Menu
MerApr18

I Suoni delle Dolomiti 2012 : in montagna con la musica!

Anche se siamo solo in aprile ed, in questi giorni, il tempo non è dei migliori, la voglia di trekking e di montagna mi pervade: è inutile descrivere quel senso di estrema, all'apparenza irraggiungibile, libertà che invade l'animo umano quando si trova a vagare fra cime rocciose e natura incontaminata. Si cammina leggeri, niente intorno a noi è in bianco e nero, tutto brilla, tutto risplende, ciò che ci circonda è il riflesso della nostra anima che sorride! Una delle manifestazioni più belle del mondo, i Suoni delle Dolomiti: musica fra i giganti di pietra, fra le montagne che tanto amiamo!!!
Dal 30 giugno fino alla fine di agosto, anche quest'anno, il Trentino ci allieterà con l'evento tanto atteso de I suoni delle Dolomiti, edizione 2012! Molti i concerti in programma, ma anche gli incontri con i grandi sportivi legati alla montagna ed in particolare alle Dolomiti, patrimonio UNESCO dal 2009. Ogni anno si registrano migliaia di visitatori provenienti da tutta Italia, ma anche dall'estero perchè ormai la popolarità dell'evento và oltreconfine! Anche per questa edizione sono previsti grandi nomi del panorama musicale italiano ed estero: molti musicisti classici, ma anche cantautori! L'unica caratteristica organizzativa che ci ha un po' deluso è stata la drastica riduzione delle "Albe sulle Dolomiti", infatti ogni anno venivano proposte alcune mattinate (dalle 6 a.m.) per veder il sole sorgere fra i monti accompagnati dalla musica. Quest'anno ne è stata organizzata solo una e sarà con Patrizio Roversi e Syusi Blade, i due viaggiatori di Turisti per caso.
Sinceramente veder nascere il sole ascoltando musica e poesia fra le opere d'arte delle montagne trentine è stata una delle esperienze più belle per me e non comprendo la scelta dell' organizzazione di togliere dal programma tutti quei magici momenti sulle Dolomiti... quindi ve ne voglio regalare un assaggio sperando che, dall'anno prossimo, possano reintrodurle nel programma per farci rivivere ancora quei momenti...

E' buio, è freddo, sono le tre di notte... saliamo in auto smarriti, assonnati, ancora confusi dai nostri sogni di pochi minuti prima... la strada è nostra e la radio passa un dolce brano di Neil Young. I minuti passano e, lentamente, assaporiamo il piacere prematuro di quello che stiamo per vivere sulle montagne. L'asfalto si fa via via più insicuro, i tornanti catturano la nostra attenzione: come noi tanti altri sonnambuli motorizzati si muovono quasi come in processione salendo verso il Passo Rolle. Il cuore batte forte, le emozioni ci travolgono, la processione continua ma questa volta è in fila indiana, sulle gambe stordite dal ritmo di questa giornata insolita. Anche qui, al cospetto delle Pale di San Martino, si trema un po' per il freddo, un po' per la tensione... abbiamo una coperta, ci stringiamo al suo interno felici e in pace con il mondo. Il suono dei primi violini inizia a riempire l'aria, ci avvolge, ci circonda come in un abbraccio. Il protagonista assoluto di ogni giornata, il sole, fa il suo ingresso lentamente come una vera star illuminando prima le vette sopra di noi, poi i pendii erbosi fino a giungere sulle centinaia di persone che, come ipnotizzate, seguono lo spettacolo a bocca aperta. Il sole è tiepido ma a noi sembra bollente come quando in piena estate ci percuote facendoci sudare e sperare in un temporale. Questa mattina tutti desideravamo il suo arrivo sperando ci rapisse per portarci con lui su quelle cime così aspre alle quali l'uomo tanto aspira!

Potete già consultare il programma completo del festival de I suoni delle Dolomiti 2012 per iniziare ad annotare sul calendario, le giornate che più vi interessano!!!

L'attesa è tanta... Ci vediamo là...!!!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati