Menu

MerMag16

Pannelli solari portatili per cicloturismo: consigli e confronto

Chi riesce, nel XXI secolo, a fare completamente a meno della tecnologia quando è in viaggio, scagli la prima pietra! 
Al giorno d'oggi, purtroppo o per fortuna, la tecnologia ci circonda e difficilmente ne possiamo fare a meno, anche nella pratica del cicloturismo. Per poterci permettere viaggi in terre selvagge e lontani dalla civiltà per qualche giorno o più però, è necessario trovare una fonte di approvvigionamento alternativa alla rete per l'energia elettrica, necessaria a ricaricare le batterie di smartphone, GPS, tablet, PC... Una di queste possibili alternative sono i caricabatterie o pannelli solari da viaggio portatili: vediamo di seguito come funzionano ma soprattutto quali sono le alternative sul mercato e come scegliere quelli più adatti alle nostre esigenze.

Indice

Indipendenza energetica

Il cicloturismo rappresenta, per molti di noi, una fuga dalla quotidianità alla ricerca di un po' di lentezza e tranquillità, lontani dalla frenesia delle giornate che scorrono fulminee. Si cerca un percorso intrigante e a contatto con la natura, in linea con le proprie esigenze e si parte cercando di isolarsi e di lasciarsi alle spalle tutti i pensieri ed i problemi. Solitamente si cerca di ridurre al minimo il bagaglio, sia per esigenze di peso e spazio, sia per liberarsi per un po' dall'effimero legame con i beni materiali che si posseggono. Al giorno d'oggi però fare a meno della tecnologia è difficile ed anche se si cerca di ridurla ai minimi termini, non è facile rinunciare ad uno smartphone o ad una macchina fotografica. Questi accessori richiedono energia elettrica per funzionare e se si vuole restare lontano dalla civiltà per un po', ci si dovrà ingegnare per trovare delle fonti di approvvigionamento alternative.
Ho già parlato delle dinamo al mozzo e di come poterle sfruttare per ricaricare i propri accessori tramite l'utilizzo di caricatori USB per dinamo al mozzo. Oggi invece parleremo dell'altra principale alternativa: i pannelli solari portatili e ci concentreremo sui pannelli fotovoltaici per cicloturismo e outdoor.

Perché scegliere i pannelli fotovoltaici portatili

Le alternative principali per ricaricare i propri dispositivi elettronici sono tre:
  • l'utilizzo delle batterie esterne
  • la dinamo al mozzo ed un caricatore USB
  • i pannelli solari fotovoltaici portatili
Queste tre alternative vanno ponderate e utilizzate a seconda delle proprie esigenze. L'utilizzo di power bank esterni può andare bene per chi prevede di stare nella natura senza corrente elettrica per un weekend o qualche giorno poiché esse hanno una durata limitata. La dinamo al mozzo con il caricatore USB può andare bene per chi vuole essere un po' più indipendente ma non ha l'esigenza di caricare un notebook o un laptop che richiedono maggior potenza ed energia, mentre i caricabatterie solari fotovoltaici da viaggio possono essere la soluzione per i più avventurosi e "connessi" che vogliono avere una buona autonomia.pannelli solari portatili
Logicamente una delle tre alternative non esclude le altre. Anzi, a mio parere è utile integrarle per ottenere la miglior resa.

Come scegliere

La tecnologia, anche nell'ambito dei pannelli solari portatili, ha fatto passi da gigante negli ultimi anni e i caricatori fotovoltaici sono diventati più leggeri, più efficienti, più affidabili. Personalmente abbiamo dei pannelli portatili ma ormai hanno quasi 10 anni ed oltre ad essere pesanti, fanno fatica a raggiungere prestazioni elevate ed è probabilmente giunto il tempo di mandarli in pensione... è anche per questo che ho deciso di realizzare questo articolo e di fare una ricerca online per capire a che punto è arrivato il mercato.
La scelta del pannello solare fotovoltaico portatile giusto dipendo moltissimo dalla tua esigenza e dal tipo di viaggio che andrai ad affrontare. Ormai esistono pannelli di diverse forme, dimensioni, prezzi e stili. Chiusi con velcro, legati con moschettoni, tascabili, da legare alle borse o allo zaino... insomma, ora che ti ho riempito di confusione cerchiamo di fare un po' di chiarezza!
Prima di scegliere, purtroppo, è doveroso dare qualche nozione tecnica anche se cercherò di limitarmi al minimo. Il parametro più importante da considerare è probabilmente il Wattaggio del pannello solare e cioè la sua potenza elettrica (che dipende dalla tensione e dall'intensità di corrente). In generale, per non entrare troppo nel tecnico, per ricaricare una telefonino considera che è necessaria una potenza di circa 4-6 Watt, se non maggiore con gli smartphone di ultima generazione. Per un laptop sono invece necessari pannelli da almeno 12-14 Watt con un accumulatore ed un inverter che converta la corrente da continua ad alternata. Fortunatamente oggi sul mercato sono disponibili dei Kit che comprendono tutti questi gingilli complicatissimi!
Per farla breve, a mio modesto parere, ormai non vale più la pena soffermarsi su pannelli solari troppo piccoli perché con un leggero aumento di peso e volume si possono avere kit che aumentano la velocità di ricarica dei nostri dispositivi quindi il mio consiglio è quello di concentrarsi su pannelli che vadano dai 10 W in su. 
Anche l'Amperaggio (intensità di corrente) è importante per migliorare la ricarica dei tuoi dispositivi elettronici e quindi, ad esempio, una porta USB che permette il passaggio di una corrente da 2.1 ampere sarà migliore di una che permette il passaggio di soli 1.3 ampere.

Come ricaricare i tuoi dispositivi

Le soluzioni per utilizzare i pannelli solari portatili, sono fondamentalmente tre:
  • Pannelli solari portatili soltanto, sia flessibili che monocristallini
  • Pannelli solari con batteria integrata
  • Pannelli solari portatili con batteria esterna (separata)
Nel primo caso i tuoi dispositivi andranno collegati direttamente alla porta USB del pannello solare e verranno ricaricati direttamente, nel secondo caso il pannello ricarica automaticamente una batteria integrata che poi potrà ricaricare (anche senza la presenza del sole) i tuoi dispositivi e nel terzo caso i pannelli andranno collegati ad un battery pack esterno che poi potrai utilizzare per ricaricare i tuoi dispositivi.
Tutte queste soluzioni presentano dei vantaggi: nel primo caso potrai avere una ricarica più efficiente senza dispersioni nel passaggio di corrente elettrica tra un dispositivo e l'altro, ma d'altro canto dovrai lasciare il tuo telefono/tablet/PC collegato per ore al pannello solare durante il giorno. Il secondo caso, idealmente, sembrerebbe quello più funzionale, ma si deve considerare il costo (in generale più alto per un pannello solare portatile con batteria integrata) e la capacità di accumulo della battteria integrata (che non sempre è altissimo). Il terzo caso, a mio parere, è la giusta via di mezzo: si può ricaricare un battery pack esterno che può essere grande quanto si vuole e che ormai non costa così tanto (ce ne sono da 15000-20000mA a poco prezzo ormai!) per poi ricaricare il dispositivo che vogliamo con calma e quando vogliamo.

7 modelli da acquistare

Ci sono due tipologie di pannelli solari portatili:
  • Pannelli flessibili in PET: più leggeri e adattabili, ma meno efficienti e duraturi
  • Pannelli monocristallini: più pesanti e ingombranti, ma duraturi ed efficienti
Di seguito ho deciso di fare una selezione di alcuni pannelli che sono presenti sul mercato e che sceglierei. Esistono anche pannelli più piccoli e leggeri, ma ho preferito partire dai 20W in su, per avere una buona capacità di ricarica... sotto quel valore personalmente utilizzerei preferibilmente una dinamo al mozzo.
Ci sono aziende che hanno un catalogo molto ampio e diverse opzioni ma nella lista qui sotto trovi solo un prodotto per azienda... a seconda delle tue esigenze ti consiglio di controllare il sito web ufficiale per più alternative.
Ecco i caricabatterie solari da me scelti:
Panello Solare
Anker PowerPort Solar 21W
Rav-Power 24W
BigBlue 28W
Power Traveller Falcon 40W
Voltaic Systm Arc 20W
Goal Zero Nomad 20
Tregoo Hippy 40 Extreme
Peso
420 g
750 g
585 g
910 g
900 g
1100 g
1100 g
Dimensioni (da chiuso)
28x16x3 cm
30x0,5x16,5 cm
28x16x2,8 cm
29x29x1 cm
19x25,5x2 cm
21x33x2,5 cm
60x30 cm
Cosa ricarichi
Smartphone, GPS, Action Cam, Powerbank
Smartphone, GPS, Action Cam, Powerbank
Smartphone, GPS, Action Cam, Powerbank
Laptop, Ipad, Tablet, Ipod, MP3, GPS, Powerbank
Laptop, Smartphone, Tablet, GPS, Action Cam, Powerbank
Laptop, Smartphone, Tablet, Ipad, Action Cam, Powerbank
Powerbank, Action Cam, Laptop, Tablet, Smartphone

Anker PowePort Solar 21W

Questo pannello solare ha 4 fogli di cui tre dedicati ai pannelli in PET ed uno alla custodia che contiene le due porte USB collegate e dove inserire i nostri dispositivi da ricaricare. I 21W sono distribuiti su 5V e 3A con una buona efficienza (21-23%). Le porte USB possono ricaricare a 3A in coppia e fino a 2.4A a porta: ciò assicura una ricarica veloce (relativamente). Il pannello solare portatile Anker PowerPort Solar 21W è compatibile con smarphone, batterie delle macchine fotografiche e dispositivi GPS. Il peso è di circa 420g e l'ingombro da chiuso è circa quello di una rivista (28x16x3cm) mentre aperto necessita di un buono spazio (67x28x0,5cm): mentre si pedala ad esempio si può pensare di appoggiarlo sopra il carrellino o le borse da bici posteriori.
Il costo di questo pannello è di 69,99€ su Amazon.anker powerport solar 21W

Rav-Power 24W

Questo caricabatterie solare portatile pesa circa 750g ed ha un ingombro, da aperto, di 84x30x0,5cm con un'efficienza dichiarata del 21.5-23.5%. Non è dunque piccolissimo avendo 4 ali coperte da pannelli ed una con la tasca per contenere i dispositivi da ricaricare. I pannelli sono mono-cristallini, ricoperti da una pellicola protettiva in nylon. Sono presenti tre porte USB con un output di 2.4A per porta (fino a 4.8A totali) e a quanto si legge sul sito è presente un chip che distribuisce equamente l'energia prodotta ai dispositivi collegati (anche se personalmente ho dei dubbi che si riescano a ricaricare tre dispositivi contemporaneamente). Sul pannello sono presenti quattro occhielli in acciaio per agganciarlo dove si desidera e due cavi micro-USB per ricaricare.
Il costo è di 65,99€ su amazon.rav power24W

BigBlue 28W

Un altro prodottto che sembra avere un ottimo rapporto qualità/prezzo. Questo caricabatterie solare è molto simile, per prezzo, peso e ingombro, al Rav-Power precedente ma ha una potenza leggermente superiore e "solo" due porte USB da 2.4A. Anche in questo caso è presente un cavo micro-USB, cinque ali di cui quattro occupate dai pannelli ed una dalla tasca. I pannelli in questo caso sono in PET con una cornice in poliestere a protezione e i quattro occhielli in acciaio per l'aggancio. Ancora una volta sembra essere una buona scelta per ricaricare powerbank o dispositivi come smartphone, action cameras e batterie per le vostre DSLR.

Powertraveller Falcon 40W

Saliamo un po' di costo ma anche di livello. Il Falcon 40 dell'azienda inglese Powertraveller è costituita da celle mono-cristalline ripiegate in tre ali con la quarta in cui è presente la solita tasca che può essere utilizzata  per i dispositivi da ricaricare. In questo caso il pannello da 40W. Il pannello chiuso ha una dimensione id 29x29x1cm circa e pesa 910g. E' dotato di 2 uscite USB (5V/3A max) e di una uscita DC (20V/1A max). Quest'ultima è proprio la caratteristica che differenzia questo pannello dagli altri citati finora: con tale porta è possibile ricaricare infatti un laptop portatile anche se la corrente da 1A max costringerà ad una carica, credo, piuttosto lenta (non ho però la controprova non avendolo mai utilizzato!). Anche in questo caso sono presenti 4 occhielli in acciaio per ancorare il caricabatterie solare e nella confezione sono disponibili anche un cavo DC, un cavo da USB-C a USB, un adattatore USB-C femmina/micro-USB maschio, 1 presa per la carica tramite l'accendisigari dell'auto, 2 moscehttoni e 10 puntine per il laptop.
Il Powertraveller Falcon 40W è appena uscito e si trova su Amazon a  209,18€ mentre è possibile acquistare anche il fratello minore (1 USB e 1 DC) Falcon 21 che mentre scrivo si trova a 200,25€ ma che credo si abbasserà nei prossimi mesi vista l'uscita del 40W.falcon 40

Voltaic System Arc 20W

Ho voluto inserire questo pannello anche se non è presente su Amazon e acquistandolo sul sito ufficiale si incappa in una spesa di spedizione molto alta. La particolarità di questo pannello è che, nonostante i 20W di potenza, ha un'amperaggio massimo di 1.1A e quindi può ricaricare un circuito a 20V (in sostanza ci si può ricaricare i laptop o computer portatili).  Il sistema è sempre simile a quello dei precedenti modelli: quattro ali ricoperte di pannelli ed una tasca per i dispositivi da ricaricare. Le celle sono monocristalline e l'efficienza del 19% non è altissima. Il peso è di 0,9kg e l'ingombro da chiuso di 19x25.5x2cm.
Il costo sul sito ufficiale è di 149$ ma le spese di spedizione in questo caso incidono molto e variano da zona a zona (io ho simulato una spedizione in provincia di Bergamo e la stima è stata di 69$!!!)voltaic system 20W

Goal Zero Nomad 20

Nonostante il fratello minore Nomad 7 ne esca con le ossa rotte dalla recensione che ho citato precedentemente, inserisco ugualmente un prodotto di questa che è forse l'azienda più conosciuta per la produzione di pannelli solari portatili. Di certo il costo di questo pannello da 20W non è irrisorio ma anche in questo caso il fatto positivo è la possibilità di avere un'uscita USB (5V, 2A) ed una regolabile (14-22V, fino a 1.3A) con cui caricare anche un computer portatile. Il peso è di 1.1kg e le dimensioni da chiuso sono di 21x33x2,5cm. L'azienda produce molti modelli e quindi è possibile scegliere potenza e dimensioni a seconda delle proprie esigenze.

Tregoo Hippy 40 Extreme

Anche in questo caso l'azienda è una ottima azienda ed è per questo che ho deciso di inserire l'Hippy 40 Extreme nella lista anche se non so quanto sia adatto al cicloturismo. Il pannello da 40W con celle mono-cristalline ha una dimensione di 60x30cm da chiuso e circa il doppio (66x60cm) da aperto e pesa circa 1.1 kg. L'uscita è tramite cavo coassiale da 5,5mm (16V - 0/2,5A) e può essere collegato ad una batteria esterna (anche la stessa azienda ne produce di abbinabili). Il peso e l'ingombro sono al limite ma la ricarica dovrebbe essere ottimale.
Se conosci altri pannelli solari portatili per il cicloturismo e l'outdoor validi, non esitare a commentare qui sotto e farcelo sapere!
Pannelli solari portatili per cicloturismo: consigli e confronto - 4.0 out of 5 based on 1 vote
Vota questo articolo
(1 Vota)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici