• English (UK)
Visit Rovereto

Vota questo articolo
(0 Voti)

Storie di resistenza rosa e cicloviaggi

    Bicycling for Ladies Bicycling for Ladies Maria Ward
    La bicicletta è un mezzo che nel corso dei decenni ha acquisito diverse sfaccettature accompagnando la vita di migliaia di donne, dando un senso a lunghe giornate di viaggio, scivolando sul fango o su strade bianche che sembravano infinite. Dalla prima grande cicloviaggiatrice, Annie Londonderry, che di una bicicletta fece il suo mezzo ideale per viaggiare, alle storia di resistenza delle staffette partigiane che senza le due ruote non sarebbero arrivate dove venivano aspettate, le donne in bici hanno scritto una pagina importante e indimenticabile della Storia.

    Quel cespuglio...

    Il respiro era affannato per lo sforzo, lo sguardo attento ad ogni movimento. La pattuglia si stava avvicinando disordinata tra risate beffarde e schiamazzi da osteria. La Cesarina conosceva bene la strada da Modena, ma ogni volta superare i cinque posti di blocco verso Bologna era un terno al lotto. Aveva nascosto la bicicletta dietro un grosso cespuglio che però sembrava piccolo davanti all'avanzata della pattuglia.
    Il cuore iniziò a battere forte, più forte delle volte passate, eppure la strada era sempre quella. Quando gli uomini si fecero vicini la Cesarina non cedette alla paura,  restò immobile e per un attimo smise anche di respirare.
    Erano gli anni della Resistenza in bicicletta, quelli delle donne che percorrevano chilometri su chilometri per consegnare messaggi e informazioni, ma anche armi. Erano gli anni dei partigiani che combattevano tra le montagne e delle coraggiose staffette come la Cesarina che affrontavano quasi ogni giorno 40 km in bici (e che bici!) per essere d'aiuto nella lotta per la libertà.

    In giro per il mondo in bici

    Facciamo un passo indietro spostandoci dall'altra parte del mondo, negli Stati Uniti. Correva l'anno 1894, più di un secolo fa, e Annie Londonderry con la sua scomoda gonna si apprestava a compiere un'impresa: salì sulla sua Columbia e iniziò una delle più grandi avventure al femminile di tutti i tempi, il giro del mondo in bicicletta. Prima di questa donna mai nessuna aveva tentato un'impresa del genere, dopotutto la bici era vista come un mezzo inadeguato alla grazia del gentil sesso.
    Quello di Annie non fu un viaggio semplice, no di certo. Le insidie da superare furono molte ma il lento incedere per il globo cambiò qualcosa nella giovane donna. Iniziò a usare i pantaloni (mi sembra di sentire le signore composte di un tempo che sussurrano all'orecchio dell'amica "Oh my God, it's horrible!") molto più pratici e comodi per andare in bicicletta e pian piano nacque in lei la consapevolezza che stava facendo quello che solo gli uomini fino a quel momento avevano fatto ossia andare in bicicletta... questa fu l'inizio di una vera e propria rivoluzione! (Foto: annielondonderry.com)annie londonderry

    Un manuale d'acquisto e manutenzione della bici

    Era il 1896 quando uscì fresco di stampa il libro di Maria Ward Bicycling for Ladies, una guida completa all'acquisto e alla manutenzione della bicicletta per donne.
    Maria Ward credeva che la bici concedesse una libertà e un'indipendenza mai avute prima, ma anche che la totale indipendenza potesse essere raggiunta solo imparando le basi della meccanica e le buone norme per mantenere al meglio il proprio mezzo. La donna doveva usare la bici ma doveva essere in grado anche di ripararne i guasti. Il libro fu innovativo per l'epoca e assolutamente utile a centinaia di donne in bicicletta.

    La professoressa staffetta

    Ogni giorno Alma guardava quei monti severi e pallidi prima di salire in bicicletta e pedalare fino al Cadore dove i partigiani l'attendevano. Doveva passare il confine, quello tra il terzo Reich che aveva invaso anche la provincia di Belluno e l'Italia, il modo migliore per farlo ovviamente era con l'ausilio della bicicletta.
    A quei tempi la valle era percorsa dalla ferrovia, oggi pista ciclabile delle Dolomiti ma ad Alma Bevilacqua non importava: in bici poteva percorrere stradine secondarie o tagliare per i boschi in caso di controlli a tappeto. I tedeschi non conoscevano i luoghi che avevano invaso come lei, lei che era sempre stata chiamata immigrata da quando aveva lasciato Bologna, lei che tra quelle montagne si sentiva a casa.
    I tedeschi non potevano prenderla. Alma e la sua bici erano veloci e attente a non farsi scovare, i tedeschi impazzivano di rabbia e misero una taglia sulla testa della giovane donna, 50000 lire, ma non servì a niente...
    Nel suo libro, firmato come Giovanna Zangrandi, I giorni veri. Diario della Resistenza scrisse: "No, le camere d'aria della bici non vanno bene, toppe e toppe, sotto i ponti dei torrenti a cercare il buco, i miei amici mi ritengono fortunata perchè possiedo tre levacopertoni e un tubetto di mastice..." (Foto Museo Galvani)museo galvani alma bevilacqua

    Tutti possono andare in bicicletta

    Kittie Knox, una sarta dalla pelle mulatta ebbe la tessera della League of American Wheelmen già nel 1893. Donna libera e coraggiosa si presentò al raduno annuale della Lega nel 1985 nonostante l'anno prima la possibilità di associarsi fosse stata limitata ai soli bianchi.
    Kittie aveva una bici e una tessera valida per accedere, ma non era una bianca e nemmeno un uomo.
    La situazione ambigua scatenò molte polemiche durante le quali tanti ciclisti supportarono Kittie Knox e la sua determinazione. Lei amava la bicicletta e non voleva rinunciare al piacere di una pedalata in compagnia, mai e poi mai lo avrebbe fatto.
    La bicicletta, e ancora una volta una donna, insieme per combattere pregiudizi e segregazione razziale, per ottenere un'uguaglianza da sempre ambita. (Foto bikeleague.org)kittie knox in bici
     
    Potrei parlare per ore di donne in bici che con forza di volontà e grande coraggio hanno lottato per cambiare e migliorare il nostro mondo, ma forse finirei con l'annoiarti.
    La bicicletta come mezzo di resistenza, la bici ribelle, la bici come due ruote di cambiamento, la bici come veicolo di libertà e insieme alla bicicletta la battaglia della donna per l'uguaglianza, per ottenere gli stessi diritti dell'uomo, per poter indossare pantaloni e poter scegliere come vivere, una lotta dura che ha ottenuto grandi risultati ma che, purtroppo, in molti paesi non ha ancora avuto fine... La battaglia continua!
    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Persone nella conversazione:
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Lucy Hop · 4 anni fa
      Grazie della segnalazione e dei complimenti Floriano... abbiamo corretto!
      Effettivamente non è esattamente uno scatto degli anni '80
    • Questo commento non è pubblicato.
      Floriano · 4 anni fa
      KITTIE KNOX. 1983 ? dalla foto sembra il 1893.
      In ogni caso, complimenti per i bellissimi articoli.
      Floriano, 8 marzo 2016
    Lucy Hop

    Nata su una bicicletta di legno, a 10 anni già pedalavo per i boschi tra fango e pozzanghere divertendomi come una matta.
    La bicicletta può fare la felicità e quando ne vedo una... proprio non resisto:)

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su