fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(0 Voti)

TransCarpazia express: in bici tra Bucovina e Maramures

L'azzurro, quello intenso e deciso, è il colore dominante di questa Transcarpazia express, un viaggio tra Romania e Ucraina in bici. Il cielo terso dei Carpazi, i monasteri dipinti della Bucovina, i lacuri e i canyon dove l'acqua scorre inarrestabile, ogni cosa nel nord-ovest della Romania richiama la tonalità celeste. Poi ci sono le chiese lignee del Maramureș - opere di assoluta bellezza che svettano verso un universo ancora a noi sconosciuto - e il Cimitero allegro di Săpânţa, l'unico camposanto al mondo dove sembra impossibile piangere.

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

ucraina in bici ciclabile transcarpazia

Dati tecnici

TransCarpazia express

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Sighișoara/Užhorod
Tempo 10-12 giorni
Dislivello 7300 m circa
Lunghezza 790 km
Tipologia di strada
85% Asfalto  
15% Sterrato  
Bici consigliata
Gravel
Bici da viaggio
Adventure bike
VALUTAZIONE
Difficoltà Media
Panorama Bello
QUANDO ANDARE
MaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobre
nala e leo
Questo itinerario attraversa regioni dalle tradizioni antiche ancora presenti. L'ospitalità genuina delle popolazioni, i colori delle case e dei monasteri affrescati e i sorrisi sdentati degli anziani, ti accompagneranno per lunghi anni a venire quindi preparati a un viaggio indimenticabile nell'estremo nord della Romania e nella parte forse più occidentale dell'Ucraina, pedalando attraverso i Carpazi.

Transcarpazia express dalla Romania

Il punto di partenza del tracciato tra Romania e Ucraina in bicicletta è la città di Sighișoara, luogo romantico decretato, tra le altre cose, anche patrimonio UNESCO. In realtà, durante il nostro #Noplansjourney, abbiamo raggiunto questa località dopo diversi mesi di viaggio, ma per chi volesse percorrere solo questa traccia o unire il percorso all'anello della Transilvania già pubblicato sul sito, consiglio di raggiungere con un volo Brașov, situata a sud-est di Sighișoara.sterrati bucovina transcarpazia

Di origine sassone, il nostro punto di partenza conta un numero discreto di torri (in rumeno turnul) e una pittoresca cittadella con cinta muraria del XIII secolo. In città visse anche il padre di Vlad Tepeş, meglio conosciuto come l'impalatore o Dracula, le cui vicende sono raccontate dalla penna dello scrittore irlandese Bram Stoker nell'omonimo romanzo.porta verde romania

Da Sighișoara si parte immergendosi fin da subito nella natura dei Carpazi tra minuscoli villaggi, strade rurali, boschi e vette celate dalle nuvole. La Transcarpazia express si spinge fino a Zetea tra saliscendi continui, superando l'habitat di orsi bruni, caprioli e rapaci. Nella cittadina a maggioranza Székely, popolazione di lingua ungherese,è possibile fare la spesa, ristorarsi e trovare un alloggio. La traccia prosegue verso nord-est, costeggiando il lago Zetea e raggiungendo presto Gheorgheni, nel distretto di Hargita. Se hai bisogno di controllare la bici com'è successo a noi, qui troverai un meccanico.nord romania in bici transcarpazia

Gheorgheni si trova a 26 km dal Lacul Rosu, il lago rosso, un'oasi naturale dove sostare, soprattutto in autunno. La sponda occidentale del lago è sterrata e si può percorrere per diversi chilometri, ma alla fine non siamo riusciti a completare l'anello intorno al bacino lacustre e siamo stati costretti a tornare sui nostri passi.lago rosso romania

Lasciandosi la piccola riserva naturale alle spalle ci si avvicina velocemente alle spettacolari gole formate dal fiume Bicaz che ha scavato un passaggio tra alte pareti rocciose. Chi soffre di claustrofobia si sentirà forse un po' soffocato, ma lo spettacolo conquisterà anche i più scettici. Il sinuoso orrido collega la regione della Transilvania a quella della Moldavia nel comune di Bicaz-Chei. Fai rifornimento nei quattro piccoli centri abitati che compongono il comune e spingiti fino al lago Izvorul Muntelui, dove potrai campeggiare.lago bikaz romania

Formazioni rocciose e monasteri dipinti

Il lago è un enorme invaso artificiale d'acqua dolce formato dal corso del fiume Bistrita che in questo viaggio seguiremo per un bel tratto a ritroso. Scorci montani, piccoli avamposti nascosti tra la vegetazione, un valico a 1140 metri e un sito di formazioni rocciose davvero fotogenico sono alcuni dei tratti distintivi del percorso fino a Ostra, già località della storica regione della Bucovina.affreschi maramures chiesa

L'area della Bucovina è divisa tra Romania e Ucraina. In bici si possono raggiungere i colorati monasteri patrimonio UNESCO che la contraddistinguono rendendola celebre in tutto il mondo. Humor e Voroneț - soprannominato la Cappella Sistina d'Oriente - sono solo due dei siti assolutamente da non perdere durante un viaggio tra Romania e Ucraina in bicicletta.affreschi voronet

La nostra Transcarpazia express si snoda tra sterrati e, a tratti, la strada principale che permette di raggiungere i luoghi sacri per visitarli. Dai monasteri risalenti al XV secolo (Voroneț venne costruito per ricordare la vittoria sui turchi del 1475), si pedala a ovest, entrando ancora più a fondo nella Bucovina. Da Pojorata iniziamo a seguire il fiume Moldova per poi attraversare un altopiano verdeggiante, in direzione del passo di Prislop, a 1416 metri, confine tra la Bucovina e il Maramureş. Pioggia, vento e neve. In montagna non ci si deve stupire di nulla dopotutto! portone decorato in legno romania

Maramures e le chiese in legno

Borșa, la prima cittadina che si incontra dopo il Prislop pass, è una località rinomata per la vicinanza a luoghi naturalistici e per iniziare numerose escursioni sulle montagne dei dintorni. Seguendo il corso del Viseu, in prossimità di Viseu de Jos, svoltiamo a sud iniziando a pedalare controcorrente a fianco del Bocicoel. Risaliamo dolcemente nel nulla, accompagnati solo dallo sporadico volo di rapaci e dal profumo della foresta autunnale. Ogni cosa sempre trovarsi perfettamente al suo posto, in un equilibrio quasi commovente. Le gambe spingono sui pedali senza affaticarsi troppo, la mente è sgombra da pensieri pesanti, il cuore gioisce di tanta bellezza.raccoglitori di patate romania nord

La chiesa lignea di Bogdan Vodă - o biserica come si dice in Romania - ci lascia senza fiato con la sua struttura imponente, ma al tempo stesso accogliente. Il legno permette all'edificio di essere perfettamente integrato nel contesto naturale nel quale è inserito. Il tracciato lascia la cittadina riprendendo a seguire un altro corso d'acqua chiamato Iza fino a Sieu.scandole legno tetti maramures I fiumi, i rivoli, i torrenti punteggiano questo incantevole angolo di Maramures rinfrescando l'aria e conquistando anche i visitatori più scettici. Saliscendi e chiese lignee costruite con incredibile maestria si alternano su questa strada, ma il meglio deve ancora venire.chiesa lignea maramures

Da Călinești tutto cambia: l'intensità dei luoghi, delle persone, delle sensazioni cresce a dismisura e ci si trova completamente catapultati in un mondo inaspettato e meraviglioso, un mondo agreste che in altri luoghi sembra non esistere più. contadina rumena maramuresGli anziani sdentati lavorano ancora la terra con l'ausilio degli animali, spostandosi su carretti cigolanti, le donne indossano un foulard e invitano i viaggiatori a bere qualcosa di fresco, i bimbi giocano in strada correndoci incontro allegri. In bici ci spingiamo fino a Budești che cela tra le sua abitazioni tipiche una chiesa lignea dedicata a San Nicola del XVII secolo con affreschi di pregiata fattura.rapace romania transcarpazia Il confine con l'Ucraina in bici è sempre più vicino, ma prima di oltrepassarlo visiteremo ancora qualche chiesa in legno, la città di Sighetu Marmației e il cimitero felice di Săpânţa.

Il cimitero dove non si può piangere

A pochi chilometri da Sighetu Marmației e dalla frontiera ucraina è possibile raggiungere in bicicletta il cimitero felice di Săpânţa, un camposanto dove è impossibile piangere.cimitero felice sapantaLa creazione di questo luogo vivace si rifà agli antichi Daci, popolo che credava nell'immortalità dell'anima. In Romania, e anche in questo angolo di Maramures, è usanza vegliare i propri cari defunti per tre giorni e tre notti mangiando, bevendo, ricordando i momenti felici vissuti insieme... questo per evitare che finiscano in un aldilà triste.cimitero felice sapanta romania

Nella tradizione rumena si loda la vita invece che la morte, così come avviene nel cimitero di Săpânţa. Ogni croce lignea di questo luogo patrimonio UNESCO è colorata d'azzurro e per ogni ospite del camposanto è raccontata parte della vita in rima come in una grande e ironica antologia. Questo incredibile lavoro venne iniziato da Stan Ion Patrăş negli anni '30 e ancora oggi viene portato avanti dal suo apprendista.transcarpazia express cimitero felice

Ucraina in bici

Abbiamo assaporato la grande ospitalità rumena nei piccoli gesti quotidiani: due chiacchiere, un caffè offerto, qualche indicazione, i numerosi sorrisi e poi le notti trascorse a casa di Remus e la cena con gli amici e la mamma di Gabriel che vive in Italia.memoriale vittime comunismo prigione

Dopo due mesi attraverso la Romania siamo certi che ci mancherà molto, ma il viaggio deve continuare ed è giunto il momento di scoprire un piccolo angolo di Ucraina in bici. Un'ultima visita al Memoriale delle vittime del Comunismo e della Resistenza a Sighet e la nostra avventura Transcarpazia Express ci porta a varcare il confine in un'atmosfera amichevole sul fiume Tisa, Tibisco in italiano, un affluente del Danubio lungo più di 800 km.memoriale vittime comunismo

Il nostro breve itinerario ucraino ci accompagna a scoprire altre chiese lignee situate lungo il confine oltre Užhorod, un'elegante città della regione storica della Rutenia Subcarpatica. In questo angolo della Transcarpazia si respira aria mitteleuropea con i caffè, le case colorate, le vecchie sinagoghe e le chiese in legno. Il retaggio del periodo del grande Impero austro-ungarico è ancora evidente.chiesa dorata ucraina

Le nostre ruote scorrono lente e appesantite dal carico mentre l'autunno colora i boschi con le sue tonalità più belle. notte in tenda ucrainaLe giornate si accorciano, ma siamo degli inguaribili romantici e non riusciamo a rinunciare alla tenda e a trascorrere le tiepide - e sempre più lunghe - nottate sotto le stelle. La consapevolezza di appartenere a un universo così meraviglioso ci gonfia di sincero orgoglio e così, in ogni nuovo accampamento, ci addormentiamo sereni. L'Ucraina in bici ci stordisce: i cartelli sono tornati a essere in cirillico, la gente parla un'idioma per noi impossibile da comprendere, ma nonostante questo tutto profuma intensamente di casa.ucraina in bici

Užhorod, la meta finale di questa lunga Trancarpazia in bicicletta, potrebbe trovarsi in Austria o in repubblica Ceca. Il cappuccino che bevo è il più buono di tutto il viaggio (assurdo eh?!?) e il nostro soggiorno nell'ostello cittadino è ciò di cui avevamo bisogno per riordinare pensieri ed emozioni di questa fantastica avventura.

