• English (UK)
Visit Rovereto

Vota questo articolo
(9 Voti)

Vecchia ferrovia Menaggio - Porlezza in bicicletta

    Vecchia ferrovia Menaggio - Porlezza
    La Lombardia è una regione ricca di vallate, vette e laghi estesi dove è possibile praticare molteplici attività outdoor. Proprio tra due di questi laghi, uno dei quali condiviso con la Svizzera, si può pedalare lungo il vecchio sedime di una linea ferroviaria ormai dismessa da anni. L'itinerario della vecchia ferrovia Menaggio - Porlezza collega il lago di Como a quello di Lugano attraversando alcune località e una piacevole riserva naturale...

    Mappa

    Storia di una ferrovia dimenticata

    La breve, ma panoramica, tratta ferroviaria tra Menaggio e Porlezza venne inaugurata nel 1884 e rimase in funzione fino all'anno 1939, cinquantacinque anni in tutto. L'idea di costruire questa ferrovia rientrò in un progetto più grande di sviluppo della rete di collegamenti tra i laghi lombardi, il Lario, il lago di Lugano e il Verbano, con l'Europa centrale attraverso il traforo del San Gottardo. Attraverso l'ausilio dei treni e dei battelli si poteva viaggiare, più o meno facilmente, da una località all'altra. Nel 1966, dopo svariate vicissitudini e due Guerre Mondiali, la linea venne soppressa e poi, negli anni successivi, disarmata.veccia ferrovia in bici

    La vecchia ferrovia Menaggio - Porlezza

    Appena a monte della cittadina lacustre di Menaggio prende il via la vecchia ferrovia per Porlezza, sul lago di Lugano. Un pannello illustrativo racconta la storia di questa linea ferrata ormai disarmata che percorreva la glaciale Val Menaggio (o Val Porlezza) e introduce i visitatori alla pedalata nella Natura tra i due laghi. Dietro la piazzola di partenza si trova anche un comodo parcheggio ma, se stai viaggiando in bici e vuoi raggiungere il percorso ciclabile direttamente da Menaggio, potrai seguire la strada secondaria che si arrampica dall'ostello sul lago fino all'inizio del tracciato (puoi seguire la nostra traccia gps!).galleria vecchia ferrovia
    Pronti, via! La pista ciclabile corre in mezzo alla vegetazione, parallela al corso del torrente Sanagra, inizialmente regalando scorci sulle colline circostanti e sulle montagne che cingono in un abbraccio protettivo il lago di Como. Man mano che si avanza i boschi diventano più fitti e quello che un tempo fu il tracciato della vecchia ferrovia si distingue in tutte le sue caratteristiche.bar la stazione menaggio porlezzaUna breve galleria ferroviaria rallegra la pedalata prima di giungere a Cardano. Nella vecchia stazione del paese è stato allestito un bar dove fermarsi per uno spuntino o per vedere le vecchie fotografie di un passato che non c'è più. Un tratto promiscuo permette di passare in prossimità di una fontana ove riempire le borracce prima di riprendere il viaggio e ricollegarsi alla vecchia ferrovia che in paese è stata in più punti interrotta e destinata ad altri usi.  Si attraversa la statale 134, la strada Regina, e ci si ritrova nuovamente su pista ciclabile.passaggio suggestivo verso porlezza A Bene Lario, un borgo di soli 330 abitanti dove si trovava la stazione di Bene - Grona, comincia un altro piacevole tratto di ciclabile nella Natura fino alla riserva naturale lago di Piano.indicazioni menaggio porlezza

    La riserva naturale lago di Piano

    Questo piccolo bacino è la naturale prosecuzione del lago di Lugano e ha una superficie di soli 0,85 kmq (anche se l'intero sito occupa un'area molto più ampia). In inverno spesso ghiaccia, in particolar modo nei tratti ombreggiati dal Monte Galbiga. La riserva naturale, istituita nel 1984, è popolata da diverse specie ornitologiche e dal gambero d'acqua dolce.caccia alle papere nala In bicicletta si può percorrere una sponda sterrata, quella che conduce i ciclisti al centro visite della riserva. Dall'area naturalistica si continua a pedalare su pista ciclabile attraversando il torrente Cuccio, costeggiando la frazione di Tavordo (comune soppresso dal regime fascista nel 1928) e raggiungendo le rive del lago di Lugano e il paese di Porlezza.riserva lago di piano

    Porlezza e Antonio Fogazzaro

    Porlezza è il punto finale di questo itinerario ciclaile lungo la vecchia ferrovia da Menaggio. Da qui si può decidere di tornare indietro per la stessa strada, per una via alternativa, magari sterrata, o di proseguire il viaggio in bici verso Lugano e la Svizzera come abbiamo fatto noi. Porlezza conta quasi 5000 abitanti ed è una rinomata località turistica dela provincia di Como. riserva lago di piano in biciCurioso è sapere che nella cittadina sorge la pieve di San Vittore, una delle 57 pievi risalenti al Medioevo dell'antica diocesi di Milano. Lo scrittore e poeta Antonio Fogazzaro cita più volte Porlezza nel suo romanzo Piccolo mondo antico. porlezza lagoL'itinerario ciclabile lungo la vecchia ferrovia Menaggio - Porlezza è un tragitto di facile percorrenza, adatto anche a ciclisti con poco allenamento. Consiglio la percorrenza anche alle famiglie con bambini, consderando però la presenza di alcuni tratti condivisi con il traffico veicolare su strade secondarie.

    Come raggiungere Menaggio

    Da Milano, da Lecco, da Bergamo e da alre città del nord Italia si può raggiungere la cittadina di Varenna, sul lago di Como, sponda lecchese, con uno dei treni regionali diretti in Valtellina. A Varenna poi ci si può imbarcare, controlla bene gli orari e verifica la possibilità del trasporto bici a bordo, sul traghetto per Menaggio che viaggia anche durante il periodo invernale.
    Sul nostro sito trovi altre vecchie ferrovie da fare in bici mentre, se stai viaggiando in bici in Lombardia, scopri gli altri percorsi ciclabili della regione.
    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Persone nella conversazione:
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Gloria · 1 mesi fa
      Buongiorno. É fattibile anche in pattini?

      Grazie!
      • Questo commento non è pubblicato.
        Vero · 1 mesi fa
        Ciao Gloria, diciamo che la salita da Menaggio nella prima parte è mediamente impegnativa e considera anche un 10% dell'itinerario sterrato all'altezza della riserva... detto questo secondo me se parti Cardano puoi arrivare fino alla Riserva lago di Piano (dove inizia il tratto sterrato) abbastanza tranquillamente!
    • Questo commento non è pubblicato.
      Flavio · 3 mesi fa
      Effettivamente sarebbe carino aggiungere un suggerimento su come continuare da Porlezza.
      A parte tornare indietro o pedalare fino a Lugano (e da li prendere un treno TiLo e tornare in Lombardia), un'altra opzione é prendere un battello del lago di Lugano (verificare orari e carico bici) fino a Lugano o Capolago (per poi prendere il treno, vedi sopra).
      • Questo commento non è pubblicato.
        Vero · 3 mesi fa
        Ciao Flavio, come darti torto... Piano piano, perchè è un lavoro mostruoso:P, stiamo aggiornando i campi aggiuntivi dei vari itinerari consigliando, in base alla nostra esperienza, come proseguire, cosa vedere, cosa mangiare e dove dormire Spero presto di riuscire ad aggiornare anche questa vecchia ferrovia Noi da Porlezza abbiamo proseguito fino a Lugano (anche se la strada non è bella da fare in bici) e poi verso il lago Maggiore
        a presto e buona serata
    • Questo commento non è pubblicato.
      Luigi Ferretti · 10 mesi fa
      Ma si può fare anche a piedi o è scoperto spigliato? A porlezza c è una stazione dei treni o devi andare fino a Lugano o tornare a Menaggio?
      • Questo commento non è pubblicato.
        Vero · 9 mesi fa
        Ma si può fare anche a piedi o è scoperto spigliato? A porlezza c è una stazione dei treni o devi andare fino a Lugano o tornare a Menaggio?


        Ciao Luigi, grazie per averci scritto! Purtroppo la ferrovia a Porlezza è diventata ex e non opera più. Però se sali a piedi poi puoi prendere l'autobus per rientrare a Menaggio o andare a Lugano. Ecco gli orari invernali della linea: http://www.menaggio.com/newmedia/pdf_turistico/come%20raggiungerci/C12.pdf Se vai verso Lugano non scordare la carta d'Identità o il passaporto
        buon giro ;-)
    • Questo commento non è pubblicato.
      ctu67 · 1 anni fa
      ciao
      wow vicino a casa e non la conoscevo


      con una mtb "leggera" ruote 29 strette " si riesce ad andare ? come è lo sterrato...sconnesso o strada bianca ?
      • Questo commento non è pubblicato.
        Leo · 1 anni fa
        ciao
        wow vicino a casa e non la conoscevo


        con una mtb "leggera" ruote 29 strette " si riesce ad andare ? come è lo sterrato...sconnesso o strada bianca ?

        Ciao, con una MTB è fattibilissima... poco sterrato e ben battuto
    • Questo commento non è pubblicato.
      Maurizio Zucchini · 1 anni fa
      Brava Veronica & Bravo Leo! Grazie per le belle ciclabili che condividete .....
      Continuate così!

      Buon Viaggio
      Maurizio
      • Questo commento non è pubblicato.
        Vero · 1 anni fa
        Brava Veronica & Bravo Leo! Grazie per le belle ciclabili che condividete .....
        Continuate così!

        Buon Viaggio
        Maurizio


        Ciao Maurizio, grazie di cuore
        Ne hai già pedalata qualcuna?=)
        buone avventure in bici^^
        Vero
        • Questo commento non è pubblicato.
          ctu67 · 1 anni fa
          ciao
          wow vicino a casa e non la conoscevo


          con una mtb "leggera" ruote 29 strette " si riesce ad andare ? come è lo sterrato...sconnesso o strada bianca ?
          • Questo commento non è pubblicato.
            Leo · 1 anni fa
            Ciao Riesci tranquillamente a percorrere l'itinerario con una MTB 29, noi lo abbiamo affrontato con una bici da cicloturismo carica ) Lo sterrato è ben battuto quindi fattibilissimo^^
            buone pedalate
            Leo
    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia.
    Ho vissuto 6 anni in Trentino godendo della bellezza della Natura, delle montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento ritenuto giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica e Lesotho... e il #noplansjourney...
    Se non siamo in viaggio, viviamo sul lago d'Iseo!
    Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su