Menu

MarApr10

Recensione della borsa bikepacking Terrapin® della Revelate Designs

La Revelate Designs, fondata ad Anchorage in Alaska nel 2007, è la prima azienda ad aver iniziato la produzione di borse da bikepacking. Dopo alcuni anni, precisamente nel 2013, nasce la borsa da sottosella Terrapin, la prima versione della borsa da bikepacking attuale (seconda versione), l'accessorio di cui parlerò oggi in questa recensione.
La Terrapin della Revelate Designs, acquistata dal nostro negozio di fiducia Bikejamming, è una tra le borse sottosella più capienti dell'azienda americana e ci è stata molto utile nella nostra avventura in MTB ad Ibiza...

Terrapin® della Revelate Designs: caratteristiche

Tipo di test
1 settimana sugli sterrati di Ibiza
Marzo 2018
In MTB, con tutti i tipi di terreni, dal facile asfalto ai single trail con roccia per 200 km
Giudizio
Generale:
Montaggio:
Materiali:
Comodità:
Ingombro:
Capienza:
Resistenza all'usura:
Costo:
Per prima cosa vediamo le caratteristiche tecniche di questa borsa da bikepacking:
  • Borsa rinforzata con ale laterali in foam, banda inferiore in polietilene ad alta intensità (HDPE) e pannello superiore in plastica e gommapiuma
  • Presenza di una valvola per l'uscita dell'aria e la compressione della borsa 
  • Aggancio facile con una fascia in velcro e due cinturini centrali con clip
  • Sacca impermeabile in nylon TPU (Poliuretano termoplastico) e involucro anti-abrasione
  • Peso: 550 grammi inclusi di sacca

Recensione  borsa bikepacking Terrapin®

 

Non lo nascondo: è la prima volta che affronto un viaggio in MTB in modalità bikepacking, con la Terrapin e lo Sweetroll della Revelate Designs abbiamo pedalato sui terreni sconnessi dell'isola di Ibiza percorrendo un anello di 200 km. Nonostante fosse un modo nuovo di viaggiare ci siamo trovati da subito in sintonia: il montaggio della Terrapin è  davvero intuitivo e veloce e l'ingombro minimo.etichetta revelate designsLa borsa può essere riempita prima di essere agganciata al sottosella o direttamente sulla bici sfruttando la valvola sfiato della quale dispone per guadagnare spazio facendo uscire l'aria contenuta all'interno della sacca impermeabile; i 14 litri di volume permettono, nel caso di un'avventura di alcuni giorni appoggiandosi alle strutture ricettive del territorio, di trasportare un cambio completo per la sera, una ventina, qualche accessorio per la pulizia personale e ancora alcuni piccoli oggetti.assetto bici con la terrapin

Come riempire la borsa

Seguendo la logica della Terrapin, vista la presenza degli attacchi al sottosella nella parte anteriore della borsa , i primi oggetti da riporre al suo interno dovrebbero essere i più pesanti per non sconvolgere eccessivamente l'assetto finale e garantire maggiore stabilità alla borsa una volta agganciata alla sella.
involucro e sacca terrapin
Con l'aiuto della valvola e con un pizzico di malizia dato dall'esperienza, riuscirai ad incastrare perfettamente tutto quello di cui hai bisogno anche se lo spazio non è, ovviamente, quello di una borsa laterale agganciata al classico portapacchi da cicloturismo.
Ma andiamo sui dettagli: la borsa è composta da due parti ben distinte (che si possono reperire anche singolarmente): un involucro esterno e una sacca impermeabile, da inserire nel rivestimento, che protegge perfettamente il bagaglio trasportato da piogge, fango o guadi insidiosi. primavera a ibizaPer sfruttare al meglio questa peculiarità, se stai per affrontare un viaggio di qualche giorno in completa autonomia, potrai disporre nella sacca ogni componente del tuo equipaggiamento che dovrà preservarsi asciutto ad ogni costo come, per esempio, il sacco a pelo.terrapin 4 prospettive

Come si aggancia la borsa

La Terrapin è una borsa da sottosella e come tale viene agganciata in posizione aerodinamica al posto del borsellino in cui solitamente si conservano la camera d'aria di scorta e gli attrezzi per la sostituzione della stessa. L'accessorio della Revelate Designs è dotato di una robusta cinghia con velcro che viene fissata al canotto passando all'interno di un anello in lega mentre altre due cinghie simmetriche rivestite in plastica, che possono essere spostate in due anelli adiacenti in base alla lunghezza della sella o alla comodità del viaggiatore,  permettono di bloccare la borsa al telaio del sellino attraverso due clip. 
attacco in velcro
La parte inferiore delle due cinghie è regolabile e, in base al carico, potrà essere allargata o meno.
La sacca impermeabile, già riempita o ancora vuota, andrà, come abbiamo anticipato, collocata all'interno dell'involucro rigido esterno. Una volta terminato il carico della sacca poi, le due cinghie regolabili dell'involucro potranno essere chiuse e tirate a dovere.cinghie superiori

Qualche dettaglio in più sulla Terrapin

  • La Terrapin della Revelate Designs è stata ideata con materiali impermeabili, molto resistenti all'abrasione come il nylon TPU, il VX21 e il Rhinotec.
  • In posizione perpendicolare alle cinghie di chiusura dell'involucro esterno sulla sacca sono presenti  due fasce parallele dove può essere fissata una luce, una action cam o qualche piccolo attrezzo.
  • Due linguette in tessuto resistente e antiscivolo rappresentano i punti di contatto rtra la borsa e il reggisella prevenendo eventuali sfregamenti.
La capacità di carico rende la Terrapin molto appetibile anche per avventure che richiedono un bagaglio medio-impegnativo ma bisogna tenere conto di una possibile problematica.sacca impermeabile I bikers più bassi, per esempio, che utilizzano bici con ruote da 29", con la Terrapin a pieno carico, rischierebbero di sfregarla ripetutamente sugli pneumatici. Lo stesso problema, riscontrato personalmente, può verificarsi utilizzando una full da 27.5" su terreni particolarmente ostici (e quindi sfruttando l'ammortizzatore posteriore fino a fine corsa). In sintesi mi sento di consigliare questa tipologia di borsa da bikepacking per un utilizzo su MTB front, bici da viaggio, bici gravel o bici da corsa.terrapin su mtb full

Costo

Il prezzo di vendita della Terrapin firmata Revelate Designs si aggira intorno ai 180€ e non si può dire certo economico se comparato a quello delle classiche borse da cicloturismo. La struttura di questi accessori da bikepacking, nati per essere agganciati direttamente alla bicicletta, è però più complessa: la ricercatezza nei dettagli, nelle forme e nell'utilizzo dei materiali fanno della Terrapin un prodotto di alta qualità utilizzabile anche sui single trail e sui sentieri più difficoltosi come alternativa al classico zaino da MTB. Se ami viaggiare leggero e asciutto, la borsa sottosella Terrapin è la scelta giusta!isole di ibiza

Ultime considerazioni personali

Ho testato la borsa bikepacking Terrapin per 200 km provandola su ogni tipo di terreno, dalla sabbia all'asfalto, dai single trail rocciosi ai tracciati gravel. Il carico della borsa non ha infastidito la pedalata in nessun modo, il peso di circa 5 kg non ha interferito con l'andatura, l'ingombro non ha sfiorato alcun ostacolo sul percorso.  A fine giro la Terrapin ha riportato solo qualche segno di sfregamento sulla parte inferiore dell'involucro (problematica già spiegata in precedenza) e diverse macchie di fango che abbiamo rimosso facilmente con un panno umido e una buona dose di olio di gomito.
Recensione della borsa bikepacking Terrapin® della Revelate Designs - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Vota questo articolo
(1 Vota)

Video

Recensione borsa da bikepacking Terrapin Lifeintravel.it
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), dopo aver vissuto 6 anni in Trentino, da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo.
Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca).
Ho lavorato in tanti posti diversi ma poi, al momento che ritenevo giusto, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e poi non ne ho potuto più fare a meno così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico.
Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito