Uluru e il Kata Tjiuta National Park in Australia

Pubblicato in Australia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

Dici Australia e pensi Uluru! Il simbolo della terra un tempo appartenuta agli aborigeni è questo enorme monolite che sorge nel mezzo di un territorio altrimenti piatto. E per ogni visitatore che vi arrivi via terra, avendo percorso migliaia di chilometri di deserto, provenga esso da Coober Pedy o da Alice Springs, la meraviglia è grande. Lungo la strada che porta ad Ayers rock (questo il nome "occidentale") in realtà si incontra prima il Mount Conner, altro strano rilievo che rompe la monotonia del paesaggio ad un centinaio di chilometri di distanza da Uluru. La roccia si intravede una cinquantina di chilometri prima di essere raggiunta e lentamente diviene sempre più definita e più grande fino a manifestarsi in tutta la sua imponenza una volta giunti ai suoi piedi.

 

Passato il resort di Yulara, completo di hotel, supermarket e campeggio, si entra nel Kata Tjiuta National Park dove sono stati approntati diversi punti panoramici e una strada che corre alla base del monolite. Una volta entrata nella tua area visiva, risulta quasi impossibile distogliere gli occhi da questa strana ed immensa formazione. La vista è attratta magneticamente da Uluru e pur di non distogliere lo sguardo se ne scannerizza ogni centimetro. Un sentiero attrezzato parte dalla base e permette a chi la voglia intraprendere, la scalata fino alla sommità: noi decidiamo di evitare questo percorso dato che gli Anangu (aborigeni) ritengono sacra la zona e preferirebbero si evitasse di salire su Uluru. In realtà la processione di turisti che salgono sulla vetta nonostante tutti i cartelli di richiesta di rispetto presenti è senza soluzione di continuità e mi mette un po' di tristezza addosso.

Comunque noi ci dirigiamo sul sentiero che gira attorno alla roccia e, sempre evitando di fotografare e calpestare i luoghi sacri presenti tutt'attorno, ammiriamo questo fenomeno naturale fino ad ora visto soltanto nelle fotografie. Al tramonto ci trasferiamo nell'apposita area per ammirare i mille colori che Uluru assume durante le ore del crepuscolo: lo spettacolo è degno e rispetta le aspettative create, nonostante quasi riuscissimo a perdercelo a causa di lavori sulla carreggiata (ma proprio al tramonto si devono mettere a lavorare!!!!!! Sto scherzando ovviamente, poveri lavoratori). Dopo aver dormito nel campeggio di Yulara, dove prima di cucinare abbiamo avuto la visita di un piccolo dingo, all'alba ci siamo diretti verso la seconda grande formazione rocciosa presente nel parco: le Kata Tjiuta, una serie di rilievi costituiti in questo caso da conglomerato che raggiungono quasi i 900 m di altezza (duecento in più di Uluru). Anche queste formazioni sono magnifiche e, nonostante il freddo, l'alba le colora di meravigliose rosse sfumature che ci riscaldano l'anima. Trascorriamo l'intera giornata a passeggiare tra le vette delle Kata Tijuta, restando ammaliati da cosa la natura possa creare e modellare. Sicuramente il parco merita la fama che ha e merita una visita nonostante si trovi a centinaia di chilometri di distanza da qualsiasi centro abitato di un certo rilievo (Alice Springs si trova a 450 km), o forse proprio per questo!

Uluru è un po' il simbolo dell'Australia e poterlo vedere dal vivo è un'emozione davvero forte. L'outback australiano dopotutto è una continua sorpresa nonostante regnino il silenzio e la Natura. Altri luoghi australiani dove la Natura è stata particolarmente generosa sono Fraser Island, l'isola di sabbia più grande del mondo, il deserto dei pinnacoli e, sicuramente, la barriera corallina più grande del mondo, la Great barrier reef!
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito