Vota questo articolo
(3 Voti)

Val Sarentino: escursione nell'Alto Adige nascosto al lago di Valdurna

Fuga da Trento, fuga dal caldo umido di questa settimana di luglio, fuga nell'Alto Adige meno turistico dove si trova la Val Sarentino (Sarntal per chi vive in queste valli) con centinaia di sentieri per mountain bike e trekking. Questa volta le due ruote le abbiamo lasciate a casa per dedicarci ad uno dei primi trekking di quest'anno in direzione del rifugio Vallaga (Flagger Hutte) a 2480 metri di quota ed oltre...
 
 

Mappa

Lasciamo il capoluogo del Trentino alle 7 del mattino quando il termometro della farmacia vicino casa segna già 27°C. Impossibile resistere ad una fuga in montagna! La Val Sarentino è una zona dell'Alto Adige non distante da Bolzano, ma la sua fama non è così forte da renderla una meta soggetta al turismo di massa, meglio così! Saltiamo in auto ed in circa 1 ora e mezza, dopo aver solcato un lungo canyon che collega Bolzano alla valle ed aver deviato verso destra in direzione di Valdurna, giungiamo a destinazione... o meglio, alla partenza! Il parcheggio alla fine della strada è vuoto: nessun'altro ha avuto la nostra stessa idea! img 5864Mentre, un po' smarriti nei nostri pensieri, ci stiamo infilando goffamente gli scarponi, si avvicina una signora prossima agli 80 e con fare severo, ma gentile ci chiede di corrisponderle il prezzo della nostra sosta: 3,00€! Ancora frastornati dall'improvvisa apparizione della tirolese, ci incamminiamo lungo i 200 metri di strada asfaltata che portano al lago di Valdurna a quota 1545 metri.Lo specchio d'acqua è scuro come la pece o come il cielo che si riflette nelle sue acque: abbiamo lasciato il sole per trovare pioggia e brutto tempo? Presto a dirsi... lo scopriremo strada facendo ma... incrociamo le dita! Il nostro sentiero è il numero 16 e ci fa costeggiare un lato del lago, quello di sinistra. img 5934Una barchetta rattoppata è ormeggiata davanti al piccolo molo: oggi nessuno ci salirà a bordo! La strada si trasforma presto in una strada forestale piuttosto erta che inizia ad arrampicarsi nel bosco. La fatica non dura molto perchè in meno di mezzora ci ritroviamo a trotterellare su un pianoro verso la Seeb Alm, situata poche centinaia di metri più in là. Lentamente ci alziamo di quota attraversando distese di pini mugo e pietraie. Un movimento rapido mi fa sobbalzare indietro: una piccola vipera, spaventata dal nostro passaggio improvviso, si è nascosto sul ciglio della strada fra tre grosse pietre. La testa appuntita è ben visibile anche se in parte nascosta sotto il resto del corpo arrotolato su se stesso. Proviamo a fotografarla per un po', poi ci mettiamo nei suoi panni e decidiamo di togliere il disturbo! img 5904Fra i pinetti scorgiamo alcune chiassose ghiandaie, una nocciolaia ed altri velocissimi passeriformi. Il tracciato 16 prosegue deviando sulla destra fino ad un vasto pascolo montano inclinato che è popolato da mucche, pecore e... decine di marmotte davvero in carne, deve essere stata una bella primavera da queste parti! Una di queste, così assorta nella degustazione di fresca erba della Val Sarentino non si accorge della mia ingombrante presenza a meno di 4 metri da lei. img 5944Se avessi avuto intenzione di far infartuare una giovane marmotta... beh, ci sarei quasi riuscita! Altri 15 minuti e finalmente le indicazioni del Cai di fanno sorridere soddisfatti: il rifugio Vallaga, 2436 metri, (Flaggerschartenh) dista solo una breve salita, un nevaio ed una corsetta di pochi metri sull'erba, 20 minuti in tutto! Il panorama è davvero suggestivo anche se la densa nuvolosità ci impedisce di spaziare oltre le montagne del Brennero; al nostro sguardo però non suggono due laghetti alpini poco distanti: chissà se si tratta di pozze stagionali o se hanno un nome... Al rifugio ci concediamo una birretta (pessima!) ed una sana, ma rapida sfogliata di alcune riviste di montagna... in tedesco! img 5957E' ora di ripartire: torniamo sui passi della nostra escursione per poche centinaia di metri fino alla deviazione incontrata prima di raggiungere il rifugio e svoltiamo sulla traccia di sentiero n° 13 che si incammina su una pietraia che sembra non finire mai. Gli urli acuti delle marmotte ci accompagnano durante tutta la traversata sulle enormi pietre instabili fino a quando il sentiero devia repentinamente verso l'alto. Annaspando per l'umidità ci portiamo sempre più in alto fino a giungere sulla cresta terminale orientale dello Jackobspitz. img 5973Potremmo salire in vetta ma con le nuvole nere che all'orizzonte promettono tuoni e fulmini, preferiamo anticipare la chiusura del nostro trekking! Anche da quassù il paesaggio è veramente maestoso con cime di cui purtroppo non conosciamo il nome, ma che stimolano la nostra fantasia con forme alquanto bizzarre. La lunga discesa fino al lago di Valdurna avviene quasi interamente lungo un sentiero che attraversa il mondo dei pini mugo (una distesa così vasta non l'avevo mai vista!). Le dita dei piedi spingono sulla scarpa, le portatrici di pioggia si avvicinano sempre di più e il nostro arrivo è ancora troppo distante.img 6033 Un altro gruppo di marmotte accompagna la nostra corsa contro il tempo finchè non scompariamo fra i bassi sempreverdi. Impieghiamo quasi 2 ore prima di terminare il'anello escursionistico in Val Sarentino che si è rivelata una piacevole sorpresa sia per i paesaggi che per la presenza di animali. Un posto dove tornare!img 6061

Per avere ulteriori informazioni sulla valle, potete collegarvi al sito turistico della Val Sarentino

Fra le escursioni in Val Sarentino trovi puoi scoprire anche il trekking al Seeblplitz!

Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

 

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

Torna su