Vota questo articolo
(2 Voti)

Spasimanti respinti e olio nuovo | Primo giorno sulla Via Silente

Oggi è il primo giorno di pedalate nel Cilento ma il viaggio in bici sulla Via Silente è iniziato già ieri, chiacchierando per ore con Simona ed Umberto, due degli otto soci dell'associazione che ha dato vita a questo splendido progetto.

Celso nel comune di Pollica

La simpatia, l'entusiasmo e l'accoglienza che ci hanno riservato, ci ha fatto capire che su queste strade ci sarà da divertirsi. Dopo una cena a base di prodotti locali nel ristorante Anna dei Sapori, ripartire oggi non è stato facile.
Simona, oltre ad un sacco di dritte e consigli, ci consegna la silentina su cui apporremo i vari timbri. Nala è già una star acclamata da tutta la popolazione canina di Castelnuovo Cilento e quando lasciamo il borgo ed il suo maniero, si levano decine di zampe. La picchiata fino al mare ci permette di aggiustare l'assetto in bici dato che avevamo perso l'abitudine alla pedalata carica.
Panorama a Stella Cilento
C'è giusto il tempo di riscaldarsi che si inizia a salire verso il monte Stella. Mentre avanziamo cogliamo nella gente due tipi di sguardo: il primo stupito e curioso di chi si chiede chi siano e cosa facciano questi due extra-terrestri con un cane al seguito; il secondo divertito e appassionato di chi entra subito in empatia con queste anime vagabonde cariche all'inverosimile.
Panorama verso Pollica
Nala fa la sua parte camminando in salita e scansando sostenuta qualche spasimante troppo invadente.
Panorama sul Cilento
A Stella Cilento abbiamo la prima dimostrazione della distanza siderale che separa queste terre dal tiepido e borioso nord. Ci fermiamo chiedendo in un bar se facciano panini. Rammaricato il ragazzo risponde di no, ma se vogliamo, dice, ci sono degli arancini della sera precedente… e senza aspettare una risposta ce li infila in un sacchetto di carta.
Nala e Leo in bici
Noi, un po' spiazzarti, ringraziamo bevendoci insieme una birra giusto per non andarcene senza aver acquistato nulla.
Saliamo ancora un po' e le avances dei pretendenti si fanno così pressanti che siamo costretti a far rientrare Nala nel carrellino per qualche chilometro.
Celso
Approdiamo nel comune di Pollica attraversando la frazione di Celso dove nuovamente l'ospitalità della gente ci sorprende: una bellissima porta fiorita è la scusa per una sosta fotografica e al balcone si affaccia Annamaria… ancora una volta è Nala ad attirare l'attenzione ed in men che non si dica siamo in cucina a sorseggiare un caffè.
Si parla di olive dato che questo è il periodo di raccolta e finiamo col lasciare la casa di questa indimenticabile signora con una bottiglia di olio nuovo, verde smeraldo.
Annamaria e l'olio
Passiamo i chilometri successivi verso Pollica e Pioppi a ricordare i sorrisi e la gentilezza che abbiamo incontrato in questo primo giorno e solo la bellezza del paesaggio marino e del centro di Acciaroli offuscano per un momento quel pensiero.
Il porto di Acciaroli
Ora fuori diluvia, ma per domani siamo fiduciosi... in fondo pedaleremo sul set di Benvenuti al Sud.

Dove dormire lungo la Via Silente

Prima di iniziare il viaggio in bicicletta lungo la Via Silente ti verrà data la Silentina, una carta per ottenere i timbri durante la tua avventura. Con questo documento, mentre viaggerai sull'itinerario, otterai lo sconto del 20% presso le strutture convenzionate. La nostra prima tappa è terminata ad Acciaroli dove abbiamo alloggiato preso il B&B Plano de Laczarulo. Puoi scaricare l'elenco di tutti gli alloggi convenzionati divisi per località sul sito ufficiale della Via Silente.

Informazioni aggiuntive

  • Durata: Fuggitivo (1 giorno)
  • Luogo: Campania
  • Dislivello: 501 - 1000 m
  • Lunghezza: 50 km
  • Tipo di fondo: 100% Asfalto
  • Difficoltà: Micro avventura
Spasimanti respinti e olio nuovo | Primo giorno sulla Via Silente - 4.5 out of 5 based on 2 votes
Via Silente in bici Da Castelnuovo Cilento ad Acciaroli
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna su