Bicycle Route 66: Stati Uniti in bici da est ad ovest

Pubblicato in USA
Vota questo articolo
(0 Voti)
Se non avessi la passione per i viaggi in bici, sicuramente sceglierei di viaggiare on the road e, nell'immaginario collettivo, la strada più desiderata e sognata è la Historic Route 66. In bici però esiste un itinerario analogo facente parte del U.S. Bicycle Route System e chiamato Bicycle Route 66. Sono 4000 km (di pura avventura!) attraverso gli Stati Uniti, dall'Illinois alla California.

Prima di partire per gli Stati Uniti

Lo so, lo so, tu stai leggendo perché vuoi conoscere l'itinerario della bicycle route 66 ma ci sono alcune cose che è bene sapere se vuoi organizziare un viaggio negli Stati Uniti e la più importante riguarda il visto. In realtà, per entrare negli U.S.A. e restarci per un periodo inferiore ai 90 giorni i cittadini di 38 paesi tra cui l'Italia possono evitare di dover richiedere un visto vero e proprio. Per entrare negli Stati Uniti nell’ambito del programma "Viaggio senza Visto" (Visa Waiver Program) è necessario ottenere un'autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization). Puoi fare richiesta del "visto" ESTA per gli USA direttamente compilando il modulo ESTA online. Ricordati che la richiesta va effettuata almeno 72 ore prima di salire sul mezzo che ti porterà negli Stati Uniti. L'autorizzazione ha validità di due anni nei quali si potrà viaggiare verso gli U.S.A. per un numero illimitato di volte, ma sempre per periodi non superiori a 90 giorni consecutivi.strada senza fine bicycle route
Foto In bici sulle strade d'America da Shutterstock

Bicycle Route 66: panoramica dell'itinerario

Quattromila chilometri da Est ad Ovest, dalla città di Chicago sulle sponde del lago Michigan in Illinois a Santa Monica, poco lontano da Los Angeles, sulle sponde dell'Oceano Pacifico in California. Nel mezzo di questo itinerario di lunga percorrenza si susseguono paesaggi e stili di vita profondamente differenti nonostante ci si trovi sempre a pedalare nella stessa nazione. Si inizia con le vaste praterie erbose dell'Illinois per attraversare i monti Ozark e giungere nelle sconfinate distese desertiche del sud-ovest. Le difficoltà maggiori si incontrano proprio in quest'ultima parte, soprattutto se si decide di affrontare il viaggio nella bollente estate: le distanze tra i punti di rifornimento sono notevoli e si deve viaggiare preparati ed equipaggiati. L'ideale in realtà sarebbe affrontare l'itinerario a primavera o in autunno, periodi in cui oltre ad evitare il caldo torrido del deserto, si può sfuggire alla neve in quota.historic route 66
Foto Route 66 da Shutterstock
Un altro fattore da tenere in considerazione, anche se ti sto descrivendo l'itinerario da est ad ovest, sono i venti: in questo caso l'ideale sarebbe percorrere il tragitto in senso opposto, da Santa Monica a Chicago per avere il vento prevalentemente alle spalle.
Se sei affascinato dalla Historic Route 66, attento perché l'itinerario della Bicycle Route 66 non la segue sempre: in alcuni casi, per evitare tratti particolarmente poco adatti al cicloturismo, si è preferito scostarsi dal tracciato storico.

Le praterie dell'Illinois

La Bicycle Route 66, studiata e mappata dall'Adventure Cycling Association, inizia il suo viaggio verso ovest sulle sponde del lago Michigan e si discosta subito dalla più famosa strada storica per evitare il traffico cittadino di Chicago. La città è dotata di un'ottima rete ciclabile che è possibile sfruttare per uscirne, partendo dal Grant Park alla Buckingham Fountain. Ad Elwood l'itinerario si ricongiunge con l'Historic Route 66 e poco più tardi inizia a scorrere parallela alla I-55 passando per Springfield ed altre piccole cittadine. Si attraversano immense distese prative e dolci colline prima di sopraggiungere a Saint Louis dove si oltrepassa il fiume Mississipi per entrare nel Missouri.chicago in bici
Foto Chicago on a bicycle da Shutterstock

Sfiorando i monti Ozark

L'ingresso nel Missouri identifica anche il cambiamento di paesaggio sulla rotta dei ciclisti che decidono di avventurarsi lungo la Bicycle Route 66: le praterie lasciano spazio all'estremità settentrionale dell'altopiano d'Ozark. Questa regione che si estende tra i fiumi Arkansas e Missouri è di gran lunga la regione montuosa più estesa tra gli Appalachi, catena che delimita l'area orientale degli Stati Uniti, e le Montagne Rocciose, mitica catena montuosa dell'Ovest. In bici si dovranno affrontare le colline settentrionali di quest'area passando per Stantford, Saint James e Springfield prima di abbandonare il tracciato della strada storica e deviare su strade più tranquille e meno trafficate. Si dovrà attendere l'arrivo alla cittadina di Joplin per veder ricongiungere i due percorsi.

Le grandi pianure dell'Ovest

Qualche chilometro in Kansas permette alla Bicycle Route 66 di annoverare 8 Stati tra quelli attraversati ma subito si entra in Oklahoma, pedalando paralleli alle arterie principali I-44 e I-40. Una costante e graduale salita conduce ad Amarillo prima di arrivare ad Adrian, punto intermedio del viaggio e della Historic Route 66. Se fino ad ora i servizi erano piuttosto numerosi e facili da reperire, da qui in avanti essi iniziano a scarseggiare, soprattutto pensando ai negozi di biciclette.
In questo tratto di strada in New Mexico si pedala spesso paralleli o sulla I-40 ed I-25 anche se l'itinerario proposto dall'A.C.A. presenta una deviazione che segue la strada storica allungandosi verso nord per raggiungere Santa Fe prima di ritornare a sud verso Albuquerque. L'alternativa è proseguire dritti da Santa Rosa verso Tijeras seguendo la I-40 e riducendo un po' il chilometraggio.bicycle route 66 in bici

Nativi e Continental Divide

Dopo Albuquerque la strada attraversa numerosi territori nativi, denominati anche Pueblos. In questa zona i territorio sovrani sono regolati da leggi locali ed è richiesto il rispetto di tale differente cultura. Non si può campeggiare liberamente ed è necessario richiedere il permesso per fotografare e filmare i siti ed i panorami. In questo tratto è preferibile evitare la I-40 poiché traffico e condizioni della strada la rendono pericolosa. Appena ad ovest di Grants si attraversa El Malpais National Monument dove si passa il Continental Divide per raggiungere Gallup, divenuta grazie alla costruzione di un bike park, la Mecca della MTB in New Mexico.parco nazionale el malpais
Foto El Malpais National Monument da Shutterstock

La foresta pietrificata e le montagne

Ancora una volta il tracciato della Bicycle Route 66 abbandona la strada storica per attraversare il parco nazionale della Foresta Pietrificata dove panorami e paesaggi sono da urlo. Si raggiunge Flagstaff per poi attraversare le Black Mountains attraverso il passo Sitgreaves: questa parte di tragitto è particolarmente tortuosa e selvaggia.

Dal deserto all'oceano

L'ultimo stato, la California, è vicino e inizialmente si attraversa un lungo tratto desertico tra Needles e Barstow, dove in estate ed inverno sono frequenti le tempeste che causano allagamenti della strada storica. Stando a quanto riportato dall'A.C.A. oggi, dopo una serie di stagioni particolarmente negative, proseguire il proprio viaggio sulla Historic Route 66 tra queste due cittadine è impossibile e si è quindi costretti ad attraversare il tratto desertico lungo la I-40, solitamente vietata alle bici (in questo tratto si è giunti ad un accordo per non interrompere la Bicycle Route 66). 
{lodaposition ads-2}
Più avanti si iniziano ad intravvedere i primi sobborghi di Los Angeles e le strade divengono più trafficate. La conclusione della Bicycle Route 66 si trova al molo di Santa Monica dopo oltre 4000 km di strade selvagge attraverso gli Stati Uniti d'America... un'avventura da fare una volta nella vita!
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito