Menu

Ven06Lug
Vota questo articolo
(2 Voti)

Tre giorni in Sicilia in bici: anello del capo nord-orientale

  • Stampa
  • Email
Ebbene alla fine la partenza per quello che io considero un vero e proprio “test” è arrivata.
Ho in mente un viaggio lungo, molto più lungo (circa 2.700 km), ma prima  di iniziare a programmarlo seriamente avevo bisogno di testare non solo una parte dell’attrezzatura che utilizzerò ma anche la mia tenuta fisica e perché no mentale, perché tutto è possibile se si ha la mente “programmata” per farlo.

11 giugno 

Bici pronta in garage, borse pronte, ammennicoli elettronici anche e cartine stampate (grazie al sito ciclistiamo), ieri ho cambiato le gomme scegliendo per l’ennesima volta delle Continental anti foratura non tassellate acquistati dal bravo Santi, titolare di Bici Felici a Spadafora. Partenza di buon'ora direzione Messina, in testa la voglia di capire le sensazioni che sarebbero derivate da quello che era per me non il primo lungo viaggio in solitaria ma era il primo lungo viaggio in…bici.

La strada accompagnava i miei pensieri, la musica faceva da sottofondo al piacere che provavo pedalata dopo pedalata, avevo scelto di fare la litoranea e il profumo del mare con i suoi magnifici colori mi accompagnava fino al pilone di Ganzirri. Arrivato a Messina mi tuffai nel caos cittadino, venendo dalla SS113 (strada poco trafficata) fu una sensazione non troppo bella. Superai la città e come per incanto arriva un furgoncino strombazzante, a bordo un mio carissimo amico che mi aveva incrociato e era tornato indietro per salutarmi, foto di rito e immensa gioia nel vederlo.

Santa Margherita, classica granita al limone con brioche (due brioche) con gli occhi che spaziavano sullo stretto, cosa volevo di più dalla vita?

domenico in bici

Sfruttai la sosta per prenotarmi un B&B a Piedimonte Etneo, era quello il luogo ai piedi dell’Etna che avevo scelto per pernottare. Superato il confine della provincia di Messina con la leggiadria di essere in grado di fare tutto ciò che mi ero riproposto. Qualche difficoltà ad indovinare la strada, complice anche il fatto che il cellulare che usavo come navigatore si era scaricato, e alla fine arrivai in albergo solo dopo che il gentilissimo gestore (Marco)  del  “Camia Appartamenti”, mi aveva recuperato per indicarmi la via. Al di la di tutto devo dire un’ottima location con vista vulcano, molto tranquilla e rilassante.cicloturismo in sicilia

Controllo della bici, bucato con completino subito steso e un’ottima pizza innaffiata da una bella birrozza, due chiacchiere con una coppia olandese e con il nonno di Marco (un arzillo 82enne che parla quattro lingue) e un meritato quanto ristoratore riposo.

12 giugno

Sveglia alle 07.00, il tempo di mettere le cose in borsa e piccola sorpresa uno degli adattatori che avevo portato per caricare il cellulare non aveva funzionato, meno male che avevo carica la batteria tampone (per i prossimi viaggi devo ricordarmi un pannello solare). Partenza direzione Linguaglossa e colazione, non buonissima, in un bar del centro. Direzione Randazzo. A Solicchiata, una piccola frazione faccio una bella colazione a suon di panino con prosciutto e mozzarella, in più mi compro una crema lenitiva per le scottature, visto il sole che ho preso ieri e l’effetto dei raggi sulle mie braccia.In bici nella nebbia

Proseguo per Randazzo e vado dritto senza fermarmi direzione Cesarò. In viaggio ho deciso di non passare da Floresta e prendere invece la SS120, la scelta mi era stata consigliata da un amico ciclista, Carmelo, e devo dire che alla fine è stata una buona scelta. Strada molto bella anche se senza un albero, sole cocente e pochissime macchine. Per la prima parte il paesaggio risente delle terre laviche poi passa ad essere un paesaggio totalmente brullo. Per la strada incontro quattro giovani cicloturisti inglesi che festeggiano cosi la chiusura dell’anno scolastico. Ci fermiamo due chiacchiere e subito stringiamo il feeling che solo i ciclisti possono avere, loro escono caramelle gommose io del mio metto l’integratore in polvere, insomma uno di quegli incontri da ricordare e che fanno sempre piacere.

Arrivato a Cesarò all’ora di pranzo mi sono fermato all’inizio del paese (Ristorante Fratelli Mazzurco), qui una bella fetta di carne con un contorno di verdure e via di nuovo sulla SS289 verso portella Femmina Morta Miraglia  (il punto più alto del percorso a 1520 metri slm). La salita è lunga una ventina di km, pendenza non eccessiva ma diciamo abbastanza impegnativa. Dopo qualche ora passaggio a Femmina Morta e foto di rito.

Giubbottino indossato, logicamente orange, e  giù per la discesa verso San Fratello, superato il paese giù verso S.Agata. Quale sorpresa a trovare un nebbione da far paura, siamo nel pieno del parco dei Nebrodi e giusto per rendere tutto più facile ci si mette una pioggerellina fine e qualche cinghialotto che mi scruta dalle campagne. Nel mezzo della discesa sento rumore di campanacci, ed ecco che intravedo anche una decina di mucche a tenermi compagnia.Domenico in bici

Rallentando e con attenzione giungo a Sant’Agata, qui grazie a un ciclista trovo il Red Hotel. L’albergo è isolato in cima ad una collina, vederlo da lontano mi fa pensare che questa è l’ennesima salita di una giornata fatta principalmente di salite. Con molta calma raggiungo le stanze (l’ultimo tratto vista la rampa con pendenza estrema, credo oltre il 18%, smonto dalla bici e …spingo), doccetta, bucato e immenso piatto di pasta con immancabile birrozza, bici nel terrazzino e ….ninna.

13 giugno 

Grande colazione a base di crostate (non certo buone come quelle a cui sono abituato) e inforco la bici, al bivio vedo il segnale verso Alcara li Fusi, provo a salire ma dopo qualche chilometro mi prende una bella pioggia, giro la bici e ritorno sul lungomare, qui il tempo è sempre all’acqua ma l’intensità è quella di una pioggerellina leggera.

Mi metto con lena sulla SS113 e mi faccio le innumerevoli salite e discese che la strada mi propone. Arrivato a Brolo, granitina al limone (con le solite due brioche) caffettino e via verso il Tindari, la strada ormai mi accompagna con il mare alla mia sinistra.Al mare in bici

C’e’ un bel venticello fresco che fa increspare le onde, ottimo il passaggio di Capo Calavà, il mare all’orizzonte è di un magnifico blu intenso come solo in Sicilia si può vederlo, il paesaggio stupendo impone svariate fermate, ma vi posso assicurare che ne vale la pena. Supero Patti e  via sulla salita che mi porta al santuario. Arrivato al bivio fermata nella locanda rustica che sta ai piedi della chiesa, grande fetta di carne cotta alla brace veramente molto buona, e poi su per chiudere in bellezza fino al Santuario della Madonna Nera.

Discesa tutta di un fiato e poi strada conosciuta fino a  casa, solito problema con il cellulare scarico (per fortuna Strava è intelligente e ha fatto tutto lui) stanco ma felice passo a trovare mia moglie al negozio e me ne vado a casa consapevole che con la bici tutto è possibile….basta solo volerlo. In testa questa tre giorni a pedalare nella mente i prossimi viaggi, perché in fondo come dice un vecchio adagio dei viaggiatori…

Ciò che non hai mai visto lo trovi dove non sei mai stato.

Dati tecnici

Bici Trek - Borse Bontrager - Accessori BRN e Decatlon - Km totali 332.6 (fonte Strava) - Dislivello 5485 (fonte Strava) - Tempo 31 ore circa (fonte Strava) - Costo totale 131 € (alberghi e pasti compresi)

Tre giorni in Sicilia in bici: anello del capo nord-orientale - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Vota questo articolo
(2 Voti)
Domenico Romano

Appassionato di Bike, sempre in cerca delle emozioni che la due ruote e i viaggi possono dare.  Perche la vita è una ruota, proprio come quella della bici.....

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici