fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


La scalata al Monte Pagano, Valcamonica in MTB

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
L'itinerario del Monte Pagano in MTB, ricco di attrattive storiche e naturalistiche, merita di essere inserito nell'albo dei percorsi più interessanti della provincia di Brescia, e più precisamente dell'Alta Valle Camonica. Si tratta di una gita decisamente remunerativa e alquanto insolita rispetto ai classici della valle, ma che garantisce un panorama incredibile sulle montagne dirimpettaie alte più di tremila metri e che permette una visita approfondita delle strutture belliche realizzate in occasione del Primo Conflitto Mondiale.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

La Ciclovia del Fiume Oglio

In corrispondenza del paese di Sonico (650 m) si gira a sinistra lungo Via Valeriana, seguendo le indicazioni della ciclovia del Fiume Oglio. Affrontato un breve tratto di saliscendi si comincia a salire lungo la tortuosa strada del Monte Colmo sino ad un tornante dove sulla sinistra si stacca un brevissimo percorso sterrato, che prenderemo per raggiungere il grazioso paese di , costituito da un dedalo di stretti vicoli selciati divertenti da percorrere in MTB. Lasciando alle nostre spalle l'evidente ed inconfondibile Piz Tri, percorreremo una breve discesa sino ad innestarci sul percorso ciclopedonale sterrato della Via Valeriana. VIA VALERIANA Questi tre chilometri e mezzo di divertenti saliscendi nel bosco permettono di raggiungere con facilità la contrada Al Vago di Incudine (950 m), ove ci si può rifornire di acqua fresca grazie alle numerose fontane presenti.

La Valle del Mortirolo

A questo punto si percorre in discesa un breve tratto della strada statale del Tonale verso Edolo, e ben presto si devia a destra iniziando così la salita verso il famoso Passo del Mortirolo. La strada asfaltata si insinua nell'omonima valle con pendenze abbordabili, superando il paese di Monno e giungendo al tornante n° 12, ove un cartello turistico indica “vecchia mulattiera Passo del Mortirolo”, variante che percorreremo. 02 VECCHIA MULATTIERA Sono tre chilometri decisamente molto intensi in quanto coprono un dislivello di circa 400 m, con pendenze sempre importanti e in certi frangenti prossime al 20%. Lungo questa variante, stretta e completamente asfaltata, non saremo assaliti da nessun mezzo motorizzato, così da permetterci di gustare l'ambiente circostante caratterizzato da un bellissimo bosco intervallato da suggestivi prati e radure ove l'uomo, nel corso dei decenni, vi ha costruito baite ed edifici rurali dal gusto architettonico prettamente locale. VALLE DEL MORTIROLO Superata una piccola santella votiva ci si innesta sulla strada principale che proviene dal fondovalle, in prossimità del Ponte Palù (1628 m). A questo punto la tentazione di salire al Passo della Foppa (Mortirolo) è tanta, visto che è distante poco meno di tre chilometri! Ne vale assolutamente la pena: una decina di tornanti bellissimi, la valle che si apre nel suo splendore, prati, pascoli e torbiere, la chiesetta di San Giacomo risalente al XVIII secolo, le casermette militari della Grande Guerra e i panorami sulle cime innevate nonché sul Monte Pagano, meta della giornata. Insomma, un ambiente talmente rilassante da renderlo adatto anche ai picnic domenicali...ma chiaramente dopo essere saliti in MTB! E infine lui, il Passo Mortirolo (1852 m), il cui nome deriva, secondo una leggenda, dai numerosi morti causati dalla battaglia combattuta in quel luogo tra le truppe cristiane di Carlo Magno e le schiere avversarie di giudei e pagani. PRATI DEL MORTIROLO

La salita al Monte Pagano

Una volta tornati al Ponte Palù, si seguono le indicazioni per il Monte Pagano, imboccando una strada cementata dalle forti pendenze. Dopo qualche centinaio di metri il percorso si fa meno erto e il fondo diventa naturale e pedalabile senza alcuna difficoltà. Usciti dal bosco si attraversa un'area prativa molto bella e panoramica sino a raggiungere la baita Plazza. BAITA PLAZZA Dopo circa mezzo chilometro di strada piacevole da percorrere si raggiungono i cascinali di Carèt, altra località fantastica dove la vista spazia dal Mortirolo alle montagne della media Valtellina confinanti con la Svizzera.BAITA CARETDa questo punto in poi la strada comincerà a svelare la sua origine; si tratta, infatti, di una mulattiera militare – tuttora ben conservata –, costruita in occasione della Prima Guerra Mondiale e che aveva lo scopo di collegare la valle del Mortirolo con il M. Pagano ed il Pianaccio, ove erano situate postazioni strategiche arretrate a controllo dell'avanzamento del nemico. Superata la deviazione per il Pianaccio (collegato con un'altrettanta mulattiera militare, sicuramente meritevole di essere percorsa in MTB), la mulattiera diventa in alcuni tratti un semplice sentiero, per fortuna quasi completamente pedalabile. Dopo aver affrontato in sella diversi tornanti – in località Pian di Lochèr – con vista sul gruppo dell'Adamello, si giunge in un punto peculiare: un tornante sopraelevato dotato di un allargamento per facilitare il transito degli autocarri militari. tORNANTE Una breve passeggiata, su sentiero, di qualche centinaio di metri con la bici al proprio fianco introduce nella parte conclusiva, caratterizzata da un breve traverso perlopiù pianeggiante che permette di giungere in vetta al Monte Pagano, alto 2348 m. Per raggiungere la croce di vetta si potrà utilizzare uno degli accessi distribuiti lungo il trinceramento circolare (ben conservato dopo circa un secolo!) che avvolge la cima stessa. Monte PAGANO Inutile commentare il panorama a 360°, dal Passo del Tonale al gruppo dell'Adamello sino alle Orobie e al Bernina. Un vero spettacolo! E sotto di noi, in direzione nord, è ben visibile la sterrata ex militare che solca la Valle di Varadéga sino all'omonimo passo, nonché la Val Bighera che sprofonda nella sottostante Val Grande, oggetto d'attenzione per le prossime uscite in MTB. TRINCERAMENTO

La discesa verso Sonico

La discesa dal Monte Pagano ripercorre in parte il tracciato di salita, sino alla località Carèt: bella, filante, tecnicamente non difficile, affrontabile quasi tutta in sella (attenzione ai tratti esposti) e soprattutto divertente! Giunti alla baita sopraccitata si svolta a sinistra (indicazioni per Monno) lungo una strada sterrata che si sviluppa nel bosco, inizialmente con pendenze moderate e successivamente con diversi tornanti ripidi ma mai pericolosi. Anch'essa non è altro che una vecchia strada militare, riconoscibile per gli slarghi ai tornanti, i resti di muretti a secco e il fondo che in alcuni tratti presenta il selciato originale. Giunti sulla strada asfaltata si scende verso Monno e dopo pochi chilometri si svolta a destra percorrendo lo sterrato che dalla chiesa di San Brizio conduce alla contrada La Croce, situata nei pressi di Edolo. CHIESA DI SAN BRIZIO Ora basterà seguire la strada asfaltata sino a Edolo per poi inerpicarsi verso Sonico, concludendo questo bellissimo percorso attraversando gli stretti vicoli del paese.
 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.