• English (UK)
Visit Rovereto

Vota questo articolo
(0 Voti)

Trekking al Colbricon dal passo Rolle

    Colbricon
    Un’altra escursione sui monti teatro di aspre battaglie durante la Grande Guerra, il Lagorai: quest’anno ci abbiamo preso gusto! Giunti da Trento a Predazzo, in val di Fiemme, si imbocca la strada che porta a Passo Rolle, all’interno del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino. In prossimità del passo, lasciamo l’auto in un pratico parcheggio allestito su uno spiazzo sterrato per iniziare il trekking odierno verso i laghi di Colbricon ed il monte Colbricon proprio sopra agli stessi. Volendo, si potrebbe allungare il giro lasciando l’auto qualche tornante più sotto, dove è possibile imboccare un sentiero che attraverso il bosco porta alla nostra destinazione. Visto che però tra noi c’è chi preferisce limitare al massimo la fatica, preferiamo assecondare questi desideri (anche se non si ripeterà!).

    Dati tecnici

    Trentino Alto-Adige - Passo Rolle

    DETTAGLI ITINERARIO
    Partenza/Arrivo Passo Rolle
    Tempo4 ore
    Dislivello 618 m
    Lunghezza 13 km
    VALUTAZIONE
    DifficoltàMedio
    PanoramaSplendido
    QUANDO ANDARE
    GiugnoLuglioAgostoSettembre
    Dal parcheggio imbocchiamo un sentiero molto largo e battuto, che in circa mezz’ora ci conduce al rifugio Monte Colbricon, costruzione in pietra che sorge in riva a due laghetti alpini.
    Dai laghetti si inerpica sulle pendici del monte il sentiero che porta alla vetta. Seppure la lunghezza sia complessivamente contenuta, le pendenze in gioco sono importanti: Leo e Vero gettano la spugna praticamente subito, utilizzando Farah come risibile scusa (ma se l'avete portata dietro apposta!).
    Noi, per nulla spaventati, iniziamo l'ascesa: in circa due ore giungiamo ad un'ampia sella, posta tra il Colbricon ed il Piccolo Colbricon. L'ambiente è quello tipico alpino, disseminato di pascoli d'alta quota e rododendri. In questo ambiente non è difficile osservare la fauna tipica di queste altitudini: di tanto in tanto, infatti, sentiamo i fischi d'allarme delle marmotte e scorgiamo qualche gruppo di camosci. Proviamo a scattare qualche foto agli animali, ma purtroppo abbiamo lasciato i tele a casa, preferendo grandangolari più leggeri adatti ad immortalare i paesaggi.
    Dalla piana alla vetta ci vogliono ancora 30 minuti di arrampicata, più che di cammino, ma ne vale la pena. Non tutti fra noi la pensano così: ancora una volta a raggiungere la meta saremo solo in tre, gli highlander nic the dick, hood ed il tirapacchi! Il sentiero, ben segnalato, è disseminato di resti bellici (filo spinato, pezzi di granata, ecc…), a conferma delle aspre battaglie che qui si sono combattute. Anche questa volta un velo di tristezza ci accompagna negli ultimi metri di salita: dedicheremo a tutti i caduti una umile preghiera.
    Arrivati in vetta lo spettacolo è di quelli entusiasmanti: sotto di noi l’abitato di San Martino di Castrozza, di fronte il teatro di un altro nostro trekking, le Pale di S. Martino (peccato che siano rimaste coperte a lungo da una antipatica e minacciosa nuvola scura), a lato si scorge la croce di Monte Castellazzo, ai piedi di cui sorge la statua del Cristo pensante, dall’altra parte si intravede Cima d’Asta. Restiamo in ammirazione a lungo, finché giunge il tempo di rientrare. Potremmo aggirare il monte e scendere dall’altro lato, completando un anello, ma visto che al rifugio c’è chi ci aspetta, ripercorriamo la strada dell’andata, che riteniamo più veloce.

    Potete trovare altri percorsi interessanti in zona e su tutte le Alpi sulla mappa dei trekking

    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Persone nella conversazione:
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      tirapacchi · 9 anni fa
      [quote]Ahi ahi ahi...mai lasciare a casa il tele! Visto che siete degli highlander non dovreste aver problemi a trasportare un chilo in più, no?!? =D :sad: :flame:
      [/quote]

      mi hai convinto! XD
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 9 anni fa
      Ahi ahi ahi...mai lasciare a casa il tele! Visto che siete degli highlander non dovreste aver problemi a trasportare un chilo in più, no?!? =D :sad: :flame:

      Comunque bell'articolo con la giusta dose di ipocrisia! =)

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su