano scelte e sacrifici, l'importante è che ognuno li faccia in un'ottica di soddisfazione personale e di ricerca del proprio benessere psicofisico. 
          Ciò che a me fa male in commenti come il tuo (che per fortuna devo dire sono merce rara) è vedere come tutti gli sforzi fatti per condividere migliaia di informazioni vengano vanificati da un giudizio superficiale.
           
          Non sono d'accordo con te sul fatto che quel mondo che tu descrivi stia scomparendo... te lo dice uno che ha conosciuto sua moglie portandole una mappa della Nuova Zelanda per darle informazioni su un futuro possibile viaggio! Certo, la società cambia e la comunicazione si è rapidamente evoluta negli ultimi anni. Anche i viaggi e i viaggiatori sono cambiati, è indiscutibile, ma personalmente non sono un nostalgico e credo che ogni epoca viva i propri profondi cambiamenti. Nel nostro ambito c'è stata un'esplosione di interesse che non sempre è positiva, ma ha aiutato anche a migliorare materiali e a diffondere informazioni.
          Sono invece d'accordo sul fatto che la ricerca del consenso e l'apparenza più che la sostanza siano un grande male della società moderna ma, in tutta sincerità, non me ne sento toccato più di tanto. Sì, condivido tutto ciò che riguarda l'ambito cicloviaggio e cicloturismo e cerco di dare informazioni (utili o meno, questo non sta a me giudicarlo) anche su prodotti e  materiali oltre che su itinerari e percorsi ma lungi da me cercare consenso o inseguire approvazione.

          Grazie a te per aver dato il tuo punto di vista e animato questa discussione che, te lo assicuro, aiuta più di silenzi o parole dette alle spalle.
          Ti auguro buona strada e buona vita. 
          • Questo commento non è pubblicato.
            · 11 mesi fa
            Ti ripeto che mi spiace te la sia presa male. Mi lascio prendere dalla mia superficialità ed individuo nella condivisione di massa un elemento di spinta alla globalizzazione che la mia piccola persona non riesce ad accettare. Scusami se no riesco a tacere l'associazione del  termine "commento"  all'aggettivo "merce" che mi ricorda una forma commerciale delle idee e dei pensieri. 
            Poi se proprio vuoi si potrebbe discutere del "...te lo dice uno che.." 
            Potremmo anche lasciare cadere tutto e chissà magari ...
            • Questo commento non è pubblicato.
              · 11 mesi fa
              scusate l'ignoranza merce è un sostantivo non un aggettivo
Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.