Menu

Mer07Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Storstrøm Bridge: il ponte (anche) ciclabile più lungo della Danimarca

  • Stampa
  • Email
La Danimarca è uno dei paesi europei più sviluppati dal punto di vista della ciclabilità e del cicloturismo. Un'ulteriore dimostrazione della politica bike friendly portata avanti negli anni dal governo danese è la realizzazione dello Storstrøm Bridge, quello che diventerà il ponte ciclabile (ma non solo) più lungo dell'intera nazione.
Lo Storstrøm Bridge sarà lungo 6,5 km, largo 24 metri e collegherà le città di Vordingborg e Orehove, in Danimarca.
Questa grande opera permetterà ogni giorno il transito di migliaia di veicoli dalla regione di Copenhagen a Falster e, oltre a agevolare il traffico di mezzi pesanti e automobili,  l'immenso ponte sarà dotato anche di corsia ciclabile e pedonale. In un paese come la Danimarca dove l'utilizzo della bicicletta da parte dei suoi abitanti ha toccato livelli incredibili, l'idea di costruire un ponte per il transito veicolare e ferroviario che sia anche dotato di corsia ciclabile/pedonale è un fatto più che normale.
La particolarità curiosa di questa nuova infrastruttura  è invece quella che verrà costruita da imprese italiane. L'appalto vinto dalle aziende del Belpaese vale 277 milioni di euro  e i nostri connazionali dovranno terminare i lavori entro la metà 2022.
Sicuramente fa piacere sapere che saranno delle imprese italiane a realizzare un'opera di tale portata, si prova invece amarezza nel pensare che nella nostra nazione non si è ancora mai pensato ad una struttura del genere o a qualcosa che minimamente si avvicini.
Dopo la recente approvazione della legge quadro sulla mobilità ciclistica  è lecito aspettarsi grandi passi ciclabili anche in Italia...   fino ad oggi ci siamo accontentati di piccoli progressi fatti su certi tracciati negli ultimi anni (piccoli ponti ciclabili per esempio sul fiume Serio o sull'Oglio in Lombardia, sviluppo di alcuni itinerari ciclabili in molte regioni...), ora però ci auguriamo che venga attivato un piano di interventi strutturato che porti l'Italia ad essere una meta sempre più avanzata nel campo cicloturistico.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
 Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici