• English (UK)
Visit Rovereto

Vota questo articolo
(0 Voti)

La strada dalle 1864 curve in Thailandia

    Risaie in Thailandia
    Non è il nome di un aereo militare vietnamita o quello in codice di una spia della C.I.A., ma soltanto la marca di una bevanda energetica thailandese. M-150, una sigla che ci resterà impressa nella mente per qualche tempo. Siamo a pochi chilometri dal villaggio di Soppong, (Pang Mapha), sulla vetta dell'ennesima collina che questa strada tortuosa ed intricata scavalca. Spossati, ammiriamo le vaste distese di foreste che ricoprono il paesaggio a perdita d'occhio fin oltre il confine birmano. Il pomeriggio è già inoltrato ed il sole abbassandosi inizia a colorare d'oro foglie e tronchi, mentre noi sorseggiamo estasiati la dolce bevanda.
    La giornata è stata una tra le più impegnative fino ad ora, non solo per le ardue pendenze affrontate, ma soprattutto per il caldo umido che ci ha sorpreso sui pendii tra Mae Hong Song e Pai ed è per questo che bere qualche cosa di fresco e dolce ci sembra un dono divino. L'incontro con Ken ci dà fiducia dopo tanta fatica e sudore: questo grosso canadese dalla voce rauca e dalla lingua sciolta ci abborda mentre siamo seduti a chiederci se proseguire o meno verso il paese. Inizialmente un pò sospettosi e scocciati per la quiete interrotta, Ken ci conquista con la sua simpatia e con le preziose informazioni che elargisce rincuorandoci sul prossimo tratto di strada da affrontare.img 8335 Lo re-incontreremo qualche ora più tardi a Soppong ad attenderci con la moglie thailandese nella loro minuscola ed incantevole guest house, mentre pianifica la prosecuzione dei lavori di costruzione della scuola di cucina che è intenzionato ad aprire con la consorte. Oltre all'emigrante canadese, sulla nostra rotta verso Chiang Mai, siamo sorpresi da un evento inatteso di cui oramai avevamo perso il ricordo dai tempi di Lopburi ed Ayutthaya: la pioggia. dsc 0153Questa volta il nostro amico d'oltreoceano non ha avuto una grande lungimiranza:"Siamo nella stagione secca, prova a piovere ogni tanto ma non lo fa per 5 mesi!", ci aveva detto... e puntualmente nei due giorni successivi un temporale in quota ci ha sorpreso rinfrescandoci non poco. Dopo la fatica del primo giorno, nonostante la strada salga in continuazione e la discesa sia troppo veloce per poterne godere a sufficienza, le gambe girano più agili e riusciamo ad assaporare fino in fondo gli incantevoli panorami che il percorso ci regala, restando estasiati al mattino di fronte ad un mare di nuvole che copre le vallate antistanti cosiccome alla sera davanti ad una cascata incastonata in un anfiteatro naturale nel mezzo di un parco nazionale.img 8303 Paesaggi e persone, famiglie di tribù ancora isolate sulle colline dove solo un sentiero li raggiunge, discopub con musica di Bob Dylan e birra europea servita alla spina tra le vie di sole guest house di Pai: questa cittadina hippy è troppo popolata di visi simili ai nostri per meritare una sosta più lunga di un giorno. Il turismo di massa ha oramai raggiunto anche quest'angolo di mondo incastonato tra le colline e purtroppo capita che andando a visitare un villaggio Karen dove vivono le donne Paduang (donne giraffa) si entri in un circo dove per scattare qualche foto si deve pagare. Cercando un pò sotto la superfice però si possono ancora trovare luoghi isolati ed incontaminati che riconciliano lo spirito e trasmettono emozioni forti e durature.img 8306

    Questo articolo fa parte del diario di viaggio tenuto in diretta del progetto Downwind. Se volete leggere le altre puntate, ecco qui tutti gli articoli dei nostri dieci mesi in bicicletta nel sud est asiatico

    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Guest · 9 anni fa
      Non perdo nessuno dei vostri diari di viaggio e mentre leggo provo ad immedesimarmi nella vostra bella avventura orientale . Devo dire che sentirvi dire che un po' di acqua vi fa felici e vi rinfresca mi fa venire un po' di invidia , qui solo neve e freddo . Vi faccio in anticipo i migliori auguri di Buon Natale , sicuramente diverso da tutti gli altri che avete passato ma per questo credo molto speciale .
      Tanti AUGURI
      CIAO E CI SENTIAMO
    Leonardo

    Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su