fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(6 Voti)

10 viaggi avventura in bicicletta da sogno

Da qualche giorno è iniziato il nuovo anno e, ad ogni giro dell'orologio annuale nella testa di ogni cicloviaggiatore scatta qualcosa di strano, una sorta di rito che ogni anno porta a sognare e programmare tanti nuovi viaggi in bici... dopotutto ogni stagione è buona per sognare i prossimi viaggi avventura a due ruote, quelli che ci faranno emozionare, quelli che ci faranno crescere e, inevitabilmente, cambiare... allora condividiamo con te qualcuno dei nostri sogni per quest'anno: 10 viaggi avventura in bici per il mondo esplorando luoghi affascinanti e selvaggi, incontrando nuove culture, osservando le ricchezze naturalistiche e vivendo il nuovo anno, tra le altre cose dedicato al turismo lento, all'insegna del cicloturismo!

Il Marocco delle Kasbah rosse

Dalle città imperiali alle vette dell'Atlante dove sopravvivono ancora i villaggi e la cultura berbera, dagli avamposti di pescatori adagiati sull'oceano alle dune arancioni del deserto, alle kasbah rosse nascoste tra canyon e rocce. Sono anni che il Marocco alimenta la nostra fantasia facendoci immaginare il silenzio e la Natura inviolata dell'Africa nord-occidentale.
Come arrivare
con i voli lowcost di Ryanair o Easyjet è facile raggiungere Marrakesh, Casablanca o Fez. La tratta è economica ma all'acquisto andrà aggiunto il trasporto bicicletta per un costo di circa 100€ a velocipede (a meno che non scegliate di noleggiarla direttamente in loco!). Il costo della vita è piuttosto basso e viaggiare in Marocco è ancora conveniente.
Documenti
Per visitare il Marocco in modo indipendente è necessario il passaporto in corso di validità. E' vietato uscire dal paese con i dirham, la valuta locale.
Da non perdere
Alcune località da non perdere durante un viaggio in bicicletta da Marrakesh all'alto Atlante sono: le cascate d'Ouzoud, Ait Benhaddou, la gola della Draa e quella del Dades e una veduta sfuggente sulle dune di sabbia del deserto. Uno dei viaggi avventura a cui non si può dire di no troppo a lungo.
Risorse utili
Altri spunti per un itinerario ciclabile vengono dati da alcuni viaggiatori che hanno già avuto occasione di visitare il Marocco: 830 km dai dintorni di Marrakesh attraverso Ourzazate, Zagora e l'Alto Atlante, 600 km tra il Medio e Alto Atlante toccando Imilchil e Ouaouizaght Ait Majden, 423 km da Marrakesh intorno al parco nazionale di Toubkal.
Un po' di Marocco in anteprima... in questo libro che trovate su Google Books!
Atlas Mountains

L'Irlanda di folletti, birra e leggende

Terra verdeggiante ed accogliente, l'Irlanda in bicicletta è uno fra i viaggi avventura che, nonostante la vicinanza all'Italia, solletica di più il nostro immaginario vagabondo. Storia, leggende e fiumi di birra si intrecciano a siti naturali di indubbia bellezza e ragazze dai capelli rossi che si meravigliano ancora davanti ad un arcobaleno. Dall'Ulster fino al sud dell'Eire, da Dublino al Galway con tappa alle isole Aran, dal Donegal a Belfast in bicicletta, l'Irlanda ha tante sfaccettature che possono essere scoperte facilmente sulle due ruote. 
Come arrivare
le compagnie aeree più economiche che permettono di raggiungere l'Irlanda sono l'Aer Lingus e la Ryanair, entrambe prevedono il trasporto biciclette pagando un supplemento di 40€ a tratta (Aer Lingus) e 50€ a tratta (Ryanair).
Il costo della vita in Irlanda, soprattutto nell'Ulster dove è in uso la sterlina, è più alto di quello italiano ma con le dovute accortezze (come la scelta di alloggi economici), un viaggio in Irlanda non risulterà eccessivamente dispendioso.
Documenti
Per viaggiare in Irlanda è sufficiente la carta d'identità.
Da non perdere
Alcune località da non perdere durante un viaggio in bicicletta in Irlanda sono: le cliffs of Moher, la Giant's causeway, Sligo e dintorni, il villaggio di pescatori di Cork, siti celtici e i pubs irlandesi.
Risorse utili
Altri spunti per un itinerario ciclabile vengono dati da alcuni viaggiatori che hanno già avuto occasione di visitare l'Irlanda: 111 km di giro del Burren passando da Ennis e pedalando nella contea di Clare, e 209 km nel parco nazionale di Killarney, nell'estremo sud-ovest dell'Irlanda, o 2298 km lungo l'Eurovelo 1 da Nantes a Galway e oltre
Cliffs of Moher

Il Great Divide, l'America più vera

Viaggiare fuoristrada tagliando il Nord America da Nord a Sud o viceversa, attraversare 4418 km di paesaggi di ogni sorta, stupirsi di fronte alle meraviglie del continente, il Great divide è di sicuro uno di quei viaggi avventura impegnativi che richiedono il giusto equipaggiamento ed un'adeguata preparazione.
Come arrivare
la lontananza degli Stati Uniti condiziona il costo del viaggio in aereo che però, se prenotato con un po' di anticipo, può avere un prezzo accettabile. L'American Airlines vola da Milano su Calgary a 128 km da Banff dove inizia il Great Divide. Il rientro, dopo aver raggiunto il termine del tracciato ad Antelope Wells nel Nuovo Messico, può essere organizzato da Tucson o Phoenix o, meglio ancora, da El Paso.
Documenti
Per viaggiare negli Stati Uniti e in Canada è necessario disporre di un passaporto in corso di validità, ma non solo. Visto i continui aggiornamenti sulle documentazioni richieste per l'accesso al territorio americano, vi consiglio di consultare il sito del consolato degli Stati Uniti in Italia mentre per entrare in Canada basterà disporre del passaporto con almeno 6 mesi di validità residua. Per informazioni aggiornate vi invito comunque a consultare i siti governativi ufficiali delle nazioni o quelli dei consolati e ambasciate in Italia.
Da non perdere
L'elenco delle località da visitare negli Stati Uniti ssarebbe infinito, sappiate che lungo il tracciato del Great Divide si attraversano parchi nazionali, canyons, riserve naturali e molte altre bellezze naturali da non perdere.
Risorse utili
Altri spunti per un viaggio avventura sul Great Divide vengono raccontati da un cicloviaggiatore italiano mentre noi ti narriamo di altri possibili itinerari ciclabili di lunga distanza come  la Pacific Coast Route e l'Atlantic Coast Route
Great Divide Basin (2) - Wyoming

Il Madagascar, il paese dei Lemuri

Meta insolita per il cicloturismo, in Madagascar si incontrano luoghi inaspettati e favolosi da scoprire sulle due ruote. Il Madagascar è un paese immenso, la terra dei lemuri, la nazione dei baobab e della riserva naturale integrale di Grand Tsingy di Bemaraha. Per visitare il Madagascar in bicicletta nella sua totalità ci vorrebbero anni, ma anche in qualche settimana si può iniziare a conoscere un po' questa terra.
Come arrivare
la distanza del Madagascar dall'Italia non giova al prezzo dei biglietti aerei. Volare nel paese africano costa di media dagli 800€ ai 1400€ con picchi in alta stagione. Una delle compagnie a buon mercato è la Neos Air altrimenti ci si può affidare all'Air France o ad altre compagnie di bandiera sperando in un'offerta.
Documenti
E' possibile visitare il Madagascar portando con sè il passaporto con validità residua di almeno sei mesi.
Da non perdere
Alcune località consigliate da visitare in Madagascar sono: la route nationale 8, la Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha, il Parco nazionale dell'Isalo, il Parco nazionale di Andohahela e il Parco nazionale di Ankarafantsika per chi ama il birdwatching.
Da non perdere
Altri spunti per un itinerario ciclabile vengono dati da alcuni viaggiatori che hanno già avuto occasione di visitare il Madagascar: primo tra tutti il grande Giancarlo tra Lemuri e baobab,  493 km da Morondava (dove con la Route nationale si può raggiungere Belo Sur Tsiribihina ed entrare poi nella riserva di Tsingy di Bemaraha) a Antsirabe o 657 km da Diego a Cap nell'estremo nord del paese.
Trovate un'anteprima di questo luogo meraviglioso, in cui vivere un vero viaggio avventura su questo libro che potete vedere su Google Books!
Allée des baobabs Madagascar 

Pamir highway

In bicicletta sulla Pamir Highway, un sogno bellissimo, uno dei viaggi avventurosi a cui direi subito si! La strada del Pamir attraversa l'omonimo altopiano tra Afghanistan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan percorrendo parte dell'antica Via della seta. E' la seconda strada più alta al mondo dopo la Karakorum Highway e pedalarla significa un po' viaggiare nel tempo, tornando all'epoca in cui migliaia di commercianti, pellegrini ed eserciti attraversavano l'Asia Centrale.
Come arrivare
le principali compagnie che volano su Dushanbe, in Tagikistan sono l'Aeroflot, la Ural lines e la Turkish ma bisogna trovare una promozione per spendere meno di 800€ a persona. La Pamir Highway inizia in Afghanistan ma con i tempi che corrono potrete anche decidere di iniziare il viaggio direttamente in Tagikistan o da Tashkent in Uzbekistan.
Documenti
Per visitare il Tagikistan è necessario il passaporto con 6 mesi di validità residua dalla scadenza del visto, che potrà essere richiesto direttamente in aeroporto all'arrivo. (Per queste informazioni di carattere burocratico consultate i siti governativi ufficiali o quelli delle ambasciate/consolati!) Prima di partire è meglio procurarsi anche i visti per gli altri paesi che visiterete per evitare di perdere tempo in loco.
Da non perdere
Alcune località consigliate da visitare lungo la Pamir Highway sono: il passo Ak Baital a 4655 m, la città di Oš risalente a 3000 anni fa e arrivo della Pamir Highway, il lago Karakul (lago nero), i paesaggi selvaggi dell'Asia centrale e lo scorcio di Uzbekistan attraversata dal tracciato con la città di Termez.
Risorse utili
Un altro spunto per un itinerario ciclabile viene dato un viaggiatore che ha già avuto occasione di pedalare sulla Pamir Highway: 536 km da Dushanbe sull'altopiano del Pamir.

Kalaikhum to Khorog

Carretera Austral

La carretera austral, la strada voluta dal dittatore Augusto Pinochet a partire dal 1976 e terminata nel 1996, corre per oltre 1000 km attraverso il Cile raggiungendo la Patagonia argentina. Il Cile, stretto e diversissimo da nord a sud, è uno stato dell'America del sud molto interessante da conoscere in bicicletta per la varietà di paesaggi che si susseguono. In gran parte sterrata, per affrontare l'intero tracciato della Carretera Austral in bicicletta si deve usufruire anche del trasporto di tre traghetti.
Come arrivare
per raggiungere il Cile o l'Argentina è necessario volare o provare a chiedere di imbarcarsi su un cargo mercantile. Tre compagnie che effettuano la tratta fino a Buenos Aires sono la Aerolineas argentinas, la Iberia anche dalle principali città italiane e l'Alitalia. Il prezzo del biglietto si aggira intorno ai 700€ per persona.
Documenti
Per raggiungere il Chile o l'Argentina basta il passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell'arrivo.
Risorse utili
Altri spunti per un itinerario ciclabile vengono dati da alcuni viaggiatori che hanno già avuto occasione di pedalare sulla Carretera Austral: 1541 km lungo il Cile per scoprirne l'essenza e lo spirito e 962 km di Natura selvaggia.
 
The Austral Highway

Islanda

Paesaggi mozzafiato, percorsi selvaggi, condizioni estreme. L'Islanda è una meta da sogno per chiunque ami la natura e i viaggi avventura. Viaggiare in bicicletta aggiunge enfasi all'emozione di scoprire luoghi e panorami unici al mondo. Geyser, ghiacciai e scogliere vi accoglieranno durante tutto il vostro tragitto. L'isola è perfetta per essere esplorata in un viaggio in bici di qualche settimana visto che da est ad ovest si estende poco più di 600 km.
Come arrivare
Reykjavik è la meta principale e può essere raggiunta in aereo con Icelandair o WoW air da Milano. I biglietti costano circa 400€ andata e ritorno.
Documenti
per viaggiare in Islanda è sufficiente essere in possesso della carta d'identità o del passaporto in corso di validità per tutto il periodo del viaggio
Da non perdere
le principali attrazioni sono di tipo naturalistico: il ghiacciaio Vatnajökull, il vulcano Eyjafjallajökull o le cascate di Skógafoss sono tra le mete più gettonate così come la località Geyser che ha dato il nome a questi particolari fenomeni geotermici in tutto il mondo. Altri posti da non perdere sono la Laguna Blu e le cascate Guldfoss
Risorse utili
Numerose sono le testimonianze di cicloturismo in Islanda che si possono trovare su internet: tra di esse puoi prendere spunto per i tuoi itinerari ciclabili dal viaggio di 1342 km di Francesco tra i fiordi islandesi, dall'itinerario del perplo islandese di Giancarlo o  dal viaggio in bici di 13 tappe in più di 1500 km in Islanda.
Skogafoss I

Il Giappone del nord: l'isola di Hokkaido

Dalle città moderne giapponesi proponiamo una fuga nella Natura più estrema, in un territorio dove vive ancora l'orso, in paesaggi dove si può pedalare nel silenzio godendosi ogni istante al massimo. La penisola di Shiretoko, patrimonio UNESCO e parco nazionale, ha la più alta concentrazione di orsi del mondo e luoghi così belli da lasciare a bocca aperta. Ma l'isola di Hokkaido è molto di più: 61 vulcani, 6 parchi nazionali, le gole di Sōunkyō e molto altro ancora da scoprire in un'avventura in bicicletta.
Come arrivare
con i voli intercontinentali di alcune compagnie aeree come la Lufthansa o la Brussels Airline. E' possibile volare direttamente su Sapporo con uno o due scali. Il volo a/r in bassa stagione può costare anche 500€, escluso il costo della bicicletta. Le condizioni di trasporto del velocipede (a meno che non scegliate di noleggiarla direttamente in loco!) dipende dal vettore scelto. Prima di scegliere puoi confrontare i costi di 50 diverse compagnie aeree
Documenti
Per visitare il Giappone in modo indipendente è necessario il passaporto in corso di validità. E' possibile restare in Giappone per un massimo di 90 giorni senza visto.
Da non perdere
L'isola di Hokkaido in Giappone è uno scrigno di siti naturalistici da visitare in un viaggio in bicicletta. Alcuni dei luoghi che consigliamo di non perdere durante un'avventura in queste terre sono: il parco nazionale di Shiretoko, Rausu per organizzare un'uscita per vedere le balene, il parco nazionale Shikotsu-Toya e i panorami sui numerosi vulcani dell'isola.  
Risorse utili
Altri spunti per un itinerario ciclabile vengono dati da alcuni viaggiatori che hanno già avuto occasione di visitare il Giappone:  il viaggio di Alba attraverso l'isola in bici, in 450 km circa e un breve giro per scoprire Sapporo in bici.
Un po' di Hokkaido in Giappone... in questo articolo del grande viaggiatore Patrick Colgan.

