Vota questo articolo
(0 Voti)

Con le ciaspole sulle Odle: da malga Zannes al rifugio Genova

    Inverno sulle Odle

    Da Trento si procede lungo l'A22 autostrada del Brennero in direzione di Bolzano fino a raggiungere in circa un'ora l'uscita di Chiusa (Klausen). Facilmente individuabili sono le indicazioni per la valle di Funes dove si giungerà in circa mezzora di tempo. La Valle è interessante dal punto di vista paesaggistico in particolar modo nel tratto iniziale, dove è stretta e davvero somigliante ad un canyon, più avanti si allarga assumendo la talvolta monotona armonia delle valli alpine e finalmente si incontra la deviazione sulla sinistra per la Malga Zannes dove sarà possibile parcheggiare l'auto (a pagamento in alta stagione!) per iniziare l'escursione con le ciaspole.

    Dati tecnici

    Trentino Alto-Adige - Dolomiti di Puez Odle

    DETTAGLI ITINERARIO
    Partenza/ArrivoMalga Zannes
    Tempo5 ore
    Dislivello600 m
    Lunghezza12 km
    VALUTAZIONE
    DifficoltàMedio
    PanoramaMolto Bello
    QUANDO ANDARE
    MarzoAprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobreNovembre
    Dalla terrazza di malga Zannes a 1689 m, è subito distinguibile dinanzi a noi l'imponente gruppo delle Odle dalla forma caratteristica ed unica che ci accompagnerà all'orizzonte per l'intero percorso. Al bivio iniziale seguiremo la segnaletica per il rifugio Genova, prediligendo il tracciato che inizia davanti alla malga con un pannello informativo indicante tutte le possibili escursioni in zona. Una parte del sentiero innevato è esclusiva di bob e slittini, mentre la diramazione più a destra è il vero e proprio percorso per gli escursionisti. Munitevi di ciaspole in inverno in quanto in queste zone la neve cade copiosa! Procedendo lentamente rallentati dalle ciaspole che sprofondano nel manto nevoso, abbiamo di continuo la visione dei massicci dolomitici delle Odle che svettano imponenti solleticando le nuvole scure che le sovrastano. I grigi nembi che ci dominano presagiscono per la giornata odierna piogge o addirittura nevicate. Il single track, dopo il primo chilometro costeggiando un torrente, inizia ad addentrarsi nel bosco ed a salire dolcemente ostacolando la nostra andatura con la massiccia presenza di neve che ci continua a far sprofondare e cadere fra risate e sbuffi. Finalmente giungiamo ad un pianoro dove sono segnalati almeno quindici percorsi differenti e subito mi balza in testa l'idea che trascorrere qualche giorno consecutivo da queste parti dormendo in rifugi o bivacchi non sarebbe affatto male. Proseguiamo sulla sinistra seguendo ancora una volta le indicazioni per il Rifugio Genova e, fra soste fotografiche, cadute nella neve alta e fresca e cani giocherelloni raggiungiamo il gruppo che ci aveva preceduto nell'ascesa, sprovvisto di ciaspole e dell'attrezzatura: battendo un po' la neve permettiamo a tutti di continuare il trekking verso il rifugio. Il fuoripista ci regala momenti di puro divertimento mentre cerchiamo di orientarci al meglio distratti da impronte sconosciute che stimolano continuamente la nostra curiosità. In circa mezz'ora possiamo concederci una pausa nei pressi della malga Gampen. La segnaletica per il rifugio Genova è stata sommersa quasi interamente dalle copiose nevicate stagionali e a fatica si distingue la via da seguire per risalire lungo gli ultimi duecento metri del costone roccioso. Scegliamo di fermarci qui allertati dai molteplici incidenti mortali avvenuti quest'anno in montagna a causa delle valanghe e ci accontentiamo di ammirare la baita dalla malghetta sottostante. Dopo un'abbondante pranzo, iniziamo la discesa scegliendo una via differente che ci riporterà però allo stesso punto di partenza. Fra scivolate con il sottochiappa e battaglie di palle di neve, giungiamo alla malga Zannes in orario per una risanante cioccolata calda dopo circa un'oretta di cammino ad andatura rilassata.

    Escursione con splendidi panorami sul gruppo delle Odle, da effettuare preferibilmente con tempo soleggiato in primavera inoltrata per evitare le difficoltà dovute alla massiccia presenza di neve ed il rischio valanghe (assente fino a malga Gampen).

    Un altro splendido percorso nel parco naturale delle Puez-Odle è il trekking al col de Puez mentre sulla mappa delle escursioni sono presenti numerosi altri trekking in Alto Adige, sulle Dolomiti e nelle alpi in generale.

    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
    Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
     Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

    Aggiungi commento

    Codice di sicurezza
    Aggiorna

    Torna su