Menu
MarGen22

In bici in Nuova Zelanda: un sogno giunto alla fine

E' finita! La mia avventura in bici in Nuova Zelanda è ormai conclusa. Sono a Christchurch, la città più inglese di tutta la Nuova Zelanda e fra 48 ore prenderò il volo che mi riporterà in Australia per trascorrere a Sydney, dove avevo cominciato la mia working holiday, gli ultimi giorni di questo incredibile anno down under.
Le ultime tappe del viaggio mi hanno portato a Queenstown per poi esplorare il Fiordland National Park, il più grande parco nazionale neozelandese e probabilmente il più affascinante. Quindi ho percorso l'ancora isolata e selvaggia costa del sud, ricca di wildlife (pinguini, delifini, foche e leoni marini oltre a decine di specie di uccelli marini su tutti). La costa dei Catlins mi ha conquistato con i suoi paesaggi magici. La vivace cittadina di Dunedin è stato un piacevole intervallo all'esplorazione delle meraviglie naturali della Nuova Zelanda. L'Otago Central Rail Trail, antico tracciato ferroviario appositamente sistemato per noi pedalatori, ha messo a dura prova la resistenza della mia MTB (due forature e rottura della catena in due giorni!) mentre il forte vento da nord ovest incontrato nel superare il Lindis pass per raggiungere il Monte Cook ha messo a dura prova la mia resistenza! Dopo un breve trekking tra le vette più alte del paese mi sono trasferito al lake Tekapo e da qui nella pianura di Canterbury, nei pressi di Christchurch, sfuggendole ancora per un po' per attraversare ancora una volta le alpi attraverso l'Arthur's pass. Dalla West coast un rapido bus mi ha portato a Kaikoura dove ho ammirato le evoluzioni di delfini e balene, rientrando ancora una volta in bus a Christchurch per salutare Aotearoa, la terra dalla lunga nuvola bianca, la Nuova Zelanda...
Il mio vagabondaggio nell'isola del sud quindi da Wanaka è proseguito attraversando il Crown range summit, la più elevata strada asfaltata neozelandese a soli 1100m, per raggiungere Queenstown da dove ho esplorato la Skippers road entrando nel mondo ormai passato dei cercatori d'oro. Da Queenstown sono salito sul battello a vapore Earnslaw che mi ha condotto sulla sponda opposta del lake Wakatipu fino alla tenuta di Walter peak stracolma di pecore merino.
{phocagallery view=category|categoryid=68|displayname=1|displaydetail=0|limitstart=0|limitcount=6}
Una strada sterrata con spettacolare vista sul Mt. Aspiring National Park oltre il lago, mi ha fatto giungere prima ai Mavora Lakes, una delle numerose location della trilogia del Signore degli Anelli, per quindi proseguire nel vento fino a Te Anau, porta d'ingresso del Fiordland National Park. Tramite un bus sono salito verso la punta settentrionale del parco per visitare l'unico dei 13 fiordi raggiungibili in auto: il Milford Sound (purtroppo la mia prima opzione, due giorni di kayak sul Doubtful sound era completamente prenotata per una settimana). La giornata inizialmente piovosa e più tardi magicamente rasserenatasi ha reso perfetta l`atmosfera della rain forest.
Risalito in sella ho costeggiato il confine orientale del parco fino a raggiungere la costa meridionale dell'isola del sud. Da qui è visibile la terza isola del paese, Stewart island. Essa resta fortunatamente ancora piuttosto isolata, custodendo la popolazione più consistente di kiwi (l'uccello simbolo del paese ed in pericolo di estinzione soprattutto a causa dell`introduzione di speci quali opossum e coniglio nel suo habitat) allo stato brado, protetti all'interno del Rakiura National Park che copre gran parte dell`isola.
{phocagallery view=category|categoryid=68|displayname=1|displaydetail=0|limitstart=6|limitcount=6}
Invercargill è la cittadina principale dell'area ed è piuttosto sonnolenta se visitata il sabato pomeriggio successivo al capodanno. La maggior parte degli abitanti è fuori per il weekend, molti si trovano in una delle deliziose baie della Catlins coast, dove mi sono diretto anch'io un paio di giorni più tardi. Raggiunta Curio bay e Porpoise bay fermandomi nel camping magnificamente posizionato sull'istmo che le divide. La prima baia è sede di una foresta pietrificata e luogo di nidificazione dei pinguini dagli occhi gialli, i più rari tra questi simpatici e goffi pennuti, con cui ho un mistico incontro. La seconda è invece luogo frequentato dai piccoli ed ancora una volta rari Hector's dolphins, che spesso si divertono a nuotare tra le persone. Da Curio bay risalgo la frastagliata costa per visitare l'isolato e struggente paesaggio di Nugget point, dove foche e varie specie di volatili marini trovano un habitat ideale.
Dunedin, sede di un'ottima birreria e della fabbrica di cioccolato più popolare di oceania, mi si è presentata la possibilità di una sosta con visita dell'unica colonia di albatross presente sul territorio neozelandese, a Taiaroa head, punta estrema dell'Otago peninsula.
{phocagallery view=category|categoryid=68|displayname=1|displaydetail=0|limitstart=12|limitcount=6}
Il giorno successivo mi sono addentrato nel cuore della regione del Central Otago per percorrere l'Otago Central rail trail, una ex-ferrovia risistemata appositamente per appassionati ciclisti che connette Middlemarch a Clyde lungo 150 km durante i quali attraversare tunnel e viadotti. L'ideale da Dunedin è connettere questo percorso con la Taieri Gorge Railway, l'unico tratto ancora funzionante dell'antico tracciato. Salito sul treno che attraversa la gola del Taieri river, in due giorni tra forature e rotture di catena ho raggiunto Alexandra, poco distante da Queenstown.
Deviando verso nord il vento contrario è diventato impietosamente violento e mi ha accompagnato fino al villaggio di Mt. Cook raggiunto al termine della peggior tappa del mio viaggio, sotto un diluvio avanzando a circa 6km/h. La mattinata successiva il sole splendeva e le nuvole erano scomparse rivelandomi il magnifico paesaggio che mi circondava. Una breve camminata lungo la Hooker valley mi ha consentito di ammirare relativamente da vicino il mt. Cook, la vetta più alta di tutta la Nuova Zelanda. Il Tasman glacier, completamente ricoperto da pietre, è stata la meta della mia escursione pomeridiana.
{phocagallery view=category|categoryid=68|displayname=1|displaydetail=0|limitstart=18|limitcount=6}
Rientrato sulla via verso est ho sostato un paio d'ore al lake Tekapo con le sue acque turchesi prima di valicare il facile Burkes pass e scendere verso Christchurch. Manca una settimana al mio rientro in Australia e così ho deciso di togliermi la soddisfazione di valicare anche l'Arthur's pass, fermandomi prima ad un altro splendido ed isolato lago (Coleridge). Dalla cittadina di Greymouth sulla west coast sono saltato sul bus che in direzione di Kaikoura per ammirare le piroette delle Sperm Whales, i capodogli, balene che abitano le acque del profondo Kaikoura canyon. Di qui la strada verso Christchurch è breve (soprattutto se comodamente seduti su un bus!) e mi ha portato al termine di questa magica avventura.
{phocagallery view=category|categoryid=68|displayname=1|displaydetail=0|limitstart=24|limitcount=12}
Vota questo articolo
(0 Voti)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Commenti  

jason
# 0 jason 2008-10-07 16:55
spero un giorno anch'io di poter viaggiare cosi... :-)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati