• English (UK)
Visit Rovereto

Vota questo articolo
(0 Voti)

Luis Sepulveda a Bolzano

    Luis Sepulveda
    Un incontro da ricordare. Come gia' era stato un paio di anni fa con Ryzard Kapuscinski alla libera università di Bolzano. Il centro per la pace della città ha organizzato un'intervista pubblica con un grandissimo della letteratura internazionale: Luis Sepulveda. Lo scrittore cileno già guardia personale del presidente Salvador Allende (e per questo condannato all'ergastolo commutato poi in esilio dal governo Pinochet) ed iscritto al partito socialista del suo paese ha parlato di se e del Chile. Sono andato ad assistere a questo evento e ve ne voglio raccontare in breve.

    L'intervista, condotta da un altro esule cileno, Rodrigo Rivas, ha spaziato dalla vita personale agli interessi politici dell'autore di pilastri letterari quali "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" o "Patagonia Express-Appunti dal sud del mondo". Cio' che colpisce immediatamente dello scrittore e' l'abilita' e la facilita' di narrativa. L'intervista, durata oltre due ore, ha trattato argomenti molto differenti tra loro e per tutti Sepulveda ha saputo collegare piccoli particolari ad argomenti generali. L'abile regia del giornalista Rivas, il quale avvalorava le sue domande con citazioni dai numerosi scritti dell'amico, ha reso l'incontro molto scorrevole e piacevole da seguire.
    Sepulveda prima spiega come egli sia figlio e nipote di ottimi cuochi e proprietari di un ristorante a Santiago e di come però egli sia capitato in europa a guidare camion prima di iniziare a scrivere. Parla del nonno andaluso emigrato in sudamerica, degli indios mapuche che hanno difeso la loro terra, della ricerca della felicita' quasi raggiunta. Non vuole essere definito un intellettuale (splendido il racconto di un incontro del suo ammirato maestro Allende con un intellettuale francese, esperto moralista zittito dal presidente che sosteneva il diritto di portare la prospettiva di vita cilena al pari di quella europea, cose che l'intellettuale ignorava) ma come un intellettuale egli parla, citando date, avvenimenti e prendendo posizioni a volte condivisibili a volte meno. Difende il suo paese e reclama giustizia per i desaparecidos dell'epoca Pinochet. Condanna apertamente il neoliberismo economico che ha portato un Cile sulla via dello sviluppo nei primi anni '70 verso l'oblio e la povertà del 2000. Parla delle frontiere dell'america del sud senza alcun punto cardinale se non il nord: il subcontinente sudamericano confina solo con l'odio. L'odio degli Stati Uniti che hanno supportato il colpo di stato dell'11 settembre 1973 e la dittatura Pinochet. Ritiene il popolo cilenofortunato soltanto perche' gli americani sono impegnati altrove al momento (Afganistan e Iraq, oltre a Venezuela e Nicaragua). Non crede, Lucio, nella possibilta' di un miglioramento nella politica estera del governo a stelle e strisce, nemmeno con un nuovo presidente come Obama (io personalmente non sono d'accordo). Dice di essere un cittadino prima ed uno scrittore poi e si autodefinisce ottimista, ma "ottimista di lungo termine". Le sue immagini felici con la moglie poetessa, i figli ed i nipoti scorrono sullo schermo ed il simpatico scrittore saluta e firma autografi.
    Due ore splendidamente condotte in un'aula magna gremita. Un incontro che, come quello con il grande piccolo Kapuscinski, difficilmente dimentichero' a breve.

    Di Luis Sepulveda:
    • Il mondo alla fine del mondo. 1989
    • La frontiera scomparsa. 1994
    • Patagonia express. Appunti dal sud del mondo. 1995
    • Storia di una gabbianella e del gatto che le insegno' a volare. 1996
    • Jacare'. Hot line. 2002
    • Il potere dei sogni. 2007
    • Raccontare, resistere.
    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

    Commenta per primo.

    Leonardo

    Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su