Menu
MerLug04

Zell am See e Großglöckner: turismo d'alta quota!

Il nostro week end nel Tirolo orientale si è concluso con il rientro a casa dalla val Pusteria in Alto Adige. Per raggiungerla abbiamo prima fatto una sosta a Zell am See per poi risalire il passo che attraversa il massiccio del Großglöckner, la montagna più alta del parco nazionale degli Alti Tauri: un vero e proprio museo all’aria aperta!
Il cielo uggioso anche oggi non promette nulla di buono ma nonostante questo, siamo ottimisti e proviamo a inoltrarci nella conca del lago sulle cui sponde sorge la rinomata località turistica di Zell am See. Vaghiamo per le vie del centro oltrepassando la ferrovia che costeggia la riva per passeggiare sul lungo lago nella speranza di poter ammirare le vette tra cui è incastonato questo piccolo bacino lacustre ma non siamo molto fortunati e le nuvole ancora basse ci convincono a spostarci verso il centro, carino e caratteristico, dove una pasticceria invitante ci attira: una Sacher torte prima di lasciare l’Austria è obbligatoria! Risaliamo in auto per raggiungere il passo che conduce ai piedi del Großglöckner, 3798 m, la cima più alta del parco nazionale degli Alti Tauri. Superiamo il casello con un po’ di remore visto il costo del passaggio in quota (32€ per le auto e 22€ per le moto mentre le bici passano gratuitamente) ma essendo in quattro consideriamo una cifra accettabile il prezzo da pagare… e poi per rientrare in Italia ormai l’alternativa sarebbe davvero troppo lunga! Quattro ore dopo guarderemo a quel prezzo come un giusto valore per lo spettacolo vissuto: la strada alpina che sale fino al valico del Großglöckner sarebbe, da sola, una fantastica esperienza, ma gli austriaci hanno voluto valorizzare ulteriormente questo ambiente alpino dal punto di vista turistico, organizzando una sorta di percorso a tappe con una serie di soste lungo il tracciato: un punto panoramico, un’area all’aperto con dei panelli esplicativi della fauna, un’altra con quelli della flora, un’altra ancora con quelli della geologia… e poi una casa alpina Naturshau al cui interno è stato creato una sorta di museo delle scienze naturali su tre piani, un laghetto con punto di ristoro, un punto panoramico sopra i 2500m di quota. Insomma, le soste lungo questa strada contorta e intricata, sono consigliate di frequente, lasciando che sia il vostro gusto a scegliere e a condurvi senza farvi influenzare dallo scorrere delle ore. Salendo da Zell am See il punto di sosta più suggestivo si trova oltre il valico, segnato da una stretta galleria di un centinaio di metri ai cui estremi sono sistemate delle enormi porte che vengono chiuse d’inverno per evitare che la neve ed il ghiaccio causino danni eccessivi. Scesi di quota, un bivio a metà strada vi farà deviare a destra per risalire verso un enorme edificio (bruttissimo e decisamente poco ecosostenibile) costruito al termine della strada: un punto panoramico, se il meteo ve lo consente, vi permetterà di ammirare l’imponenza della cima del Großglöckner che svetta imponente sulla lingua di ghiaccio del ghiacciaio che scende a valle ed ai cui piedi si sta creando, anno dopo anno, un grande lago. Se il freddo e il brutto tempo vi impediscono di godere della vista, qui potete visitare l’ottimo centro informazioni del parco nazionale degli Alti Tauri oppure il museo dell’automobile in cui sono presenti pezzi pregiati dell’industria automobilistica mondiale. Si possono anche affrontare numerose passeggiate verso valle o verso monte per avere panoramiche diverse del massiccio e, per i più allenati, si può partire per un trekking di più giorni in questo parco davvero selvaggio e poco popolato. Il nostro percorso si concluse con qualche altra visita a cascatine e laghetti ed un saluto alle numerose marmotte che ci accompagnano per parte della nostra discesa.
Pochi chilometri ormai ci separano dal centro di Lienz e, da qui, alla val Pusteria da cui rientreremo in Italia per chiudere il nostro bel week end austriaco in bellezza.
Trovate altre informazioni sull’area da noi visitata negli articoli su Kitzbühel e dintorni oppure Salisburgo, la città di Mozart. Non lontano da Salisburgo si trovano le miniere di sale del Dürrnberg... una visita vale la pena!
Per avere informazioni aggiornate su prezzi e eventi in corso e scoprire i punti di sosta nel dettaglio potete consultare il sito ufficiale della Strada alpina del Großglöckner mentre se decidete di fermarvi negli Alti Tauri potete dare un'occhiata al sito ufficiale del Parco. Per una vacanza al lago potreste scegliere Zell am See... trovate tutte le informazioni che cercate sul sito del turismo di Zell am See Kaprun.
{phocagallery view=category|categoryid=275|limitstart=0|limitcount=0}
Vota questo articolo
(0 Voti)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati