fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Vacanze a Barcellona

La Spagna, in generale, non mi stanca mai. Lasciando da parte ogni luogo comune sulle presunte (ma forse anche effettive) passionalità e ospitalità del popolo che la abita, rimane una delle poche nazioni europee in cui mi sento davvero a casa. L'ho girata in lungo e in largo, negli anni, prima senza conoscere la lingua e poi avvicinandomi lentamente ad un idioma che non è immediato come la gente pensa. L'ultima volta, la settimana scorsa, è toccato a Barcellona. Era la quinta o sesta volta che andavo, ma non l'avevo mai visitata nei giorni del Gay Pride, e l'esperienza si è rivelata illuminante. E' incredibile come quella che consideravo la città più vitale e colorata d'Europa, si sia rivelata dieci volte più energica e variopinta durante questo importante evento.
Fortunatamente avevo un letto assicurato a casa del mio amico newé, dal momento che tutti i siti con recensioni di hotel a Barcellona indicavano chiaramente quanto tutte le strutture alberghiere fossero stracolme, così come le strade, i pub, ed ogni luogo di socializzazione a cui possiate pensare. Non c'era un angolo di Barcellona vuoto o in silenzio: la musica e le risate hanno pervaso per tutto il week end gli spazi che tanto bene conoscevo, e che d'un tratto mi sono sembrati nuovi. Ho rivisto con piacere la Casa Milà, l'Hospital de Sant Pau, la Sagrada Familia e tutti gli amici spagnoli fatti nelle precedenti visite.
L’Avinguda Maria Cristina, poi, una delle strade principali di Barcellona, ha ospitato il vero cuore della manifestazione, con carri, cortei, e un'infinità di persone (gay e non!) pronti a far festa senza dimenticare il valore civile dell'evento. Particolare rilievo (mediatico) è stato dato ad un'associazione gay di Tel Aviv, che l'anno scorso era stata esclusa dalla partecipazione all'Europride di Madrid, e che quest'anno ha portato un'importante testimonianza di solidarietà civile proveniente dall'oriente.
Insomma: un'esperienza consigliatissima, specialmente per chi ha già visitato la città e vuole riscoprirla con occhi nuovi.

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Redazione

Sulle pagine di lifeintravel.it ospitiamo di tanto in tanto racconti, guide e itinerari proposti dai nostri lettori. Se desideri anche tu scrivere un post relativo ad un viaggio in bici che hai fatto o ad un argomento coerente con quanto trovi su Life in Travel, non devi far altro che contattarci all'indirizzo email info@lifeintravel.it

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Acquista la divisa Life in TravelSono arrivate le nuove divise Life in Travel

La voglio anch'io!

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su