Escursioni, itinerari in mountain bike in Italia e nel mondo e consigli

L'anello in MTB sul monte Cesèn, nelle prealpi venete, insiste sul primo massiccio che si trova dalla pianura ad est del fiume Piave. Vas è adagiato ai suoi piedi ed il modo più sostenibile per scoprirlo è mediante la mountain bike.

Questo articolo racconta la ciclo escursione al Santuario di Boca  in MTB passando attraverso i vigneti sulle colline moreniche novaresi.

La Riserva naturale delle Baragge è un'area naturale protetta, più precisamente una riserva naturale a gestione regionale, che si estende comprendendo alcuni comuni delle province di Biella, Novara e Vercelli. fanno parte della Riserva le Baragge propriamente intese, il territorio della Bessa e Serra Morenica l'area attrezzata Brich Zumaglia-Mont Préve

Il bike park Kopřivná si sviluppa sui monti Jeseníky, al confine tra la Slesia ceca e la Moravia. Purtroppo dalla nostra posizione non vediamo la vetta Praděd, che coi suoi 1.491 metri è la più alta montagna di questo gruppo.
Dopo giornate di continuo sali e scendi un aiutino non fa male quindi ben venga la seggiovia assistita. Io ed il mio gruppo internazionale di appassionati biker collezioniamo così una lunga serie di risalite durante le quali possiamo apprezzare anche il panorama ed il silenzio.
Per più di due giorni pedaliamo nei boschi del nord nella regione di Jeseníky, sulla border line ceco – polacca ed all’interno del bike park Rychlebské Stezky, uno dei più rinomati di tutta la Repubblica Ceca.
Se si vuole trascorrere una giornata davvero attiva in Repubblica Ceca ecco la soluzione: lanciarsi in MTB sui Singletrail Moravský Kras nel Carso Moravo, vicino alla città di Blansko, a circa 30 km da Brno. Il Singletrail centre ha iniziato ad operare nel 2016, è stato ampliato nel ’18 e rapidamente è diventato un punto di riferimento per molti biker.
I single trails sono delle vere e proprie “strade” per ciclisti dove l’obiettivo principale è quello di sfruttare al massimo la velocità. Non sono percorsi tecnici, al contrario sono estremamente lisci e sicuri per una guida fluida. Non ci sono rettilinei, ne salite troppo lunghe, ne pendenze arcigne. Tutti i sentieri sono ben segnalati, come pure gli incroci e gli attraversamenti.
Uno ci deve mettere solo la volontà di divertirsi ed il gioco è fatto.

Da qualche anno a questa parte, il bikepacking sta spopolando anche in Italia. Come molti cicloviaggiatori, anche io sono passato da portapacchi e borse laterali a questa nuova modalità di carico della bicicletta, che prevede numerose e più piccole borse distribuite sulle varie parti del mezzo. In questo articolo vi racconto la mia prima breve esperienza di viaggio con questa modalità di trasporto materiali e vi esprimo il mio parere a riguardo.

L'idea di concatenare le valli delle Alpi Orobie occidentali attraverso alcuni valichi storici accessibili con la mountain bike è nata qualche anno fa in concomitanza con il personale interesse rivolto a due grandi tematiche locali: le vicende belliche legate alle guerre del Novecento e i secolari traffici commerciali che si sono sviluppati nei territori montani compresi tra le province di Bergamo, Lecco e Sondrio.

Il vasto altopiano del Moncenisio può essere raggiunto anche dal versante francese attraverso delle silenziose strade sterrate che serpeggiano nelle foreste della valle del fiume Arc. Anche in questo caso ci si spingerà a quote elevate, raggiungendo le uniche due fortificazioni realizzate dai transalpini e tutt'oggi ricadenti, insieme ai restanti forti costruiti dagli italiani, in territorio francese.

Le Giudicarie sono un territorio del Trentino occidentale compreso tra il lago di Garda e le montagne del Parco Naturale Adamello – Brenta. Al loro interno spicca la Valle del Chiese, che si estende dalla Sella di Bondo al lago d'Idro per uno sviluppo lineare di circa trenta chilometri. Il seguente percorso ad anello si sviluppa essenzialmente sulla sponda occidentale del fiume Chiese, ad eccezione della prima parte su ciclabile di fondovalle in sinistra orografica. Nel complesso è un giro lungo e impegnativo ma anche straordinario per i panorami e per la completa ciclabilità garantita dall'ottimo stato di conservazione delle mulattiere realizzate in occasione della Prima Guerra Mondiale!

La Valle del Chiese in MTB può sembrare una novità nel nostro Trentino. Di certo sono nuove le mappe cartacee e le pagine sul sito www.visitchiese.it, punta dell’iceberg di un progetto di promozione nato circa due anni fa che si è avvalso della collaborazione di Uli Stanciu e Loris Tagliapietra, e confesso che pure io scopro solo ora la vocazione alla bici di questa valle al confine con la Lombardia. È una storia tutta da raccontare.

Le Orobie, catena montuosa che abbraccia le quattro province di Bergamo Lecco Sondrio e Brescia, hanno la fama, soprattutto sul lato valtellinese, di essere molto selvagge e poco frequentate. Questo è il caso della Val Belviso, valle che si trova nella zona più orientale della catena a soli dieci chilometri in linea d'aria dal Piz Tri e che custodisce un trail in quota tra i più belli mai fatti!

Il servizio bici bus + trek è un servizio di trasporti integrativo, ovvero rivolto a chi vuole spostarsi senza l’ausilio della propria vettura ed avere la certezza di trasportare in sicurezza la propria bici, sia essa city bike, mountain bike o e-bike.
In un periodo storico che vede un nuovo boom della bicicletta, trainato dal mercato della e-bike, ed in un territorio unico come quello del Garda Trentino, sensibile alle esigenze dei vari tipi di ciclisti e ciclismo, il bici bus si inserisce come una delle preziose soluzioni per far conoscere ai fruitori nuovi itinerari, per diminuire il traffico e quindi inquinare meno (interconnessione sostenibile bici – mezzo pubblico), vivendo a tutto tondo la bici.
Invitato dall'Apt del Garda Trentino con sede a Riva del Garda, andrò a raccontare di seguito la mia esperienza.

Natura, storia, tradizioni secolari: un mix di assoluto interesse per il viaggiatore a due ruote curioso di carpire i segreti che le montagne della provincia di Lecco situate tra la Valsassina e la Val Varrone celano. Questo percorso ad anello  in MTB  permette di godere di panorami sul lago di Como, sulle Grigne e sulle vette più rappresentative delle Orobie Occidentali, nonché di attraversare luoghi legati ai conflitti mondiali e alpeggi tuttora vivi e funzionali. E non dimentichiamoci del rifugio, collocato strategicamente in posizione intermedia, quale punto di ristoro e di riposo dopo una lunga e appagante ascesa.

Siamo pronti per una nuova avventura in MTB sulle colline delle Langhe.
Il percorso odierno, di moderata difficoltà e accessibile a tutti i bikers, offre la possibilità di esplorare una delle parti più suggestive della Langa del vino, snodandosi tra strade a bassa percorrenza, strade bianche, boschi, vigneti, noccioleti e capezzagne, regalando panorami unici e scorci insoliti. Il territorio su cui insiste è la Langa Bassa, compresa a nord dal Roero (delimitata sostanzialmente dal fiume Tanaro) ed a sud dalla Langa Alta.
In questa era altamente tecnologica esistono sempre più app per la pianificazione degli itinerari e dei viaggi in bicicletta come ci ha già raccontato Leo nel suo articolo sulle migliori app per la bici.
Negli ultimi tempi, tra le tante possibilità esistenti nel web,  abbiamo imparato a destreggiarci tra le tante funzioni proposte da Komoot,  app  outdoor utilizzabile sia da cellulare, android e IOS, che da desktop.

Come degna conclusione di un fine settimana trascorso in Canton Ticino, non poteva mancare un altro bel giro ad anello da affrontare con le fidate mountain bike! E' domenica e siamo reduci da un sabato vissuto a gironzolare attorno al Monte Bar tra trail tecnici, scorrevoli e molto panoramici. Oggi invece ci aspetta un percorso molto più rilassante tra i boschi di castagno del Malcantone, alla scoperta delle molteplici bellezze che questa piccola regione dal nome oscuro cela agli occhi del visitatore meno attento.

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

             

Contenuti recenti

Torna su