Regione dei laghi Cappadocia

Ultimo giorno di Cappadocia e già mi manca. Sono paesaggi magici, incantati, finti. Ci svegliamo con il canto del muezzin ed il sole illumina le vette innevate visibili dalla finestra della stanza. La stufa si è spenta durante la notte ma ha lasciato un tepore non del tutto disperso. Scendiamo a fare colazione: quella tipica turca consiste in una tazza di thé bollente con pane, marmellata, cetrioli, pomodori, olive e formaggi. Le olive nere sono eccezionali così come i formaggi (uno simile alla feta greca, l'altro alla nostra burrata). Lasciamo l'Halil's pansion per dirigerci verso la valle di Ilhara dove scendiamo nel canyon scavato dal fiume e nelle cui pareti sono state scavate numerose chiese...

Città sotteranee in Turchia

La giornata nasce storta. Al risveglio una pioggerellina fina ma insistente ci accompagna. La nostra idea di visitare il complesso monastico di Zelve quindi viene bocciata. Ci spostiamo a Cavusin dove volevamo visitare la chiesa rupestre superstite,  ma anche qui ci viene chiesto l'ennesimo biglietto d'ingresso e quindi rinunciamo: ogni singola località qui in Cappadocia richiede un prezzo da pagare e questo, a lungo andare, diviene piuttosto frustrante. Ci addentriamo nel paese per visitare la rocca franata a causa di un terremoto e subito veniamo assaliti da un personaggio del luogo che pretende di farci da Cicerone. Nonostante i nostri rifiuti lui ci segue fin sotto le rovine continuando a disturbarci insistentemente finché non mi scoccio (sarà stato il cattivo tempo a mettermi di malumore!) e lo tratto a male parole. Ritorniamo all'auto infastiditi e senza aver potuto godere del paesaggio ripartiamo alla volta di Uchisar. La presenza di pretendenti guide turistiche ci assilla e inizia a divenire davvero difficile visitare luoghi e paesi in tranquillità: alcuni dei personaggi che ci offrono il loro servizio sono gentili e cordiali ed una volta rifiutati salutano e non insistono eccessivamente, ma la maggior parte diviene pedante e pedissequa. Nel salire da Goreme verso Uchisar facciamo una sosta ad un punto panoramico. Sferzato dal vento ci si avvicina un cicloviaggiatore ed iniziamo a fare due chiacchiere. Scopriamo che è uno spagnolo partito da Istanbul e diretto in Nepal, resterà in viaggio per sette mesi: che invidia!!!

 

Turchia
Kirikkale - Hattusa - Urgup

Risveglio lento, lungo in Cappadocia. Cullati dal calore delle coperte ci siamo concessi un paio d'ore in più a letto per recuperare dalla notte precedente, insonne o quasi. Rivestiti e rinfrancati, ci siamo anche rifocillati in una pasticceria del centro di Kirikkale, cittadina anonima poco distante dalla capitale turca. A differenza dell'Italia, qui poche persone usano fare colazione al bar: innumerevoli sono le panetterie ma pochi o nessun caffè, spesso deserti. La buona brioche ed il thè caldo ci hanno comunque messo di buon umore e siamo risaliti in auto fiduciosi nel viaggio. Il sole ed il cielo azzurro ci hanno accompagnato per tutta la giornata e quando, verso le 11 del mattino, ci siamo incamminati verso le rovine ittite di Hattusa, la temperatura era piacevole. Il sito archeologico, patrimonio UNESCO dal 1986, è racchiuso tra 6 km di mura e presenta una vasta area contenente migliaia di rovine di quella che fu l'antica capitale ittita. Il percorso in auto si inerpica per 5km fino alla porta delle sfingi, un tunnel di 70 m nelle mura di cinta...

Banchetto di spezie in Turchia
Un viaggio in una terra ricca di storia e dal passato importante, la Turchia... on the road! Un viaggio in paesaggi magici, dipinti magistralmente dalla mano della Natura come da altre parti sul nostro pianeta. Un viaggio nel cuore dell'Anatolia, tra i monti e le colline della Cappadocia, tra formazioni rocciose incredibili, scavate ovunque dall'uomo per costruirvi ripari e chiese rupestri abilmente decorate ed affrescate.
Cappadocia

Due righe veloci dal portatile del nostro ospite turco per augurare a tutti un buon Natale (in ritardo) ed un felice anno nuovo. Negli scorsi giorni ho visitato con Ale parte della Cappadocia, iniziando cosi' alla grande il nostro viaggio in Turchia. Prossimamente ci sposteremo ad ovest per passare dalla regıone dei laghi e raggiungere Pamukkale. Il tempo non è dei migliori ma la temperatura, quando esce il sole, e' gradevole. Vı saluto e rimando un dıario piu' dettagliato del nostro viaggio a quando saro' rıentrato in Italia.

Torna su