Trabucco del Gargano: pescando sull'Adriatico dai primi del 1900

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
Sono passati ormai più di 90 anni da quando le prime piovre di legno furono costruite lungo le coste dell'Adriatico del sud. Dall'Abruzzo alla Puglia, decine di trabucchiiniziarono a punteggiare le pescose acque del mare dando sostentamento alla gente degli insediamenti costieri.
Pali di legno per sostenere una piattaforma, una grande rete a maglie strette (conosciuta con il nome di trabocchetto) per raccogliere i pesci, lunghi bracci che si protendono verso il mare chiamati antenne ed un complesso sistema di argani per manovrare il tutto, il trabucco si potrebbe definire senza dubbi un'antica macchina da pesca in bioarchitettura.

I Trabucchi

Costruiti sottocosta, i trabucchi permettevano di pescare determinate specie di pesce evitando di uscire in mare aperto con condizioni di tempo avverse. Questi incredibili marchingegni venivano costruiti principalmente con pini d'Aleppo, un albero molto diffuso nei boschi dell'Adriatico e particolarmente resistente alla salsedine ed alle sferzate del Maestrale che qui soffia spesso.
I trabucchi permettevano di pescare a vista fino a 5 metri e venivano costruiti a favore di corrente in modo da non subire eccessivamente la forza del mare e, soprattutto, permettere una maggior facilità di cattura del pesce.

Trabucco Punta San Nicola

Nel nostro peregrinare per il Gargano abbiamo avuto il piacere di ritrovarci al Trabucco Punta San Nicola di proprietà della famiglia Ottaviano. Gli Ottaviano prima di aprire il ristorante Trabucco da Mimì, costruivano trabucchi ed erano anche bravi e conosciuti in tutto il Gargano. Domenico, nipote di Mimì ci accoglie e ci fà accomodare proprio davanti all'immensa macchina da pesca costruita intorno al 1920 e restaurata centinaia di volte a causa dei continui venti e della salsedine. L'atmosfera è molto particolare: l'aria è intrisa di ricordi e avventure legate al mare e agli uomini che ogni giorno condividono la loro esistenza con il grande blu. Domenico conosce tutto quello che riguarda il trabucco e la pesca praticata con gli argani, ci racconta delle origini della macchina e di come si pratica l'attività di pesca. Disponibile, ci spiega quali tipi di pesci si possono catturare con le reti del trabucco ed i complessi meccanismi di azionamento dello strumento. Ancora oggi il trabucco Punta San Nicola è funzionante e la famiglia Ottaviano mantiene viva questa antica tradizione marinara giorno dopo giorno servendo parte del pesce fresco pescato presso il Ristorante Trabucco da Mimì.

Associazione per preservare i trabucchi

Percorrendo le coste abruzzesi, molisane, ma soprattutto quelle garganiche ci si accorge di come questa metodologia di pesca fosse molto diffusa ed oggi, purtroppo, spesso dimenticata. Per preservare questa antica tradizione di pesca, sullo Sperone d'Italia, è nata l'Associazione I Trabucchi del Gargano formata dai trabuccolanti del territorio e patrocinata dall'ente del Parco nazionale del Gargano. Ogni anno, nel mese di giugno, nel Gargano viene organizzata una festa durante la quale è possibile visitare i trabucchi restaurati e provare anche a pescare con gli argani, le antenne e le reti. Per chi ama il pesce, la festa dei trabucchi è l' occasione giusta per degustare piatti freschissimi e davvero succulenti dei pesci del Gargano!
I trabucchi del Gargano aderenti all'associazione sono finora 14 e si trovano sparsi lungo la costa carsica che da Peschici raggiunge e supera, nel caso del Trabucco Punta della Testa, l'abitato di Vieste.
I trabucchi tutelati anche dal Parco nazionale del Gargano sono:
  • Trabucco Monte Pucci
  • Trabucco Punta S. Nicola
  • Trabucco Punta Manacora
  • Trabucco Calalunga
  • Trabucco Torre Calalunga
  • Trabucco Furcichella
  • Trabucco Isola di Chianca
  • Trabucco Torre Porticello
  • Trabucco Molinella
  • Trabucco Punta Lunga
  • Trabucco S. Lorenzo
  • Trabucco S. Croce
  • Trabucco Punta S. Francesco
  • Trabucco Punta della Testa

Se volete vedere il suggestivo spettacolo di un trabucco illuminato sotto le stelle e, nel frattempo, gustare pesce fresco da leccarsi i baffi, potete trascorrere una serata presso il ristorante Trabucco da Mimì a Punta San Nicola, appena oltre l'abitato di Peschici.

Se invece volete scoprire altre curiosità o angoli nascosti del Gargano potete partire da qui, dal Gargano, lo sperone di Puglia

{phocagallery view=category|categoryid=316|limitstart=0|limitcount=0}
Trabucco del Gargano: pescando sull'Adriatico dai primi del 1900 - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito