fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Monte Barro: una terrazza sul lago di Como

Scritto da
Vota questo articolo
(6 Voti)
 
 
Non si può di certo definire un gigante quel monte chiamato Barro che con i suoi 922 metri svetta sopra la città di Lecco e la parte del ramo del lago di Como che si insinua fin qui sotto. Ma il Monte Barro non è un qualsiasi risultato geologico, il Monte Barro è un parco naturale tutelato dalla Regione Lombardia.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 
La facile escursione al Monte Barro, area tutelata della Lombardia, è effettuabile da chiunque abbia un minimo di esperienza durante tutto l'anno. La neve qui, anche in pieno inverno, non si ferma a lungo per via della buona esposizione al sole della cima e del sentiero. A 700 metri si trovano l'Eremo del Monte Barro ed un vecchio albergo. Oggi l'eremo è la sede del parco e per chi ha voglia di fermarsi un po' qui ad ammirare il panorama, è possibile anche accomodarsi al ristorante. La salita fin qui è piuttosto ripida ma con un buon paio di scarponcini, niente vi potrà fermare! Dopo aver lasciato l'auto nel parcheggio, si inizia a salire fino all'Eremo lungo una comoda ma erta mulattiera che in circa 20 minuti vi permetterà di arrivare alla prima tappa della vostra ascesa. All'Eremo si può dedicare un po' di tempo ad esplorare il giardino botanico del monte, per poi riprendere la salita verso la vetta. Lungo il tragitto, vi consiglio questa escursione all'inizio della primavera, si possono ammirare molte specie vegetali rinascere dopo l'inverno e, con un po' di attenzione, potrete scorgere anche molti fiori montani differenti come l'anemone fegatella o l'erica.
Il panorama è incredibile perchè vi permetterà di distinguere perfettamente, in caso di giornata con poca foschia, i laghetti di Annone, Galbiate, Pusiano, Segrino ed Alserio. Dal ristoro si continua a salire lungo un sentiero piuttosto facile anche se stretto e, in meno di 30 minuti, si raggiunge la vetta con il crocione. I 922 metri della cima non sono molti e non ci si aspetterebbe un panorama grandioso, ma non avendo ostacoli naturali vicini, dal Monte Barro si riesce a osservare tutta la città di Lecco, buona parte del lago di Como, i laghetti dell'Alta Brianza e le Orobie, i giganti di pietra fra la provincia di Lecco e quella di Bergamo... inoltre l'area della vetta è quella con il maggior interesse botanico del parco per la varietà incredibile di flora.
Escursione facile di inizio stagione, alla portata di tutti (anche dei bambini!!!), con panorami eccezionali sulla Lombardia e di grande interesse botanico!!!

Se siete interessati a saperne di più riguardo il Parco del Monte Barro, potete consultare il sito ufficiale della riserva naturale

Per raggiungere il Monte Barro: da Milano si può seguire l'A52 fino poi, all'altezza di Cinisello Balsamo, imboccare la statale del lago di Como e dello Spluga (SS36) fino ai laghi dell'Alta Brianza e seguire poi la strada per Civate ed oltre fino a Galbiate. Oppure uscire da Milano in direzione nord-est e seguire Viale Zara, Viale Fulvio Testi sempre dritto (SS36) fino a Civate e Galbiate.

Un altro percorso a piedi con splendide visuali sul lago di Como è la Dorsale del Triangolo lariano da Brunate a Bellagio, mentre per scoprire altre escursioni sulle alpi potete consultare la mappa dei trekking.

 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!