Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte

Vota questo articolo
(2 Voti)

Romagna Bike Tour: 3 giorni tra Cervia e le colline romagnole

Immagina di godere del sole che sorge sulla spiaggia al mattino e degustare un buon bicchiere di vino con panorama sconfinato alla sera. Il Romagna Bike Tour ti regala questo, ma anche tanto altro. Da Cervia, località della riviera romagnola, si pedala inizialmente tra le saline e sugli argini del Savio per poi inoltrarsi per tre giorni tra le armoniose colline dello Spungone, fino a raggiungere Faenza. Un percorso ciclabile che oggi definiremmo gravel, ma che è molto di più: un viaggio in bici di rocca in rocca, di mare e di terra.

Mappa

Cervia in bici: non solo Romagna Bike Tour!

Il percorso del Romagna bike tour, di rocca in rocca, di mare e di terra, ha il suo punto di partenza a Cervia, ridente località marinara più conosciuta per le spiagge e per la vita notturna che per gli itinerari ciclabili. In realtà lo stereotipo di una riviera romagnola dedita solo al divertimento e al sollazzo è ormai superato e anche le attività outdoor trovano pane per i loro denti da queste parti come puoi scoprire nel nostro articolo dedicato al territorio di Cervia in bici05 romagna bike tour cervia sterrato

Sul sito di Cervia Turismo si trova un'intera sezione dedicata alBike Tourism, attività che si può svolgere in tutte le sue sfaccettature: dalla bici da strada con eventi e granfondo per gli agonisti, alla mountain bike, dall'Ironman alla slow bike su facili itinerari ciclabili adatti anche alle famiglie. Noi abbiamo trovato la quadra del cerchio in un itinerario equilibrato, dove il piacere della scoperta viene affiancato da un pizzico di sana fatica, ripagata da un'ottima enogastronomia. Vista l'offerta variegata e enorme di proposte cicloturistiche nel comune di Cervia, sia per i più allenati che per coloro che desiderano solo fare un po' di attività fisica da alternare al relax, te ne parleremo nel dettaglio in un prossimo articolo.

Per ora concentriamoci sulla nostra tre giorni in terra romagnola e vediamo di raccontarti nel dettaglio il nostro Romagna bike tour

Romagna bike tour: di rocca in rocca, di mare e di terra

Il romagna bike tour proposto da Cervia Turismo è un percorso su terreno misto che unisce la costa alle colline dello Spungone tra Bertinoro e Castrocaro Terme. Le rocche, il vino e l'accoglienza eccezionale tipica di questa regione ti faranno pentire di essere già arrivato al termine del tuo viaggio quando entrerai a Faenza dopo un ultimo rapido falsopiano. Il nostro consiglio, dopo il rientro in treno a Cervia, è quello di fermarti qualche giorno per scoprire altri itinerari e tracciati come quello sulla rotta del Sale oppure quello di Cervia Storica. In alternativa spiagge e locali per un po' di relax, una tintarella e qualche aperitivo non mancano mai!10 sterrata romagna bike tour

Cervia, le saline e il percorso ciclabile lungo il Savio

Il punto di partenza dell'itinerario è piazza Andrea Costa, ai piedi della Torre San Michele, edificata per proteggere la cittadina dalle invasioni turche e saracene ed oggi punto d'informazione turistica dove potrai chiedere dettagli sulle attività e sul percorso. 01 torre cervia in biciSeguendo il canale di Cervia e un tratto ciclabile, si raggiungono presto le saline di Cervia all'altezza delle quali si imbocca la SP254, forse l'unico tratto un po' trafficato dell'intero percorso.07 partenza torre cervia

Subito si trova la sede della Società Parco della Salina di Cervia dove viene prodotto il sale dolce di Cervia negli oltre 50 bacini di raccolta. La salina, oltre a essere area di produzione del prezioso oro bianco, è anche la porta sud del Parco del Delta del Po e riserva naturale di popolamento e di nidificazione per molte specie di avifauna. In tutte le stagioni questo luogo offre scorci e occasioni di visita per amanti del birdwatching ma non solo.06 saline di cervia in bici

Dopo aver scattato alcune doverose immagini dell'area, riprendiamo a pedalare. Poche centinaia di metri e si lascia la provinciale, accompagnati dal volo dei fenicotteri rosa che si cibano nelle basse acque salmastre. Un percorso misto asfalto e strada bianca, permette di evitare le vie di comunicazione principali e questo tratto di itinerario culmina con una divertente sterrata che costeggia il bosco del duca di Altemps, appena prima di giungere sulle sponde del fiume Savio.

Il percorso ciclabile lungo il Savio è una meraviglia. 02 ciclovia del savioL'argine in terra battuta risulta perfetto per una bici gravel o per un qualsiasi amante dei facili itinerari ripari. Seguendo il fiume verso l'entroterra si percorre una via d'acqua che si innesta anche sul più lungo percorso Bicitalia 5 - Ciclovia Romea-Tiberina che unisce Villach a Roma. 04 fuoristrada sul fiume savioSempre pedalando sugli argini, si oltrepassa Castiglione di Cervia e il parco fluviale di Cannuzzo dove non ci si può non fermare per una sosta sulle panchine leggendo le poesie in dialetto (per fortuna di fianco ci sono anche le panchine con le traduzioni) di Tolmino Baldassari.28 panchina in dialetto

Senza accorgertene, pedalando sempre sulle sponde del Savio, ti ritroverai nel centro di Cesena, la città malatestiana. Lascia per qualche ora il fiume e fatti trasportare dai pedali tra piazza del Popolo, la rocca Malatestiana o la meravigliosa biblioteca Malatestiana. 21 cesenRipreso il percorso lungo il fiume, lo seguirai ancora per poco prima di lasciare la via Romea e deviare verso le colline. La bella chiesa parrocchiale di San Bartolomeo ti si para davanti chiedendoti una sosta prima di iniziare le fatiche.18 ponte vecchio cesena

Bertinoro e lo Spungone

Bertinoro, non a caso, viene definito anche "il balcone di Romagna". Prima tra le terre alte, dalla sua rocca si ha un panorama a 360° sulla regione e sul litorale. 15 bertinoroRaggiungerlo non è stato facile: per evitare la strada maestra e restare fuori dal traffico saliamo da via Gualdo. La rampa è breve ma intensa! Un ultimo sforzo ci conduce alla Rocca, fondata prima dell'anno mille e oggi centro di Alta Formazione oltre che sede di un istruttivo Museo Interreligioso che riusciamo a visitare grazie alla disponibilità del direttore che ci aspetta e ci guida nella visita. 16 museo interreligioso bertinoroIl portale d'ingresso della rocca e tutte le sue fondamenta ci svelano subito una delle caratteristiche primarie del territorio: la roccia con cui qui si costruivano castelli e case è lo Spungone, un'arenaria calcarea che svela la storia di queste terre che milioni d'anni orsono costituivano una sorta di barriera corallina preistorica. Oggi nelle costruzioni si possono notare evidenti i segni di quell'origine marina: fossili e resti di conchiglie si intravvedono ovunque. 

Lasciamo la Rocca di Bertinoro, sede vescovile per quattro secoli, per scendere in paese e passare dalla cultura all'enogastronomia. All'ingresso del paese troviamo la sede della cantina Celli e siamo accolti da Mauro Sirri che ci introduce allo Spungone e al suo legame con il vino.24 degustazione cantina celli La qualità del Sangiovese, dell'Albana e del Pagadebit di questa zona è in gran parte da attribuire al substrato roccioso che dona al terreno proprietà perfette per la coltivazione della vite. Dopo il racconto appassionato e divertente di Mauro, assaggiamo qualche bicchiere accompagnato da una piadina (ottimo l'Albana secco DOCG I Croppi) e ci congediamo per concludere la prima giornata del nostro Romagna Bike Tour.

Romagna Bike Tour: di rocca in rocca

Bertinoro e i suoi panorami ci hanno conquistato ma è già tempo di andare oltre e affrontare la giornata più impegnativa del Romagna Bike Tour, di rocca in rocca, di mare e di terra17 vigne e bici

Il passaggio sulle pendici del monte Maggio è subito di quelli che fanno divertire gli amanti dei passaggi in single trail, anche se sempre pedalabili. Una discesa in picchiata è preludio di risalita e infatti per raggiungere il santuario di Casticciano c'è da sudare un po'. Oltre Fratta Terme par di essere in Val d'Orcia: due filari di cipressi alti e maestosi ci accompagnano nella dolce risalita su una strada bianca di crinale che precede una nuova discesa verso Meldola. L'ingresso in paese non può che essere attraverso il ponte dei Veneziani. La pioggia ci fa passare a spron battuto dalla rocca per proseguire verso la Riserva Naturale del bosco di Scardavilla dove non possiamo che sostare per un po' nei pressi del magnifico chiostro. Il vicino monastero testimonia tutt'ora la presenza in loco dei monaci Camaldolesi.12 chiostro di scardavilla in bici

La provinciale che sale l'ultima collina prima di raggiungere Predappio è dolce, il traffico irrisorio non infastidisce e noi pedaliamo spediti verso il cielo sereno che all'orizzonte si sta aprendo.08 rocca le caminate Il valico si trova nei pressi della rocca delle Caminate, dove l'edificio eretto come suo rifacimento fu residenza estiva di Benito Mussolini. Ci precipitiamo a valle lungo una stradina secondaria sterrata e dopo un breve strappo siamo a Predappio. La risalita verso Predappio Alta è rapida, ma lo stomaco inizia a brontolare: due tornanti e siamo nella piazza del borgo medievale, ai piedi dell'ennesima rocca! I tavoli sul selciato appartengono a La Vëcia Cantêna d'la Prè - Cà de Sanzvès e Riccardo fa gli onori di casa. 26 BARBARA RICCARDO INVENTORI PIAVINALa piavina è imperdibile: la tradizione di un piatto tipico, con l'aggiunta di Sangiovese nell'impasto e condita con miele e formaggio di Grotta di Predappio Alta. 22 museo vino vecia cantenaDopo il lauto pranzo Riccardo ci mostra l'antica cantina del suo locale, riadattata a museo, e ci conduce alla scoperta del borgo e delle sue cantine di Sangiovese.23 interni vecia centena

Riprendiamo la marcia verso la nostra meta di giornata quando ormai è già pomeriggio inoltrato. Qualche goccia di pioggia ci fa accelerare sulla bella strada di cresta verso il monte di Sadurano, che domina la cittadina di Castrocaro Terme. Una serie infinita di tornanti conducono all'ingresso di Castrocaro, meta della seconda tappa del Romagna Bike Tour. 10 sterrata romagna bike tour

Valle del Montone e Faenza

Castrocaro Terme e Terra del Sole sono crocievia di numerosi cammini e ciclovie. L'asse portante della vallata è costituito dal fiume Montone che ospita anche un parco fluviale e lungo il quale corre una ciclovia che conduce prima a Forlì e poi a Ravenna. Prima di riprendere la pedalata verso Faenza, ci concediamo la visita dei due edifici simbolo del comune e delle cittadine di Castrocaro e Terra del Sole.27 castello terra del solePer primo accediamo al palazzo Pretorio di Terra del Sole: l'edificio rinascimentale che domina la piazza del paese ed è sede della Proloco locale, ospita il museo dell'Uomo e dell'Ambiente. La maggior particolarità risiede però nella presenza di una la scala a chiocciola a doppia elicoide di scuola leonardesca che conduce alle carceri, dove sono ancora presenti scritte e graffiti dei condannati. 25 prigione palazzo pretorio terra del soleUn paio di chilometri più in là, a dominare la cittadina di Castrocaro si trova la fortezza medievale al cui interno è presente un museo storico che narra la storia millenaria del maniero. Impressionanti sono gli Arsenali Medicei della fortezza, costituiti da enormi stanze alte oltre dodici metri.20 castello di castrocaro

Lasciata Castrocaro inizia l'avvicinamento alla meta. Il percorso fluviale lungo il Montone è divertente e immerso nel verde. Per salire verso la chiesa di Converselle si raggiunge località Rovere dove si abbandona la ciclovia e ci si immerge nelle ultime propaggini collinari dell'appennino forlivese.13 covone natura romagna Un'altra panoramica strada bianca segue in parte la strada dei vini e dei sapori, salendo verso la rocca di monte Poggiolo. Ai suoi piedi, in località Cà Belvedere, sono stati rinvenuti numerosi manufatti risalenti a oltre 800.000 anni fa!!! 11 romagna bike tour sole

Il nostro Romagna Bike Tour prosegue in saliscendi panoramico su affioramenti fotogenici dove cavalli al pascolo scorazzano tra i campi gialli di senape selvatica. 30 romagna bike tour paesaggiLa chiesa di Converselle e il monte Fortino segnalano in pratica la nostra ultima fatica, prima di concludere il viaggio di tre giorni, e la discesa è uno spasso. Si passa dalla torre di Oriolo, purtroppo chiusa in questo periodo, per risalire alcune vallate del faentino coltivate a Sangiovese. 31 pedalando sterrati romagnoliOrmai la meta è in vista e non resta che avvicinarsi al fiume Lamone per seguirne il corso verso valle per alcuni chilometri e raggiungere una comoda ciclabile che conduce dritti dritti nel centro di Faenza, punto finale dell'itinerario. 29 colline romagnole in bici

Prima di saltare sul treno per rientrare a Cervia, imperdibile la Piazza del Popolo con il bel loggiato di palazzo Manfredi. Un'ultima piadina e la doverosa birra di fine viaggio saranno la giusta ricompensa per le fatiche fatte lungo questo Romagna Bike Tour - Di rocca in rocca, di mare e di terra.

Se vuoi seguire questo percorso accompagnato da una guida esperta del territorio potrai farlo dall'11 al 13 giugno. Trovi maggiori informazioni a questo link: Romagna Bike Tour in gruppo mentre puoi prenotare direttamente qui: Prenota il Romagna Bike Tour in gruppo.

Se invece preferisci fare il tour in autonomia quando vuoi tu, qui trovi i dettagli: Romagna Bike Tour in autonomia oppure il link diretto per prenotare: Prenota il Romagna Bike Tour in autonomia

  • Cervia, la torre di San Michele, le sue spiagge e i suoi locali dove rilassarsi prima o dopo il tour;
  • Cesena, la sua rocca e la sua biblioteca Malatestiana;
  • Bertinoro, la sua rocca e le sue cantine che beneficiano della presenza dello Spungone;
  • Meldola e il bosco di Scardavilla con il suo chiostro;
  • Predappio Alta, la rocca e la cucina de La vecia Cantena;
  • il la fortezza di Castrocaro Terme, Terra del Sole e il suo palazzo Pretorio;
  • Faenza e il museo internazionale delle Ceramiche
  • Come raggiungo Cervia? È possibile raggiungere Cervia, la partenza e l'arrivo di questo percorso, in treno facilmente da tutte le maggiori stazioni ferroviarie del nord, essendo collegata bene con Milano (regionali veloci e intercity). Anche in auto non avrai problemi, potendola parcheggiare direttamente in città.
  • L'itinerario è segnalato? L'itinerario del percorso Romagna Bike Tour non è segnalato, ma puoi scaricare la traccia dal sito ufficiale e seguirla comodamente con il navigatore gps o con un'app.
  • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario si trovano diverse fonti d'acqua, soprattutto nei paesi oppure chiedendo ai bar di riempire la borraccia.
  • Com'è la qualità delle strade lungo l'itinerario? Le strade sono quasi esclusivamente secondarie e sterrate, con brevi e divertenti single track, sempre piuttosto in buono stato. Questo viaggio in bici è comunque sconsigliato per le bici da strada.
  • Il percorso è affrontabile bene o male tutto l'anno, ma consiglio di affrontare l'itinerario del Romagna Bike Tour a inzio o fine estate, in autunno e in primavera per godere al meglio dei paesaggi senza temperature proibitive.
    Dove dormire lungo il Romagna Bike Tour? Prima di iniziare il viaggio in bici puoi fermarti qualche notte dormire a Cervia in uno dei numerosi alloggi, passeggiare sul mare, gustare una piadina romagnola e scoprire lentamente questa bella località. Per avere proposte di alloggio durante il tour, adatte a tutte le tasche, contatta direttamente Cervia Turismo che propone pacchetti che includono tutti i servizi necessari.
  • Dove dormire lungo il Romagna Bike Tour? Le notti prima di iniziare il viaggio in bici puoi fermarti a dormire a Cervia in uno dei numerosi alloggi, passeggiare sul mare, gustare una piadina romagnola e scoprire lentamente questa bella località. Noi, durante il tour, abbiamo poi sostato una notte a Bertinoro - ottimo l'hotel Panorama in centro dove Cristina accoglie i suoi ospiti con estrema gentilezza e disponibilità e la seconda notte a Castrocaro Terme - Terra del Sole presso il B&B Alla Locanda del '500, posto grazioso che risulta però un po' scomodo per visitare o mangiare in città. Se preferisci avere più libertà puoi prenotare un appartamento su AirBnB.
  • Cosa mangiare su questo itinerario? La tradizione enogastronomica romagnola vanta numerose specialità come la piadina! Come primi piatti puoi optare per le tagliatelle, le pappardelle, gli strozzapreti, i cannelloni o i curzul, come secondi non perderti, sul mare, il brodetto di pesce, e nell'entroterra tutti i salumi e i formaggi ovviamente accompagnati da un calice di Sangiovese o Albana.
  • Dove mangiare sul percorso Romagna Bike Tour? A Cervia fermati all'Osteria delle mura, allo storico Casa delle Aie, all'Osteria la Ciurma o al circolo pescatori la Pantofla e assaggia la tipica piadina a L'altra piadina del mare. A Bertinoro non mancare una degustazione alla cantina Celli e una cena con panorama alla Locanda della fortuna, mentre a Predappio Alta devi assolutamente assaggiare la piaVina di Riccardo e Barbara de La Vecia Cantena D'la Pre'. Infine a Castrocaro Terme puoi cenare a La Postierla, mentre a Faenza in qualunque chiosco troverai bene o male una piadina da gustare in tranquillità.

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Romagna Bike Tour lifeintravel.it
Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su