fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Solo con la mia bici in Nuova Zelanda, di Antonio Brigato

Lo dedica a tutti i sognatori, Antonio Brigato, il suo Solo con la mia bici in Nuova Zelanda, edito da Proget Edizioni. Antonio ha viaggiato in bici da solo per tre mesi dall'altra parte del mondo, volendo condividere con gli altri cicloviaggiatori che "non c'è limite che tenga per chi voglia essere, allo stesso tempo, sognatore e viaggiatore".

Quello di Antonio era un sogno, trasformato - con tanta preparazione di ogni minimo dettaglio, aspetto e studio del viaggio - in un obiettivo realizzato. Nonostante non abbia mai voluto bene alla bici, quando da piccolo "doveva usarla" per uscire dal paese e andare a scuola o trovarsi con gli amici, Antonio ha imparato ad amarla rendendola un gioco, smontandone e rimontandone parti, e uscendo dal solco, inteso come la strada di bitume, quando ha scoperto la MTB, dove si è sfidato a sapersela cavare nel mondo degli imprevisti che possono accadere.

Ma arriviamo al sogno: dopo qualche viaggio sulle Alpi, in Sardegna, Corsica e Sicilia, Irlanda e Scozia, Antonio voleva mettersi in gioco e alla prova, alla scoperta della Nuova Zelanda in bici. Così, con l'arrivo della pensione, si è concretizzato il progetto, da Christchurch a Queenstown, con le tappe, il visto di 3 mesi, la bici nuova, le variabili e la definizione del giusto bagaglio.

"Il nuovo che vuoi affrontare è accessibile proprio grazie al passato che hai accumulato. Così il bagaglio va preparato piano piano, serve per domani ma è ricco di passato". Antonio ci racconta così, con freschezza e col piacevole ricordo di ogni aspetto della sua avventura, il suo viaggio, dalla partenza coi saluti della famiglia, agli incontrollabili e incalcolabili imprevisti, all'incontro con l'amico Nicola a Wellington, fondamentale per l'organizzazione del viaggio, la ripartenza per le successive tappe e il ritorno, che altro non è che la continuazione del viaggio.

Un'ottima lettura, questo Solo con la mia bici in Nuova Zelanda, che può essere di ispirazione per chi non si è deciso a partire e cerca una spinta gentile.

Sinossi dell'opera

Quando ci si guarda indietro, particolarmente dopo aver realizzato un’impresa o un sogno che sembravano impossibili, emergono due sentimenti: incredulità e riconoscenza. Questo è quanto ho percepito la prima volta che Antonio mi ha raccontato la sua avventura in bici in Nuova Zelanda: da solo, per tre mesi, dall’altra parte del mondo. E i suoi occhi mi parlavano prima delle sue parole. Come qui, in questo libro, le foto del suo viaggio catturano già prima del suo racconto. Queste pagine non sono uno scontato diario di viaggio, quanto piuttosto la narrazione di un sogno, di una passione, di un’impresa-avventura, come ad Antonio piace definirla. Qui emergono soprattutto le emozioni che questo viaggio ha suscitato: determinazione e trepidazione, forza e fragilità, desiderio e nostalgia, amicizia e solitudine, stupore e gratitudine. Tutto si fa inaspettatmente coinvolgente, al punto da risvegliare la voglia di mettere le gambe ad almeno uno dei tanti sogni che ciascuno custodisce nel proprio cassetto segreto. «Non c’è limite che tenga - sostiene Antonio - per chi voglia essere, allo stesso tempo, sognatore e viaggiatore». E questa è una chance possibile a chiunque abbia il coraggio di «non fermarsi mai». Un imprevisto si è trasformato in una opportunità che lo ha riavvicinato a quella bici che non aveva sempre amato. E lo ha portato, poi, a vivere un’esperienza coraggiosa (cfr. GB, Prefazione al libro).

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Francesco G

ITA - Ho 33 anni e sono piemontese, anche se da qualche anno vivo e lavoro in Lombardia. Dopo un inizio da totale inesperto in questo campo, mi sono avvicinato al mondo dei cicloviaggi e della bicicletta sempre più. Oggi posso definirmi "cicloviaggiatore", e assieme all'altra mia passione - il videomaking - non mi fermerei mai! Cyclo ergo sum, pedalo quindi sono, per cercare di capire perché andare in bici sia così bello, terapeutico, ricco... E ogni volta che provo a capirlo, non ce la faccio, e sono costretto a ripartire sui pedali!

ENG - I'm from Piedmont and I'm 33 years old, I have been living and working in Lombardy for a few years. After a start without any competence in this field, I then approached the bicycle world more and more. Today I can call myself a bicycle traveller and videomaker who would never ever stop. Cyclo ergo sum, I cycle therefore I am. I ride my bike trying to understand why it is so beautiful, rich, therapeutic. And every time I try, I do not understand it. So I must leave again...
 

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su