Vota questo articolo
(1 Vota)

Giro delle malghe sulle Maddalene, tra Trentino e Alto Adige

Giro semplice effettuabile con le ciaspole anche in caso di poca neve (anche se ovviamente più neve, più divertimento!) sulle Maddalene a cavallo fra Alto Adige e Trentino. Noi lo abbiamo percorso con le racchette da neve ma è un bel giro anche nelle altre stagioni soprattutto in autunno, quando il cielo è particolarmente terso e gli alberi sono tutti colorati.
 
 

Dati tecnici

Trentino Alto-Adige - Maddalene

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Parcheggio Gallerie Val D'ultimo
Tempo 3-4 ore
Dislivello 450 m
Lunghezza 12 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Facile
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
GennaioFebbraioMarzoAprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobreNovembreDicembre
Dal parcheggio poco prima delle gallerie, si percorre la stradina che costeggia l'asfalto sulla destra e si oltrepassa sulla sinistra una delle gallerie che decretano l'ingresso in Val D'Ultimo. Il tracciato inizia a salire nel bosco lungo una comoda strada forestale che in circa 20 minuti conduce alla Malga Cloz (aperta anche in inverno, ma solo durante i fine settimana). Sul retro dell'edificio si stacca un altro sentiero abbastanza ripido che marcia verso la cima del Cornicolo. In questa parte dell'escursione si fatica abbastanza ma, non preoccupatevi, è il pezzo più duro della giornata ed il panorama vi ripagherà della fatica spesa! Il Malghetto di Cloz a quota 1890 m circa, una vera e propria malga usata durante la bella stagione, si raggiunge in altri 15/20 minuti. La segnaletica SAT vi darà la possibilità di proseguire a destra verso malga Cantrim ed altre destinazioni più distanti o a sinistra in direzione della malga Revò e della malga Kessel. Lasciatevi convincere: continuate a ciaspolare verso sinistra. Dopo poche centinaia di metri nel bosco, alternandovi in leggeri saliscendi e spianate, un cartello indica la possibilità di tagliare il sentiero ancora verso sinistra e scendere alla malga Revò. Se siete già stanchi o non avete tempo per continuare questa escursione, potete optare per questa soluzione, altrimenti vi consigliamo di proseguire verso malga Kessel. Mentre si cammina nel bosco, si aprono degli scorci davvero panoramici e la vista spazia fino alle montagne di Trento, il Bondone e la Vigolana, e a quelle più distanti come la catena del Lagorai, il Catinaccio e la Paganella, oltre ovviamente alle rocciosissime Dolomiti di Brenta. Malga Kessel si raggiunge in circa un'ora di escursione dal Malghetto di Cloz, ma con le ciaspole contate di metterci almeno 15 minuti in più. Poco prima di arrivare alla Kessel, il single track (percorribile in primavera ed estate anche con la mountain bike) esce su una strada forestale che in 5 minuti si termina alla malga. Per proseguire nel giro delle malghe occidentali, dovrete tornare indietro lungo la forestale abbassandovi di almeno 200 metri di quota. Con le racchette da neve le risate più grasse sono durante le discese quando si corre, ci si riempie di neve e si rischia di cadere nel manto nevoso, quindi non temete la neve (se c'è!!!) e buttatevi a capofitto lungo le scorciatoie del sentiero di ritorno... vi divertirete come matti!!! In breve tempo si approda alla malga Untere Kessel, una struttura nuova costruita interamente in legno che sfortunatamente è chiusa durante l'inverno. Poche centinaia di metri dopo, la malga Revò (quella verso la quale taglia il sentiero dal malghetto di Cloz) accoglie anche i visitatori invernali con dei piatti caldi, dolci fatti in casa o una bevanda rigenerante come, in questo caso, una cioccolata fumante. Il Cornicolo è sempre li a sinistra a farvi ombra, ma l'escursione è quasi al termine e la vista della Malga di Cloz all'orizzonte, quella dalla quale siete partiti, lo confermerà. Per salutare le Maddalene abbiamo assaggiato uno strauben con i mirtilli accompagnato da un surrogato di cioccolata ( non era male ma leggermente liquida!). Dalla Malga di Cloz in 15 minuti sarete nuovamente al parcheggio!

Le Maddalene sono una catena montuosa al confine fra Trentino e Alto Adige. Per raggiungerle da Trento si percorre la statale in direzione di Cles e Mezzolombardo e si prosegue oltre le gallerie entrando in Val di Non. Si segue la valle fino a Revò, si continua verso Livo e Preghena salendo poi in direzione di Proves e la Val d'Ultimo. Nei dintorni delle gallerie cercate parcheggio sulla destra. Se giungete a Trento da un'altra località e vi trovate già in autostrada, potete procedere fino a San Michele All'Adige e continuare poi per la Val di Non.
Da Bolzano si viaggia in direzione di Merano ed all'altezza di Lana si svolta per la Val d'Ultimo. In questo caso si giunge alle gallerie dalla parte opposta incontrando i parcheggi sulla sinistra.

Trovate numerosi altri itinerari a piedi e con le ciaspole sulla mappa dei trekking. Un percorso estivo interessante nel parco naturale Adamello Brenta è l'anello della Vallesinella al rifugio Brentei.

Per maggiori informazioni sulle malghe lungo il percorso potete consultare i siti del Turismo Trentino visittrentino e quello del turismo in Val d'Ultimo, nella sezione "Malghe"

Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

 

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

Torna su