Cicloturismo: percorsi, itinerari e consigli per viaggiare in bici

Dal lago d'Iseo al lago di Como in bici, sulle prealpi Orobie seguendo fascinose vallate e canyon tortuosi. Un itinerario di poco meno di duecento chilometri su e giù per passi non troppo impegnativi, tra i due laghi della Lombardia in bicicletta. L'inizio del nostro viaggio attraverso l'Europa non poteva essere più entusiasmante...

La ciclovia AIDA, acronimo di Alta Italia da Attraversare, il percorso ciclabile che unisce Susa, in Piemonte, a Trieste in Friuli Venezia Giulia, verrà segnalata con 8000 adesivi e in più, visto il successo del crowfunding che ha raggiunto (e superato!) quota 40000€, verrà creata anche un'app apposita per pedalare lungo questo suggestivo itinerario di cicloturismo del Nord Italia.

Godimundi è il giro del mondo in tandem! Alessandro e Stefania sono partiti nel 2014 per "un viaggio all’insegna dell’ecologia, un’avventura alla scoperta del mondo, un inno alla vita, alla salute e alla libertà", come loro stessi definiscono la propria esperienza. Dopo averli seguiti per tutto questo tempo, siamo finalmente riusciti a intercettarli e a farci raccontare le loro vicissitudini in questa intervista. 

La Lettonia in bici è un sogno. Immagina: una distesa infinita di boschi di conifere, una strada gravel che la taglia, il profumo dei pini e delle betulle, il sole tiepido, il mar Baltico, i sapori del nord Europa, campeggi spartani, assenza totale di traffico, quattro cicloturisti in assetto bikepacking e tanta voglia di esplorare un paese decisamente sottovalutato. Questo è il racconto del mio cicloviaggio in Lettonia in bikepacking, un anello principalmente gravel da Riga a Riga.

Loro sono Simona e Daniele, due cicloviaggiatori instancabili, in viaggio in sella al loro destriero d'acciaio dal 2014. In questi cinque anni e mezzo hanno percorso migliaia di chilometri in decine di paesi diversi, esplorando angoli di mondo unici e meravigliosi. Oltre a pedalare, i Becycling, immortalano paesaggi e momenti con le loro macchine fotografiche e a nostro parere sono anche molto bravi!

Quest'anno hanno deciso di realizzare, con le più belle immagini raccolte in mezzo mondo, un calendario tutto da pedalare. Se sei alla ricerca di un regalo per un amico cicloviaggiatore, il loro calendario potebbe essere un'ottima idea. Sei pronto ad un anno di viaggi ed avventure?!?

Attraversare la parte continentale della Grecia in bici, lasciarsi l'Adriatico alle spalle per arrivare ad affacciarsi sulla costa dell'Egeo, perdersi tra le strade di montagna del parco nazionale dello Tzoumerka, ammirare i pinnacoli delle Meteore al tramonto e addormentarsi sotto i cieli stellati della Tessaglia... questa è un'avventura per chi ama sorprendersi a guardare orizzonti montuosi mentre assapora pietanze mediterranee, per chi predilige le salite ma non disdegna la pianura, per chi pedala anche su sterrato, ma preferisce l'asfalto. Questa è un'avventura che profuma di Grecia e bicicletta...

L'acquisto di una bici da cicloturismo è sempre un passo impegnativo da affrontare, soprattutto perché di solito si viaggia soltanto una o due volte l'anno ed affrontare una spesa, anche impegnativa, per un oggetto che resta per la maggior parte del tempo in cantina, non è facile. Per fortuna negli ultimi anni il concetto di viaggio in bici è cambiato e con esso sono evolute anche le biciclette, diventando prodotti di utilizzo quotidiano. Questo ci permette di fare una scelta più ponderata e magari dedicare un budget leggermente più alto per un mezzo che è diventato polifunzionale. Anche quest'anno ho deciso di fare una breve (e sicuramente non esaustiva) carrellata, cercando di capire quali siano le bici da viaggio più popolari e quelle che vengono utilizzate con più soddisfazione dai cicloviaggiatori. Di seguito ti consiglio quindi i migliori dieci modelli di bici da viaggio del 2020.
La prosecuzione del viaggio in bici lungo la ciclovia del Danubio in Germania. Una pedalata tra Ratisbona (Regensburg) e Passau di qualche giorno su un tratto meno noto (rispetto alla Passau-Vienna) ma non meno attraente della pista ciclabile più conosciuta e pedalata d'Europa.

Una delle zone più affascinanti attraversate nel nostro grande viaggio in bici in giro per l'Europa è sicuramente un'immensa regione della Romania, che porta subito alla mente storie di vampiri, orsi e montagne selvagge... sì, lo so, avrai già capito di cosa sto parlando. Abbiamo percorso le strade della Transilvania in bici, in Romania, da Brașov fino a Sighișoara concludendo un (quasi) anello di circa 900 km su e giù per i Carpazi, tosti ma assolutamente appaganti.

Davide, aka go.zando.go. sui social, è un giovane cicloviaggiatore italiano che da anni ha scelto la bicicletta come mezzo ideale di avventura. Da Bergamo, ai piedi delle suggestive Orobie, Davide ha esplorato i quattro angoli di Europa per poi spingersi, tra notti sottozero,una rottura del telaio e incontri talvolta bizzarri in cima a grandi salite, fino all'Asia centrale in bici! In questa intervista Zando ci ha raccontato alcuni episodi divertenti, ci ha dato preziosi consigli, ci ha narrato le sue esperienze passate e le sue notti più fredde...

La ciclovia AIDA, acronimo di Alta Italia da Attraversare, è un tracciato ciclabile che unisce Susa, in Piemonte, a Trieste in Friuli Venezia Giulia, passando per 14 diverse città d'arte del Nord Italia.Il Belpaese è da anni al centro di diversi progetti di sviluppo cicloturistico che, pian piano, dovrebbero portare alla creazione di una rete di ciclovie sicure in tutta la penisola. AIDA farà parte dell'Italia ciclabile che piace tanto a noi cicloviaggiatori e amanti delle due ruote.

Nel mese di marzo ho partecipato alla prima edizione della Gravel sul Serio, percorso ad anello offroad nella pianura della bassa bergamasca e nel cremasco lungo il fiume Serio, partendo da Romano di Lombardia. In questo articolo ti presento l'itinerario, aggiungendo le attrazioni culturali e naturalistiche che potrai apprezzare lungo il tracciato, che può essere affrontato in qualsiasi momento dell'anno.

C'è chi sceglie di viaggiare solo su asfalto e chi predilige lo sterrato, c'è chi pedala dove capita o chi si cimenta su ardite salite in terra battuta... ogni viaggio in bici è diverso dall'altro e per affrontarlo al meglio è necessario scegliere gli pneumatici più adeguati alla nostra avventura... ma come si può uscire vincitori dall'immenso universo degli pneumatici da viaggio? In questo articolo proverò ad aiutarti in quest'impresa consigliandoti quelli che, secondo me, sono i 10 migliori copertoni per bici da viaggio del 2020.
Viaggiare in bici in Grecia è un piacere che può essere assaporato in ogni stagione grazie al clima mite della nazione mediterranea. Dall'entroterra continentale alle numerose isole che punteggiano le acque dello Ionio e dell'Egeo, chi vuole praticare del cicloturismo in Grecia troverà pane per i propri denti e soprattutto tanti itinerari tra i quali scegliere. Lontano dalle aree più trafficate esistono vie secondarie, sterrate panoramiche, strade bianche inaspettate che sanno conquistare anche i più scettici. E poi ci sono quei percorsi che lasciano senza fiato, sia per scorci che per fatica, salendo oltre i 2000 m, attraversando parchi nazionali, sfiorando le vette più alte dell'intera nazione e regalando emozioni uniche a chi ama i viaggi in bici.

Il Friuli-Venezia Giulia è una regione ricca di alternative, soprattutto per coloro che amano il cicloturismo e i viaggi all’avventura in sella alla propria bici. Ecco perché oggi proporremo un itinerario molto particolare da vivere sulle due ruote e che ci porta da Gorizia direttamente a Kanal, in Slovenia. È un percorso in genere molto conosciuto, specialmente tra gli appassionati di turismo in bicicletta, e questo perché è in grado di conquistare chiunque lo percorra con scorci davvero indimenticabili. Vediamo quindi l’itinerario consigliato per chiunque voglia vivere questa esperienza e alcuni consigli utili su come affrontarlo.

Prologo

Il "placet" da Anversa arrivò tramite Poste a Casterno - zona parco del Ticino - nel giorno del solstizio d'estate. Il capitano, quella mattina, era immerso nella gloriosa composizione di un Kyrie, quando il suono perentorio del citofono lo fece sobbalzare. Sasha e Babuska corsero a nascondersi con un salto felino dietro il divano, ma poco dopo il rientro giubilante del loro padrone dissolse ogni paura. Andrea si sedette in soggiorno, esaminò il pacchetto, rilesse il mittente, e procedette infine a svolgerne il contenuto dopo aver tagliato lo spago: all'interno di una scatola di legno, una pergamena avvolta da un nastro rosso.

Sono passati già 53000 km da quando Simona e Daniele hanno salutato amici e parenti per iniziare il loro grande viaggio in bici intorno al mondo, alla conquista dei sette passi transitabili più alti della terra. Da quell'emozionante momento si sono susseguiti (in ordine sparso) inaspettati incontri, peripezie roccambolesche, pedalate in confini remoti, discese impervie e salite funeste per un'avventura incredibile da raccontare... e divorare tutta d'un fiato!

Si è conclusa la terza edizione degli Emtb Adventure in un territorio, il Garda Trentino, naturalmente vocato all’outdoor ed all’avventura. Il bilancio è certo positivo, chiaro riflesso del trend per cui la bici elettrica si è ormai accaparrata una importante fetta di mercato nel mondo ciclistico.
L’evento, che si è svolto su tre giornate, prevedeva 3 itinerari guidati: il Tour Valle del Sarca, il Tour Monte Calino nel Tennese ed il Tour Malga Campei sul Baldo. Per ogni itinerario era prevista una variante più facile ed una più impegnativa. Per l’occasione ho seguito il Tour Valle del Sarca "facile"; inoltre sabato mattina ho presenziato alla parte teorica dell’Emtb Adventure School con Stefan Schlie, la novità di quest’anno.
L’Eroica Dolomiti 2019 sarà ricordata come una giornata indimenticabile ed epica sotto molti punti di vista. Già alla partenza una pioggia battente, una fitta nebbia e rigide temperature (tra i 4 e 12 °C) hanno richiesto uno sforzo aggiuntivo. La tentazione di rimanere avvolti nel piumone guardando la pioggia scendere dalla finestra è stata forte. In fondo però un brutto tempo autunnale non può fermare un vero “eroico”.

Lo sappiamo bene: viaggiare in bici con il proprio cane non è sempre facile.

Marcello e Monica, i ragazzi del sito In Viaggio con Tina, dopo la loro lunga avventura in bici tra Spagna e Portogallo, ci hanno però anche raccontato di quanto sia meraviglioso poter condividere una parte di mondo con il proprio amico a quattrozampe superando insieme le avversità e i pregiudizi della gente...

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

             

Contenuti recenti

Torna su