Vota questo articolo
(1 Vota)

Rifugio Puez e col de Puez: trekking sulle Dolomiti

Escursione al rifugio Puez e col de Puez sulle Dolomiti: una giornata splendida ci ha accompagnato in questa impegnativa escursione nella cornice splendida delle Dolomiti altoatesine. Il paesaggio magico in cui abbiamo camminato è stato quello delle alpi del parco naturale di Puez-Odle, con panorami eccellenti sul gruppo del Sella, sul Piz Boé e più distante sullo Sciliar, sulla Marmolada e sulle dolomiti bellunesi. I 2906 m del Col de Puez sono stati la classica cigliegina sulla torta di un trekking comunque appagante.
 
 

Mappa

Trentino Alto-Adige - Dolomiti di Puez-Odle

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Selva Val Gardena
Tempo 7 ore
Dislivello 1430 m
Lunghezza 15 km circa
VALUTAZIONE
Difficoltà Difficile
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
GiugnoLuglioAgostoSettembre
Di buon'ora lasciamo la città diretti verso la val Gardena che percorriamo per intero fino a giungere ai piedi dei giganti di roccia delle dolomiti. Una temperatura frizzante (7°C ad agosto!) ci accoglie quando usciamo dall'auto poco oltre Selva di Val Gardena, all'imbocco della Vallunga (1625 m). Inforchiamo gli scarponi e ci avviamo infreddoliti lungo l'ampia forestale che si addentra nella valle. Gli alti picchi rocciosi tengono a debita distanza i raggi solari che ammiriamo anelanti rischiarare le vette tutt'attorno. odle vero 036Proseguiamo di buon passo, prima nel bosco e quindi in un'ampia radura fangosa, lasciandoci sulla sinistra il bivio del sentiero che percorreremo al rientro. Al termine del tratto pianeggiante il sentiero n°14 prosegue su una pietraia iniziando la ripida e repentina ascesa verso uno stretto canalone in cui ci infiliamo per un po'. Ad una quota di poco inferiore ai 2100m il sentiero si divide, proseguendo erto nel canalone (sent. 14A) oppure svoltando a sinistra per uscire su un ampio anfiteatro naturale (sent. 14).odle vero 043 Scegliamo la seconda opzione e proseguiamo la nostra lenta scalata verso il rifugio Puez che raggiungiamo dopo circa due ore e mezzo di ascesa (2478 m). Una ottima fetta di strudel ci ristora e siamo pronti per affrontare il restante tratto di salita. Ci dirigiamo ora verso la cima Puez occidentale, salendo il pendio ad ovest del rifugio. odle vero 058In circa un'ora e mezzo su un sentiero per l'ultimo tratto ripido e scivoloso, raggiungiamo la cima del Col de Puez occidentale, cioè la più alta delle due vette gemelle a quota 2906m. Il panorama è a dir poco mozzafiato: di fronte a noi il Sassolungo ed il Piz Boè con la Marmolada che sorge alle sue spalle, alla nostra destra tutte le vette rocciose delle Odle, in lontananza l'altopiano dello Sciliar mentre sulla sinistra le dolomiti bellunesi fanno bella mostra di sé.odle vero 059
Stanchi ma appagati da una vista tanto maestosa, ci sediamo a riposare per un po' prima di rientrare sullo stesso percorso dell'andata fino al rifugio, dove ci aspetta una birra fresca che ci ritempra prima della ripida discesa. Seguiamo ora l'alta via delle dolomiti n°2 per spostarci in quota verso ovest e solo più tardi imboccheremo sulla sinistra il sentiero numero 16 che scende repentinamente nella Vallunga. puez 029Prima di scendere però alcune marmotte salutano il nostro passaggio, ridendoci alle spalle consapevoli che giungeremo a valle con i quadricipiti fumanti. L'ultimo tratto pianeggiante sullo stesso percorso fatto al mattino è soltanto un lento defaticamento di cui avremo fatto volentieri a meno, ma le immagini ed i panorami della giornata ci riempiono gli occhi mentre giungiamo all'auto quando ormai il sole si è nuovamente nascosto tra le imponenti vette circostanti.puez 065

Se vuoi seguire un altro interessante trekking nel Parco naturale delle Odle, puoi scoprire il sentiero che porta al rifugio Genova. Per altri percorsi sulle Alpi consulta la mappa dei trekking.

Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Maria Cocci · 4 anni fa
    mi ricorda un bel po di zone trekking trentino
  • Questo commento non è pubblicato.
    Vero · 9 anni fa
    ahaha ma nick c'era il polarizzatore ad aiutare e i colori erano quelli..:P povero leuz, una volta tanto che non li satura troppo XD XD XD
  • Questo commento non è pubblicato.
    Nick · 9 anni fa
    Leuz devi caricare anche il filmatino che ho fatto io :-D :-P

    ps vero e poi dici a me che pompo i colori....
Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.

 

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

Torna su