Menu

Mer03Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Attrezzatura da campeggio per il cicloturismo: cosa serve per dormire sotto le stelle

  • Stampa
  • Email

Viaggiare in bicicletta spesso significa immergersi nella Natura e godere dei suoi silenzi, dei suoi colori e dei suoi profumi… anche di notte. Chi gira il mondo a due ruote ha spesso con sé tutta l’attrezzatura da campeggio necessaria per poter riposare sotto un cielo stellato, senza preoccuparsi di nulla. Ma qual è l’equipaggiamento idoneo alla pratica del campeggio e dove posso trovare i camping più belli lungo il mio percorso?

Dove trovare i campeggi lungo il mio itinerario ciclabile: un consiglio

Quando si viaggia in bicicletta spesso ci si sposta quotidianamente senza conoscere la meta che si raggiungerà in serata. Per avere un supporto, anche all’ultimo minuto, nella ricerca e prenotazione dei campeggi lungo il nostro itinerario ciclabile ci si può affidare ad internet. Ci sono siti web che raggruppano centinaia di differenti strutture in diverse regioni e nazioni. Un sito da tenere in considerazione quando si viaggia in Italia, Spagna, Francia e in altri stati europei è http://it.camping-and-co.com che è fornito di una comoda mappa per una ricerca più veloce e geolocalizzata.
Se sei interessato poi a conoscere le novità del mondo dell’outdoor, dei campeggi e della vita all’aria aperta, puoi seguire il sito dell’associazione nazionale delle imprese turistico ricettive all’aria aperta che è sempre molto aggiornato.camping attrezzato

Tenda, ma non solo

Uno dei fattori che bisogna valutare con più attenzione quando si viaggia in bici è il peso da trasportare e questo inciderà drasticamente sulla scelta dell’equipaggiamento.
L’attrezzatura da campeggio fondamentale è composta da:
  • una tenda che andrà scelta in base all’epoca del viaggio, al numero di persone che dovrà ospitare, all’impermeabilità e caratteristiche dei materiali, alla presenza o meno di una veranda, al costo e ovviamente, come avevamo anticipato, al peso. Scegliere la tenda giusta non è facile poiché le tende prodotte con materiali più leggeri e di maggiore qualità spesso costano di più quindi bisognerà valutare anche il budget a disposizione;
  • un sacco a pelo che potrà essere in piuma o in materiale sintetico, avere una temperatura comfort sotto o sopra lo zero, essere a mummia o a coperta. Ognuno di noi, in base al viaggio che vuole intraprendere, dovrà valutare accuratamente la scelta. Per mia esperienza personale consiglio, a chi viaggia durante tutto l’anno anche in luoghi freschi, di scegliere un sacco a pelo a mummia con temperatura comfort almeno un paio di gradi al di sotto dello zero che abbia un peso non superiore a 1, 2 kg;
  • un materassino che può essere in schiuma di poliestere, autogonfiante o gonfiabile da spiaggia. Anche in questo caso come elemento indispensabile della nostra attrezzatura da campeggio suggerisco un materassino in schiuma di poliestere per viaggi brevi o per pochi utilizzi e il materassino autogonfiante per viaggi medi o lunghi dato l’ingombro minimo e la facilità di montaggio oltre al buon lavoro di isolamento dal terreno.tenda e attrezzatura campeggio

Equipaggiamento per cucinare

Oltre a tenda, sacco a pelo e materassino, per viaggiare in bicicletta e campeggiare, dovrai munirti anche di attrezzatura per cucinare in maniera indipendente. In Europa infatti non sono molte le nazioni fornite di campeggi che offrono una cucina comune (questo succede per esempio in Norvegia, ma raramente ho trovato altri paesi così organizzati!).
Per poter cucinare in viaggio servono:
  • un fornelletto che può essere a gas, ad alcool, multifuel… anche in questo caso bisognerà valutare la tipologia di viaggio e il peso da trasportare. In alcuni paesi le bombolette di gas sono reperibili facilmente, in altri luoghi più isolati sarà più facile far rifornimento di benzina e quindi la nostra scelta potrebbe ricadere su un fornello da campeggio multifuel che è però molto più costoso di un comune fornello a gas. In base alla nostra esperienza posso dirti che per anni abbiamo viaggiato semplicemente con il classico fornelletto a gas ma, due anni fa, in occasione di un viaggio in bici sulle Ande abbiamo scelto di acquistare un fornello multifuel;
  • stoviglie che comprendono piccole pentole per cucinare (per la leggerezza l’alluminio non ha eguali), ciotole come per esempio quelle in silicone facili da lavare e richiudibili, posate che possono essere in plastica resistente. La borraccia può essere utilizzata come bicchiere o per trasportare thè o caffè caldi preparati con il fornelletto.campeggio sudafrica

Da non dimenticare a casa

Alcuni altri accessori devono entrare assolutamente nella nostra attrezzatura da campeggio per il cicloturismo:
  • un frontalino o una torcia sono indispensabili per potersi muovere con sicurezza nell’oscurità. Pensa di dover cercare qualcosa nelle borse da bici durante la notte… una luce potrebbe fare la differenza;
  • un coltellino multiuso da viaggio che può essere utile in molte situazioni, sia per cucinare che per tagliare dei pezzi di stoffa o altro;
  • un piccolo kit da cucito per riparazioni veloci o interventi d’emergenza alla nostra attrezzatura;
  • un accendino per utilizzare il fornello, ma non solo;
  • un piccolo quaderno dove annotare le esperienze e le impressioni sul viaggio, sugli incontri e sui luoghi.notte sotto le stelle
Vota questo articolo
(0 Voti)
Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
 Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici