Vota questo articolo
(0 Voti)

In Patagonia di Bruce Chatwin

Credo di poter dire tranquillamente che questo libro sia una lettura d'obbligo per chi si appresta ad affrontare un viaggio in questa terra desolata e magnifica allo stesso tempo. Chatwin rappresenta, con il suo viaggiare, il perfetto vagabondo che parte per l'estremo sud con lo scopo di ritrovare le tracce di un mostro preistorico e di un parente navigatore e trova invece una terra con scarsissima prezenza umana, ma sufficiente per riempire con calore ed energia la solitudine del suo viaggio.
La descrizione della Patagonia, fatta di distese desertiche sterminate punteggiate qua e là da fazendas di immigrati scozzesi, tedeschi, italiani... vi introdurrà in questa fine del mondo un pò magica, invogliandovi ancor più a partire. La Patagonia è vista dagli occhi dell'autore che ci ha viaggiato scoprendola in lungo e largo, meravigliandosi, facendosi ammaliare...

Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su