  • I monasteri dipinti della Bucovina come quello di Voronet 
  • Le chiese lignee, patrimonio UNESCO e non, degli artisti del Maramures rumeno e ucraino
  • Il cimitero felice di Sapanta, un luogo dove è praticamente impossibile piangere
  • Il memoriale delle vittime del Comunismo e della Resistenza di Sighet, al confine con l'Ucraina
  • Una cena a casa di rumeni iniziando con un bel bicchiere di Pàlinka
  • Un pranzo all'aperto nell'autunno ucraino di Užhorod con piatti tipici e la vista sul fiume Už
  • La bella Sighisoara, patrimonio UNESCO (qui il nostro giro a piedi per Sighisoara su Komoot)
  • Noi abbiamo percorso l'itinerario della Transcarpazia da sud a nord, ma è di regola fattibile anche in senso opposto... anche se in certi tratti sterrati potrebbe capitarti di spingere.
  • Per raggiungere Sighisoara con la bicicletta al seguito puoi appoggiarti alla compagnia di autobus Flixbus che ha partenze da Milano in direzione della città rumena di Brasov oppure optare per un volo (low cost con Wizz Air, Ryanair o Ble Air) per Brasov o per la capitale Bucarest e poi trasportare la bici con il treno (questo è il sto delle ferrovie della Romania www.cfrcalatori.ro) fino Brasov. Il trasporto bicicletta si paga extra e non tutti i treni permettono di viaggiare con le due ruote al seguito. Su questo sito in inglese puoi saperne di più su come viaggiare si treni rumeni con la bici.
  • Documenti necessari: ai cittadini italiani ed europei l'ingresso in Romania è permesso con la carta d'identità, mentre per quello in Ucraina è richiesto il passaporto con validità residua di almeno tre mesi. Se viaggi con il cane dovrà essere dotato di passaporto e di vaccinazione contro la rabbia effettuata nell'anno in corso in Romania. Se decidi di proseguire il viaggio in bici in Ucraina, per rientrare in Europa, il tuo cane dovrà essere dotato di scheda compilata sul passaporto che accerti l'avvenuta titolazione degli anticorpi contro la rabbia (esame da fare con anticipo prima della partenza: chiedi maggiori informazioni al tuo veterinario!).
  • Moneta: la valuta rumena è il leu (lei al plurale) e il cambio attuale è di 1€ a 4,95 lei (aggiornamento Ottobre 2021). In Ucraina la moneta attualmente in uso è la grivnia e il cambio attuale è di 1€ a 32,80 UAH (aggiornamento Ottobre 2021)
  • Le strade della Romania sono in genere ben tenute, mentre gli sterrati sono divertenti e percorribili a eccezione di brevi tratti! In Ucraina l'asfalto è devastato e sembra di viaggiare fuoristrada.
  • Uno dei problemi della Romania è la cospicua presenza di cani selvatici che scorrazzano per il territorio. In realtà questi animali sono spesso spaventati dal movimento delle ruote quindi, soprattutto se sono grandi e in branco, non è una buona idea quella di correre via. Se dovessi incontrare dei cani sulla tua strada fermati e cerca un approccio gentile. Se i cani insistono nell'avvicinarsi minacciosi spruzza loro un po' di acqua con la borraccia, urla più forte che puoi guardandoli negli occhi e gesticolando e metti la bici tra la tua persona e il cane. In Ucraina viene utilizzato l'alfabeto cirillico e l'inglese non è ancora così diffuso, ma nei luoghi più turistici si riesce a comunicare piuttosto bene.
  • Le strutture turistiche in Romania sono presenti un po' su tutto il territorio. Per i viaggiatori dell'Europa Occidentale viaggiare in Romania è piuttosto economico e gli alloggi sono di alto livello qualitativo. Dalle pensioni ai campeggi, dormire in Romania è facile. Nella zona della Transilvania dove la presenza di orso bruno è elevata ci hanno sconsigliato di dormire nei boschi, ma piuttosto nelle vicinanze di villaggi. Nel Transcarpazia ucraina non sono presenti molte strutture turistiche e noi abbiamo spesso campeggiato. In città invece, a Užhorod, abbiamo alloggiato in una pensione piuttosto economica con camera riservata
  • Campeggiare liberamente in Romania e Ucraina è facile e permesso. Mi raccomando, se deciderai di campeggiare liberamente, non lasciare traccia del tuo passaggio. Un'alternativa al campeggio libero è quella di chiedere la possibilità di piantare la tenda in giardini o proprietà private: a nessuno si nega un posto tranquillo per dormire!
  • Esistono in zona anche alloggi alternativi come gli appartamenti su airbnb che puoi trovare scontati se non sei ancora registrato.
  • La gastronomia rumena è abbastanza variegata anche se piuttosto incentrata sul consumo di carne. Un buon piatto cucinato su tutto il territorio è la tochitura, una sorta di spezzatino con polenta. La ciorba, zuppa, occupa sempre un posto di rilievo nei menù rumeni mentre non è sempre facile trovare il sarmale, un piatto composto da foglie di verza o cavolo farcite di carne di maiale, verdure e spezie. Da provare, soprattutto sotto Natale, anche il cozonac. Nelle aree affacciate sul Mar Nero, come nella regione della Dobrogea, sono diffusi anche i piatti a base di pesce. In Ucraina la cucina è influenzata da quella russa e polacca (iinfatti i Varenyky ricordano davvero i pierogi). Potrai assaggiare ravioli, zuppe, piatti a base di verdure come il cavolo cappuccio o la patata, dolci variegati e assaggiare la horilka, la cugina della vodka. In ottobre inoltrato a Užhorod abbiamo mangiato all'aperto e il ristorante ci ha fornito la coperta per scaldarci.
  • In Romania esiste anche una tradizione legata alla produzione di vino. Pensa che il Cotnari risale a prima della scoperta dell'America. Le birre più diffuse nella zona della Transilvania sono invece: la Silva, forse la nostra preferita, l'Ursus, la Ciuc, la Ciucas e, in alcuni locali, anche la Timisoreana non filtrata.

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su