Cicloturismo e viaggi in bici in Emilia Romagna

Con la primavera il parco del delta del po si anima e percorrere i numerosi sentieri, i lungofiume, le saline e le lagune in bicicletta diventa una delle avventure più belle del periodo. Oltre alla 15° edizione di Parco in bici nell'area di Porte Tolle, anche la Primavera Slow conta diversi eventi adatti a chi proprio la bicicletta non la riesce a lasciare mai a casa... ma quali sono i più interessanti?!?
Le montagne sono da sempre grandi maestre di vita… è nei boschi, nelle salite ripide e sassose, nella radure in alta quota e nelle cime, che si trovano grandi risposte. Basta saper ascoltare il vento che soffia, a volte violento, a volte lieve. Anche gli Appennini, seppur meno conosciuti e meno frequentati delle Alpi, sanno offrire paesaggi di assoluta bellezza, trekking di diverse difficoltà e il privilegio della solitudine in mezzo alla natura.
Non appena un amico di Mirandola mi ha parlato di questa iniziativa, ne sono rimasto subito positivamente colpito ed ho cercato di mettermi in contatto con alcuni dei fautori per poter raccontare e diffondere questo progetto. L'idea è nata da un gruppo di bikers emiliani che vogliono dare una mano al proprio territorio colpito dal sisma.
Ne è nata una breve intervista in cui Roberta ci racconta cos'è bikers per l'Emilia e quale è stata la prefazione al viaggio che a settembre unirà simbolicamente Mirandola e L'Aquila con l'obiettivo di raccogliere fondi per la ricostruzione di alcuni asili dei comuni terremotati.
E' stata un piacevole scoperta anche per noi che ancora non ne conoscevamo l'esistenza: dall'8 al 16 settembre 2012 il Gruppo Regionale Emilia Romagna del Cai organizza la XIV settimana nazionale dell'escursionismo, un evento davvero imperdibile dagli amanti dell'alta quota e della natura! Trekking itineranti, escursioni giornaliere, eventi ed incontri: una settimana intera all'insegna della montagna!!!
A quasi due anni dall'ultima incursione in terra d'Emilia per scoprire le colline di Zocca in MTB, torniamo a solcare i sentieri di quel magnifico territorio che è l’alto appennino modenese . Giunti ai piedi del massiccio del monte Cimone nella tarda serata di sabato, dopo aver trascorso una notte in tenda in riva al fiume non lontano da Fanano, abbiamo inforcato le mountain bike per salire territori affascinanti sia dal punto di vista paesaggistico che dal punto di vista storico, essendo crocevia di pellegrinaggi e confine tra Toscana ed Emilia Romagna.
Un itinerario in mountain bike epico, su strade selciate consumate dal tempo al confine delle province di Modena e Bologna. Questo percorso, che descrive il secondo dei due giorni trascorsi nel modenese, attraversa zone splendide per giungere fino alla cittadina di Montese con il suo castello. Al rientro non può essere tralasciata una visita all'orrido del torrente Gea.
Un intrigante ed intricato percorso tra boschi e borghi antichi al confine delle province di Modena e Bologna ci porta a scoprire le bellezze collinari di questa sorprendente meta per bikers. In questo itinerario che descrive il primo dei due giorni trascorsi in provincia di Modena, abbiamo vissuto sulla nostra pelle come anche lontano dalle salite alpine ci sia pane in abbondanza per gli affamati di sudore e fatica.

Un week end Pasquale all'insegna della pioggia che ha in parte guastato la nostra due giorni nel parco del delta del Po. Nonostante il meteo inclemente, il fascino delle valli di Comacchio e del ramo del Po di Goro ci hanno accompagnato durante le nostre uscite fotografiche. Partiti da Trento venerdì sera, ci siamo diretti verso Ferrara dove abbiamo fatto una veloce visita al centro passeggiando di notte tra le caratteristiche vie della città vecchia. Il mattino seguente ci siamo spostati di buon'ora verso le valli di Comacchio per iniziare il nostro week end di birdwatching. Fortunatamente il cielo plumbeo ha iniziato a scaricare quantità ingenti di pioggia soltanto dal pomeriggio inoltrato concedendoci una giornata di cammino ai margini delle basse acque del delta. Ancora una volta in notturna, abbiamo visitato la cittadina di Comacchio per dirigerci poi verso nord e l'abbazia di Pomposa, nostra prima meta del giorno successivo. A mattinata ormai siamo giunti a Gorino, ultimo paesino sulle sponde del Po di Goro. Di qui abbiamo intrapreso l'ultimo trekking del week end che ci ha regalato suggestivi incontri e paesaggi intriganti.

Torna su