MTB sull'altopiano del Renon: panorami da urlo e discesa da brivido

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Questo percorso MTB in Alto Adige, sull'altopiano del Renon, è di quelli da annoverare tra gli itinerari che meritano il circoletto rosso! Panorami spettacolari sull'altopiano dello Sciliar, sul Catinaccio e oltre sulle Dolomiti patrimonio UNESCO. Ma non solo. Dopo essersi riempiti gli occhi di tale maestosità, ci si tuffa in discesa verso Bolzano su un percorso tecnico al punto giusto per far divertire gli amanti dei single tracks e dell'adrenalina.

Mappa

 
 

Con la funivia fino a Soprabolzano

Questo itinerario in MTB sull'altopiano del Renon è splendido anche perchè è possibile ridurre il dislivello in salita utilizzando la nuovissima e splendida funivia del Renon che dal centro di Bolzano vi conduce in pochi minuti fino al paese di Soprabolzano da dove ha inizio il nostro percorso. Oltre alla comodità, un viaggio in funivia vale la pena per gli splendidi panorami che si possono godere su tutte le dolomiti occidentali. Il costo è di sei euro per il viaggio di sola andata. 
In alternativa alla funivia, per i più volenterosi ed allenati, è possibile salire sull'altopiano da una strada secondaria che in parte si percorre anche in discesa. Di fianco alla stazione di partenza della funivia a Bolzano, si stacca la strada che sale sull'altopiano del Renon: la si segue per un po' per poi deviare a sinistra verso St. Magdalena (Untermagdalena) e salire sempre a sinistra verso il ristorante Ebnicher della famiglia Tauferer. Qui si può proseguire verso Soprabolzano sulla strada che in parte si seguirà in discesa.
Potete trovare maggiori dettagli sulla funivia, orari e prezzi aggiornati sul sito dell'azienda turistica locale del Renon.
 discesa renon

Da Soprabolzano a Tann

Iniziamo l'itinerario da Soprabolzano imboccando il sentiero 35 - Freudpromenade, su cui passeggiò lo psicoanalista austrico durante una vacanza trascorsa sull'Altopiano del Renon. Facile e panoramico, il sentiero si addentra nel bosco e conduce da Soprabolzano a Collalbo con splendide vedute dello Sciliar. Tra una foto e l'altra, si giunge nel paese di Collalbo dove si imbocca la salita asfaltata che conduce verso il Corno del Renon. Si sale per un paio di chilometri fino a raggiungere il ristorante Himmelreich di fronte al quale si stacca una strada sterrata con le indicazioni ancora verso il Corno del Renon. Poco dopo si tiene la sinistra affrontando un breve e divertente single track che si immette su una strada asfaltata (sentiero 1b verso Bad Siess). Giunti ad un abitato lo si aggira sulla sinistra in leggera salita raggiungendo un ampio prato panoramico con vista sullo Sciliar, sul Catinaccio e sul Latemar. Qualche foto e si riparte tagliando la radura verso nord. Al suo estremo settentrionale si oltrepassa un cancelletto in legno per imboccare un bel single track che scende fino ad attraversare un ponticello stretto in cui è impossibile passare in sella. Ancora una volta si risale un ampio prato per raggiungere, con un ultimo tratto a spinta, Bad Siess, dove è presente un ristorante-bar ed un maneggio. Sulla sinistra si imbocca il sentiero numero 8 verso Tann che si raggiunge a breve. Questo è il punto più alto del nostro itinerario.
mtb renon sciliar
 

Da Tann a Bolzano... discesa da brivido

Dopo esserci rifocillati, si inizia la discesa verso Bolzano. Il primo tratto è ondulato e ci permette di ritornare a Soprabolzano seguendo un itinerario alternativo a quello dell'andata. Imboccata la strada asfaltata verso Collalbo, la si lascia dopo poche centinaia di metri per immettersi su una forestale a destra seguendo le indicazioni verso Riggermoos. La strada prima si presenta pianeggiante e poi scende divertente: fate attenzione ai tanti escursionisti che la percorrono e continuate a seguire le indicazioni per Riggermoos. Giunti nella piccola località, attraversate la strada e proseguite su asfalto per qualche decina di metri prima di deviare a destra su una forestale, seguendo le indicazioni verso Soprabolzano. Un breve strappo in salita e si scende fino a raggiungere l'enorme allevamento di Lama Kaserhof. Si prosegue ormai su asfalto fino al centro di Soprabolzano, ritornando al punto di partenza dell'itinerario.
Se avete tempo e voglia, con una breve deviazione in pochi minuti è possibile raggiungere il sentiero (vietato alle biciclette) per le piramidi del Renon.
Da questo punto in poi seguiremo in discesa il sentiero numero due verso Bolzano. Inizialmente si prosegue in saliscendi raggiungendo le ultime zone residenziali di Soprabolzano. Da qui si imbocca inizialmente la strada asfaltata in discesa nel bosco. La si segue per un chilometro circa per poi deviare verso destra e poco dopo verso sinistra in leggera salita. Il panorama sulla valle Isarco inizia già a farsi interessante. Poco oltre si incrocia ancora la strada per un paio di volte. Da questo punto in poi si inizia una discesa ripida e tecnica che richiede buone capacità di guida. I meno esperti possono proseguire sulla strada. Una volta giunti sopra Bolzano si incontreranno delle deviazioni: proseguite verso S. Osvald e raggiungerete Bolzano proprio sopra alla chiesetta omonima.
freud promenade
Il sentiero numero due è da poco vietato alle biciclette e quindi intraprendete questa discesa a vostro rischio e pericolo. Se decidete di farlo, siate prudenti e fate attenzione agli escursionisti. Rispettate sempre e comunque il codice N.O.R.B.A. 
Per altri percorsi in tutto il nord e centro Italia consultate la mappa degli itinerari in mountain bike, in costante aggiornamento e ricca di percorsi MTB in Alto Adige e Trentino.
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Marco 2014-08-31 15:16
Giro fatto il 29 agosto 2014. Tutto come descritto da Leo, panorami da urlo e discesa da brivido. Per quanto riguarda il tratto in discesa, sentiero num. 2, confermo totalmente quanto detto da Leo. Chi vuole cimentarsi in percorsi molto ripidi e tecnici qui trova il percorso per mettersi alla prova, però le abilità, la tecnica e l'equilibrio devono essere parecchio sopra la media, altrimenti si rischia di farsi parecchio male cadendo. STATE ATTENTI E È RICORDATE CHE LA PRUDENZA NON È MAI TROPPA.
Un saluto a Leo e un grazie per il tempo che dedica alla redazione del sito.
Marco
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×