Vota questo articolo
(1 Vota)

Sentiero Orsi nelle Dolomiti di Brenta

Le Dolomiti del Brenta, all'interno del Parco Naturale Adamello Brenta, sono uno dei nove gruppi dolomitici entrati a far parte nel 2009 del Patrimonio mondiale Unesco. Caratterizzate da sentieri spesso di difficile accessibilità, da ferrate verticali, da pareti a strapiombo tanto ambite dagli alpinisti, le Dolomiti del Brenta sono il luogo ideale per trovare la montagna più autentica, quella che sà conquistarti nel profondo. Durante la stagione estiva, le Dolomiti sono prese d'assalto da migliaia di turisti da tutto il mondo, ma percorrendo il Sentiero Orsi un sabato pomeriggio di luglio, abbiamo incrociato solo una decina di persone... fortuna e, probabilmente, casualità, ci hanno permesso di vivere la montagna più intensamente...
 
 

Mappa

Sapevamo che sarebbe stata dura, ma non così lunga! La nostra due giorni nel Parco naturale Adamello Brenta è iniziata sotto un cielo piuttosto plumbeo dal parcheggio della Val Brenta, 1260 metri circa di altitudine, a pochi chilometri da Madonna di Campiglio. Carichi come muli da soma ed ignari di esserlo, con uno zaino più grosso di noi, ci siamo incamminati lungo il sentiero in direzione della Vallesinella, un'ora più sù ed in là della nostra automobile. Da tempo pensavamo di affrontare due giorni di trekking sulle Dolomiti del Brenta seguendo il leggendario Sentiero Orsi per poi cimentarci nella ferrata più panoramica del gruppo, quella delle Bocchette Centrali. dolomiti di brentaUn'ora di facile sentiero permette di raggiungere il Rifugio Vallesinella ed il grande parcheggio a pagamento (6,00€ l'intera giornata) a 1500 metri, dopo aver superato un ponticello panoramico sulle Cascate di Mezzo (ideali per rinfrescarsi in caso di giornata afosa!) ed un altro breve tratto in salita. Il trekking continua sul sentiero 317 fino al rifugio Casinei dove si incontra un bivio. Il percorso è fin qui abbastanza impegnativo (soprattutto l'ultima scalinata del Casinei) perchè si alternano gradoni di terriccio a single track con pendenza elevata. caprioloDal rifugio Casinei, ottimo per una prima sosta veloce, i cartelli Sat si dividono in 318 (Sentiero Bogani) verso il rifugio Brentei, 317 in direzione del Rifugio Tuckett, 391 che raggiunge il Brentei (Sentiero Violi) ma con un sentiero più lungo e tortuoso. Imbocchiamo il 317 (che già prima stavamo seguendo) per entrare in un bosco di larici. L'escursione si trasforma magicamente in una semplice passeggiata nella natura dove non è affatto difficile avvistare caprioli o esemplari di avifauna come il ciuffolotto, la nocciolaia e la ghiandaia. In 1 ora e venti di facile ascesa, giungiamo in prossimità del rifugio Tuckett a 2272 metri.img 6668 Dall'area sul retro dell'edificio, dove tavolini e panche di legno rappresentano lo spazio ideale per l'escursionista che vuole riposarsi o fare uno spuntino, si avvista la Bocca di Tuckett anticipata dalla vedretta di brenta inferiore, un lungo nevaio ormai battuto dai tanti già passati di qui. Sopra le nostre teste, i picchi rocciosi della cima di Castelletto inferiore e superiore ci fanno sentire davvero minuscoli.segnaletica La salita nella neve mezza sciolta è più faticosa del previsto: le impronte sul manto ombreggiato di grigio aiutano il nostro incedere, ma la pendenza della vedretta sembra respingerci senza pietà. Impieghiamo poco meno di un'ora per raggiungere la Bocca di Tuckett da dove partono svariate alternative escursionistiche/ferrate: il sentiero attrezzato Benini in direzione del Passo Grostè a nord, ad est il sentiero attrezzato Orsi che conduce al rifugio Pedrotti-Tosa (un bivio più avanti permetterà anche di scendere a Molveno!) ed a sud l'impegnativa ferrata delle Bocchette Alte. neve ed escursionistiL'inizio del sentiero Orsi è attrezzato con cordini e, visto che non lo abbiamo ancora testato sul campo, decidiamo di indossare imbrago e caschetto. Assicurati alle funi metalliche, ci sentiamo sicuri e procediamo a passo spedito non curanti dei tre metri sotto di noi. Scendendo nel canalone, incontriamo presto la deviazione per la Val Perse (n° 322) che permette di raggiungere il paese di Molveno ed il suo lago che già si riesce a scorgere da quassù. Noi continuiamo lungo il 303 ossia il sentiero attrezzato Osvaldo Orsi che, zigzagando nel cuore delle Dolomiti del Brenta con tratti esposti e paesaggi da quadro impressionista, approda dopo quasi 2 ore 30 al rifugio Pedrotti-Tosa.img 6529Il cielo non è terso come nelle belle giornate di fine estate, ma le nuvole si muovono veloci e ci permettono di scorgere qua e là, le sagome seghettate delle cime dolomitiche, uniche al mondo! Il percorso richiede l'utilizzo di imbrago da ferrata e caschetto. La montagna è per tutti, come diceva l'alpinista e fotografo Guido Rey, ma la prudenza non è mai troppa in ambienti selvaggi e talvolta ostili. img 6473A metà del sentiero si attraversa la Busa del Castellaz e, subito dopo, si costeggia la Busa d'Armi (alla nostra sinistra, facendo poi la ferrata delle bocchette centrali la si ritrova sulla destra!). Il rifugio Pedrotti-Tosa è sempre più vicino e, lemtamente, il panorama si apre mostrandoci alcune fra le montagne più conosciute del gruppo della Paganella e delle Dolomiti del Brenta orientale come il Piz Galin. img 6595Il sole stà già scendendo rapido anche se alla fine di questa giornata estiva manca ancora qualche ora. Il rifugio Pedrotti-Tosa è leggermente più in alto del sentiero Orsi e l'ultimo strappo prima di poter togliere imbrago, scarponi e zaino dalle spalle è il più duro della giornata. Bellissima giornata di trekking: dislivello rilevante e 18 km di paesaggi di struggente intensità.img 6631

Il sentiero attrezzato Osvaldo Orsi ha una lunghezza di 5,6 km con un dislivello totale di circa 250 metri!

Questo Trekking costituisce il primo giorno dell'escursione che ci ha portato a percorrere poi la via ferrata delle Bocchette Centrali. Se preferite un'escursione giornaliera potete dare un'occhiata al trekking al rifugio Brentei.

Se volete farvi un'idea dei paesaggi e del divertimento nell'affrontare il sentiero attrezzato Osvaldo Orsi e la ferrata delle bocchette centrali, guardate il nostro video!

Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia.
Ho vissuto 6 anni in Trentino godendo della bellezza della Natura, delle montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento ritenuto giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica e Lesotho... e il #noplansjourney...
Se non siamo in viaggio, viviamo sul lago d'Iseo!
Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

 

             

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

 
 
Torna su