Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte

Vota questo articolo
(6 Voti)

Portogallo in bici | l'Ecovia do litoral in Algarve

Parlando di Portogallo non si può non pensare al fado, il genere di musica popolare tipico di questa nazione, allo scrittore Pessoa ed al sentimento della saudade. Se si tratta di viaggi in bicicletta e cicloturismo in Portogallo invece, parlare dell'Ecovia Litoral dell'Algarve è davvero d'obbligo: da Cabo de Sao Vicente a Vila Real de St. Antonio, l'ecovia do litoral (se usiamo il nome portoghese!) corre per 220 km circa lungo la costa dell'Algarve fra paesaggi mediterranei e paesi sempre uguali negli anni e nelle stagioni.

Mappa

L'ecovia litoral dell'Algarve è un itinerario cicloturistico che segue la costa portoghese ed è parte della rotta ciclabili Eurovelo 1 che proprio da Sagres attraversa la parte più occidentale dell'Europa fino a Capo Nord. Partendo dal chilometro 0, da quella che un tempo i navigatori consideravano la fine del mondo, si pedala sempre in vista del mare allontanandosi dal litorale solo per un paio di volte, al massimo tre, per esempio per dare una sbirciata alla città di Lagoa.
SEcovia Litorale si ha un buon allenamento si può pensare di percorrere l'intero itinerario cicloturistico in due giorni, ma se si vogliono visitare le città, i paesi e le rinomate spiagge dell'Algarve, bisogna mettere in conto almeno tre o quattro giorni di pedalata. Da quando è stata creata l'ecovia do litoral, il  Portogallo in bici è diventato una realtà dai molteplici volti: famiglie, coppie più o meno giovani, gruppi di viaggiatori, inforcano la bici per scoprire la regione dell'Algarve in maniera ecosostenibile ed alternativa.
Lasciandosi alle spalle il faro di Cabo de Sao Vicente, il punto più occidentale dell'Europa continentale, si pedala alla volta  di Sagres particolarmente apprezzata dai surfisti di tutto il mondo. In effetti, da queste parti, il vento non si ferma mai per prendere fiato... l'importante è che sia alle spalle! In bicicletta non si riesce a fare a meno di fermarsi ogni 100/200 metri per scattare fotografie o semplicemente per ammirare i paesaggi costieri dell'Ecovia litoral dell'Algarve. Viaggiare in bici  ha proprio questa prerogativa: quella di non far perdere nemmeno uno scorcio al viaggiatore... e per fortuna!!! Costa dell'AlgarveA Lagos si può sostare qualche ora gustando l'atmosfera di questa cittadina portoghese prima di iniziare la ricerca di una caletta nascosta per un tuffo nell'oceano. Decine di minuscole località dai nomi bizzarri faticheranno ad essere ricordati una volta ritornati a casa, ma ogni cicloviaggiatore sulla strada sa che certi incontri ed alcune situazioni rimarranno ricordi indelebili per tutta la vita. Ferragudo, a due passi da Portimao appare quasi addormentata mentre la si osserva adagiata sull'acqua della piccola insenatura. Al largo di Caneiros beach i faraglioni non tardano a farsi notare egocentrici nella loro mole. Il litorale portoghese dell'Algarve si tuffa nell'oceano senza scampo in un miscuglio di colori da quadro surreale, mentre le cittadine più turistiche come Albufeira sanno regalare tramonti inimmaginabili anche a chi vuole viaggiare in bici senza compagnia, senza confusione, senza gente sulla stessa rotta.Saline portoghesi I chilometri corrono più veloci del previsto fra calette sabbiose dimenticate e lunghe spiagge punteggiate di alberghi e resort... l'Algarve è così, nasconde una doppia faccia che le permette di vivere di turismo durante i caldi mesi estivi e di trarre sostentamento dalla terra e dal mare durante il resto dell'anno. Perdetevi tra le campagne portoghesi cogliendo l'essenza di ogni luogo e delle sue genti, cercate di comunicare con chi, per ripararsi dal caldo, esita a fianco della porta di casa, pedalate, cicloviaggiate e respirate i profumi dell'Ecovia litoral fino alle saline di Castro Marim. A due passi dalla Spagna, a Castro Marim il cicloturismo è ideale per catturare con l'obiettivo i voli degli esemplari di avifauna che popolano questa area: senza rumore vi sposterete veloci da un luogo all'altro scoprendo anche i volatili "portoghesi".Albufeira
Se non siete mai stati in Portogallo in bicicletta, se cercate un luogo d'Europa non ancora così turistico (sempre meglio evitare luglio e agosto però, anche a causa del caldo!), se volete alternare pedalate a nuotate... questa è la vostra occasione: saltate in sella e partite per esplorate l'Ecovia Litoral dell'Algarve!!! Dal Capo di San Vicente, seguendo l'itinerario ciclabile Eurovelo 1 alternato a qualche viaggio in traghetto, potete raggiungere addirittura Capo Nord!
Se volete avere ulteriori informazioni turistiche o chiedere un consiglio per scoprire un ristorantino a buon mercato dove mangiare le specialità portoghesi scrivete al sito di visit Algarve

 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 4 anni fa
    Manuele è stato sul posto nel 2016 è ha informazioni poco confortanti a riguardo... ecco come l'ha trovata in un suo viaggio:
    http://www.lifeintravel.it/forum/europa/812-spagna-e-portogallo.html?start=6#1127
Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su