Europa in bici: pausa cicloturistica dopo i Balcani e 2580 km

Pubblicato in Viaggi
Vota questo articolo
(3 Voti)
Dopo circa un mese dall'ultimo aggiornamento da Atene, vi scrivo per raccontare la risalita della penisola balcanica in bici.
Da Atene mi sono spostato a Patrasso con i mezzi pubblici e da lì ho pedalato lungo la costa ionica fino a Saranda, in Albania. 400 km in 4 giorni, gli ultimi con tempo quasi estivo: panorami bellissimi, mare fantastico e poco traffico.

Albania... in bici?

 
Da Saranda ho attraversato l'Albania con 2 bus, fermandomi 3 giorni a Tirana e 1 giorno a Scutari. Proprio in Albania ho trovato un'ospitalità che fino a quel momento non potevo neppure immaginare: anche nelle case delle famiglie molto povere, all'ospite viene sempre offerto cibo abbondante e molto più di quanto il viaggiatore possa chiedere. La mikpritja è uno dei antichi valori di questo popolo, insieme ad onore, fedeltà e fratellanza, e gli Albanesi ne vanno molto fieri. “Pane, formaggio e un grande cuore”, come mi è stato detto al mio arrivo da Dardan, aspirante viaggiatore in attesa di una bici per poter partire, e dalla sua famiglia.
 

Incontri con altri cicloviaggiatori


Tornato in sella alla mia bicicletta (vecchia ma buona, in due mesi nessun problema a telaio e ruote, soltanto una semplice foratura...), ho continuato verso nord, attraversando il piccolo stato del Montenegro. Lì si sono alternati i paesaggi maestosi delle bocche di Cattaro e tratti di costa che invece stanno conoscendo in questi anni una massiccia cementificazione con resort turistici di lusso, che portano nel paese un crescente numero di turisti europei e soprattutto russi. In questo tratto di strada ho incrociato alcuni ciclisti, tutti diretti verso sud: alcuni si fermeranno in Grecia o Turchia, altri hanno obiettivi decisamente più ambiziosi. Tra tutti vorrei segnalare Enzo, ciclista comasco partito la scorsa estate e diretto verso Turchia, Iran... e poi chissà, magari Pakistan e Cina! Questo è il suo blog: http://www.biciclenzo.it/
 

Risalendo la Dalmazia in bici


Superata Dubrovnik e le sue imponenti mura, eredità dell'epoca della Repubblica di Ragusa, ho deviato verso l'interno dei Balcani per visitare Sarajevo e Mostar, città che immediatamente rimandano alla mente la guerra del 1992-1995 e che ancora adesso è fonte di divisioni tra le tre etnie (bosgnacchi, croati e serbi) e tra le due entità federate che costituiscono la Bosnia ed Erzegovina. È triste constatare come questa regione dei Balcani, che rappresentava un modello di multiculturalismo ai tempi (che molti rimpiangono) della Jugoslavia di Tito, sia oggi così spaccata: ad esempio, a Mostar bimbi croati e musulmani frequentano scuole diverse, e ovviamente quando crescono frequentano bar diversi, ecc... Le quote etniche sono presenti in molti ambiti della vita pubblica e sembra difficile che questa intolleranza reciproca venga superata in breve tempo.
 

Rientro a casa in treno


Negli ultimi giorni di viaggio in bici ho pedalato nuovamente lungo la costa della Dalmazia, fino a Spalato, da dove sono tornato in Italia prendendo alcuni treni e pedalando soltanto gli 80 km che collegano Fiume a Trieste, attraversando il Carso.
La parte balcanica del mio viaggio europeo è finita e restano freschi ricordi di posti eccezionali, stimoli per conoscere ancora di più riguardo a questa zona d'Europa e soprattutto tutte le nuove amicizie che rappresentano il vero senso del viaggio. Ho ricevuto molto, spesso da chi aveva molto meno di me e non chiedeva nulla in cambio: forse ora la vera sfida, che vale di più di qualunque “impresa” ciclistica (o presunta tale), consisterà nel ripagare gli altri nella stessa maniera.
Nei prossimi giorni aggiornerò con maggiori dettagli il mio blog e le pagine Facebook e Twitter.
Se avete domande o volete saperne qualcosa in più, scrivetemi!
Alla prossima!
Stefano
{phocagallery view=category|categoryid=432|limitstart=14|limitcount=4}
Avete già letto gli aggiornamenti che Stefano ci ha inviato nelle scorse settimana? Seguite il suo European Journey attraverso i luoghi più belli dell'Europa
Europa in bici: pausa cicloturistica dopo i Balcani e 2580 km - 4.3 out of 5 based on 3 votes
Stefano

Stefano ha intrapreso il suo viaggio in Europa (A European journey) che lo condurrà prima ad esplorare i Balcani fino a giungere in Grecia per poi risalire, tagliare l'Italia, raggiungere la Francia e da lì la Spagna. Infine, dopo essere passato per il Portogallo, si dirigerà verso nord per raggiungere i paesi Bassi, la Scandinavia e ridiscendere attraverso i paesi dell'Est. Potete seguire le sue avventure sul suo blog, sulla sua pagina facebook e su Life in Travel attraverso il tag European journey.
Sito web: aeuropeanjourney.blogspot.it/

Profili social

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito