Vota questo articolo
(0 Voti)

Val di Merse in bicicletta: itinerario sulle colline senesi meno conosciute

    Val di Merse in bicicletta
    Un'antica abbazia con il tetto fatto di cielo, un ponte di origine romana ad arco, dolci colline e storie da ascoltare, la Val di Merse è uno di quei luoghi che sogni di scoprire per caso in bicicletta, senza fretta, assaporando ogni istante che vivi.
    Poco conosciuta rispetto alla Val d'Orcia e ad altre valli della provincia di Siena, la Val di Merse è uno scrigno di itinerari ciclabili inaspettati, il posto giusto da attraversare durante un viaggio in bici o un'esperienza di cicloturismo.

    Mappa

    La Val di Merse è un reticolato di itinerari ciclabili che si sviluppano su strade poco trafficate e di campagna. Se dovessi consigliare a qualsiasi viaggiatore un modo divertente e interessante per visitare questa area della provincia di Siena senza dubbio, e non solo perchè mi piace pedalare, suggerirei di utilizzare una bicicletta. Partendo dal paese di Orgia si può iniziare l'esplorazione di una fetta della val di Merse davvero piacevole. Ho percorso l'itinerario in sella ad una bici ibrida, a mio parere il miglior compromesso per pedalare su asfalto e sterrati semplici.
    Dopo qualche chilometro di facile pedalata dalla partenza, a parte un piccolo strappo all'ingresso del paese, giungiamo a San Rocco a Pilli che può vantare la chiesa dedicata a San Bartolomeo e qualche scorcio piacevole sui dintorni. Le campagne senesi sono anche in Val di Merse spettacolari e, in una giornata di sole con cielo terso (ma non troppo, per scattare belle fotografie le nuvolette sono sempre ottimi soggetti!), vale la pena soffermarsi sui particolari dei paesi e sui paesaggi bucolici a perdita d'occhio.val di merse in bici5
    Oltre San Rocco a Pilli l'itinerario ciclabile prosegue in discesa e tutto cambia: i capelli volano cullati dalla brezza collinare, i freni stridono ad ogni curva, i vigneti mi fanno venire una gran voglia di vino rosso. Superiamo Barontoli, Poggio Salvi, Cerreto Selva ed altri minuscoli avamposi della Val di Merse. In bicicletta ciò che ci circonda assume un colore diverso, più vivo, più autentico e speciale, anche le colline senesi non fanno eccezione.
    Al bivio per Caldana di Sotto, svoltiamo a sinistra in direzione di Sovicille e della Pieve di Ponte allo Spino che vale una sosta di almeno mezzora.
    Oltre alle trattorie che propongono menù a base di prodotti tipici senesi, la Val di Merse vanta anche un'ottima produzione di vino, dovete assaggiarne almeno un paio per rendervi conto della qualità (senza esagerare!) e poi, mi raccomando, guidate la vostra bicicletta con attenzione!val di merse in bici6
     

    Deviazione al Ponte della Pia

     
    Appena giunti a Rosia, dopo un paio di ore di pedalata cinti dalle colline della Val di Merse, abbiamo deciso di allungare il percorso ciclabile per raggiungere il famoso e suggestivo Ponte della Pia. Sulla strada non c'è nessuno oltre a noi: scivoliamo verso la meta senza far rumore quasi volessimo evitare di disturbare qualcuno. Il ponte della Pia è uno spettacolo dell'ingegneria umana: la sua forma ad arco è il soggetto perfetto per qualche fotografia. val di merse in bici3Sotto il ponte di origine romana scorre il torrente Rosia e, attraversandolo, ci si ritrova sul sentiero nominato Manliana che conduce all'Eremo di Santa Lucia. Torniamo sui nostri pedali per rientrare al punto di partenza: un acquazzone ci sorprende senza lasciarsi vie di fughe, è questione di pochi secondi e siamo bagnati fradici. C'è ancora qualche chiometro da percorrere e, visto che siamo già piuttosto umidi, improvvisiamo una gara a due ruote sfrecciando fra pozzanghere e paesaggi ingrigiti dal tempo.val di merse in bici2
     

    4 luoghi da vedere in Val di Merse

     
    Ci vorrebbe un giorno intero per elencare tutti gli edifici storici, i luoghi naturalistici e gli scorci paesaggistici da vedere in Val di Merse.
    Per questo motivo mi limiterò a consigliarvene alcuni fra quelli visitati in bicicletta ed altri che vorrei esplorare!val di merse in bici
    1. Ponte della Pia: di origine romana, fu ricostruito nel XIII secolo e svolse un ruolo importante nel collegamento tra Siena e la regione toscana della Maremma. Soggetto interessante da fotografare, è un must essere ripresi mentre lo si attraversa in bicicletta!
    2. Abbazia di San Galgano: l'antico edificio non ha più il tetto e questa è la peculiarità che la rende unica. Non l'ho visitata personalmente ma è uno di quei posti a cui non direi di no!
    3. Pieve di Ponte allo Spino: edificio romanico risalente al 1189, vanta al suo interno tre navate ed un'architettura di quelle che piacciono sempre!
    4. Castello di Montarrenti: risalente con molta probabilità al VIII secolo, appare in lontananza mentre si percorre la SS 541. Dopo lavori di ristrutturazione è stato in parte recuperato ed oggi, al suo interno, hanno sede il CAI e l'osservatorio astronomico provinciale!
    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
    Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
     Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

    Aggiungi commento

    Codice di sicurezza
    Aggiorna

    Torna su