La Bolivia delle Ande e dei salares

Pochi villaggi, distese bianche e infinite, vette che bucano le nuvole per nascondersi nel cielo, la Bolivia è una terra incontaminata dove la Natura è il capitano di un vascello meraviglioso. Dal parco nazionale del Sajama, ai grandi salares di Coipasa e Uyuni al lago Titicaca, il bacino idrico navigabile più alto del mondo, la Bolivia vanta innumerevoli bellezze e se saprai visitarla con rispetto te le mostrerà una ad una.
Come arrivare
con i voli intercontinentali di alcune compagnie aeree si può volare direttamente sulla capitale La Paz (difficilmente dall'Italia se non a prezzi esorbitanti!) e iniziare il viaggio in bici da una delle città più alte del mondo oppure si può optare per raggiungere con un volo mete più economiche come Lima o San Paolo e poi spostarsi direttamente a due ruote o con mezzi locali fino all'altopiano boliviano. 
Documenti
Per visitare la Bolivia in maniera indipendente è necessario il passaporto in corso di validità residua di almeno 6 mesi. E' possibile restare in Bolivia per un massimo di 90 giorni senza visto ma, davanti all'ingresso del paese, è meglio specificarlo per non rischiare di avere un timbro con il permesso per soli 30 giorni.
Da non perdere
La Bolivia è piena di posti da non perdere assolutamente. Alcuni di questi sono: i salares che, in base alla stagione, sono più o meno attraversabili in bici (nella stagione delle piogge i salares sono spesso ricoperti da uno strato di acqua che rende difficile la traversata, mentre durante la stagione secca, passare da una parte all'altra del deserto in bici, è molto più facile!), il parco nazionale del Sajama con la vetta più alta dell'intera Bolivia, la durissima strada della Joya con le lagune dall'alta quota popolate da fenicotteri, il deserto di rocce nei pressi di Villa Alota.
Risorse utili
Nel nostro articolo cosa vedere in Bolivia ti consigliamo qualche luogo assolutamente meritevole di una visita come i salares di Coipasa e Uyuni. Se oltre alla Bolivia vuoi attraversare altre nazioni del Sud America senza scendere di quota, segui il nostro itinerario attraverso le Ande in bicicletta. Se dall'altopiano vuoi spingerti fino alla foresta pluviale boliviana segui l'itinerario de el Camino de la muerte.
salar de uyuni

L'Italia delle meraviglie

Spesso si sceglie una meta lontana, più esotica e sconosciuta, ma la maggior parte delle volte non ci rendiamo conto di vivere in uno dei paesi più belli del mondo. Tu conosci davvero la tua Italia? Puoi dire di aver visitato almeno una parte delle meraviglie che vanta? L'Italia ha il maggior numero di siti UNESCO al mondo, una storia lunga migliaia di anni, arte e cultura ed anche Natura... per non parlare poi del buon cibo!!!
Come arrivare
in Italia puoi spostarti con i voli low cost o con i treni regionali o, se preferisci, sui pullman di lunga percorrenza. 
Documenti
Per visitare l'Italia per gli italiani basta la carta d'identità e la permanenza sul territorio permessa è ovviamente illimitata.
Da non perdere
In Italia c'è di tutto e di più: arte, siti archeologici, monumenti storici, parchi nazionali, montagne , mare e isole... in base alle tue preferenze fatti ispirare dal tuo stesso territorio per un'avventura in bicicletta indimenticabile!
Risorse utili
Oltre alle numerose piste ciclabili e ciclovie che trovi sul nostro sito alla sezione itinerari ciclabili, puoi seguire la nostra traccia attraverso l'Appennino, dal nord al sud Italia, riscoprendo i luoghi raccontati da Rumiz nel suo "La leggenda dei Monti Naviganti", pedalando dall'Emilia Romagna alla Basilicata senza mai scendere di sella oppure pedalare alcune delle vecchie ferrovie divenute oggi percorsi ciclabili. Per avere altri spunti puoi seguire il nostro viaggio in bici #NoPlansJourney iniziato due mesi fa da casa...
eremo fonte avellana

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su