Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte

Vota questo articolo
(1 Vota)

Cosa mangiare in Cambogia: tour gastronomico a Siem Reap

Una settimana di sosta nella turistica Siem Reap ci ha permesso di visitare i fantastici templi dell'antico regno di Angkor e di assaporare le molteplici pietanze della gastronomia cambogiana. Di seguito vi proponiamo un itinerario cittadino per scoprire cosa mangiare in questo splendido paese.
Si parte dalla Naga guesthouse dove alloggiamo (5USD stanza doppia con ventilatore, bagno privato e wifi gratuita) seguendo il marciapiede sulla destra fino all'angolo dove proseguiremo nuovamente sulla destra. Al primo bivio seguiamo la strada in diagonale: qui si incontrano già molti locali dove con "l'Happy hour" serale si può ordinare una birra media alla spina (in genere la Angkor o la Anchor) a 0.5USD, ma ora è mattino... un po' prestino per la birra! Continuiamo dritti per poi svoltare a destra nella terza traversa in direzione del vecchio mercato. All'interno dell'edificio un'anziana signora vende baguette appena sfornate (talvolta ancora calde), retaggio gastronomico del colonialismo francese, per 1000Riel (0.25USD) al pezzo. Uscendo dal capannone dallo stesso lato da cui siamo entrati, sulla destra si incontrano due ristoranti l'uno al fianco dell'altro, accomodatevi: il caffè è buono sia shakerato sia caldo ed i frullati alla frutta sono deliziosi (0.5USD l'uno). Per pranzo il vecchio mercato è ancora una alternativa interessante: si può scegliere tra frutta fresca (papaia, mango, ananas e alcuni tra i frutti più strani che abbiate mai visto) oppure gustare qualche involtino primavera con dei saporiti peperoni ripieni (tra le bancarelle del mercato guardatevi intorno, esistono molte alternative differenti).
Se non siete ancora sazi, uscite nuovamente dal mercato dalla parte dei due ristoranti e dirigetevi a sinistra nella stretta via, 50 m più avanti troverete una pasticceria cinese: provate la deliziosa torta al cocco (una fetta gigante del peso approssimativo di mezzo chilo costa 3000Riel, 0.75USD) e sappiate che dalle 19 alle 21, se comprate due fette di torta a vostra scelta, ne avrete una in omaggio. Verso il crepuscolo (salto il pomeriggio perchè dopo la bomba al cocco sarete sicuramente strapieni), come abbiamo già detto prima, potrete trovare numerosi locali che offrono la birra 0,4cl alla spina a 0.50USD, ma non soffermatevi in questi luoghi a mangiare perchè è molto più dispendioso che recarsi ai banchetti allestiti in centro ogni giorno, dove i piatti in generale costano uno-due dollari e soddisfano abbastanza. Alle bancarelle si possono sostituire i piccoli ristoranti situati lungo la via principale: provate assolutamente il riso con l'ananas ed il piatto tipico cambogiano a base di pesce chiamato Amok. Buona scorpacciata a tutti!

Questo articolo fa parte del diario di viaggio in Cambogia. Se volete leggere le altre nostre avventure, potete collegarvi alla sezione del sito dedicata ai dieci mesi di viaggio in bicicletta nel sud est asiatico

{phocagallery view=category|categoryid=184|limitstart=0|limitcount=0}

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Thomas · 10 anni fa
    Very nice photos, I wish I be there.

    Sorry to write in English, because of my poor Italian.
Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su