Vota questo articolo
(3 Voti)

Portogruaro - Sesto al Reghena, il giro delle Abbazie in bici

    Abbazia S. Maria in Sylvis di Sesto al Reghena in bici
    Un anello di cicloturismo nei dintorni di Portogruaro per scoprire la storia che si cela tra le campagne al confine tra Veneto e Friuli. La meta di questo percorso in bici adatto a tutti, è l’abbazia di Santa Maria in Sylvis a Sesto al Reghena, che si raggiunge su strade secondarie ed in parte sterrate.

    Mappa

     

    L'Abbazia di Summaga

    Si lascia l’Hotel Alla Botte dirigendosi verso il centro di Portogruaro e si attraversa viale Pordenone con un comodo sottopassaggio che conduce dietro alla stazione dei treni. La rete di percorsi ciclabili urbani di Portogruaro permette di girare in città e nei suoi dintorni agevolmente, obbligando soltanto a qualche sporadico passaggio su “strade alte”, come si usa definire da queste parti quelle più trafficate.

    abbazia summaga

    Con un percorso cittadino ci si dirige verso la frazione di Summaga dove si trova la prima delle due abbazie che incontreremo sulla nostra strada. Ignorando le indicazioni verso l’Abbazia che ad un’ampia rotonda condurrebbero sulla strada regionale, si attraversa il fiume Reghena da via Masata e si raggiunge Summaga passando davanti alla chiesetta seicentesca di S. Elisabetta. Deviando a destra si attraversano dei giardini pubblici e si raggiunge l’Abbazia di Santa Maria Maggiore di Summaga, fondata tra il X e l’XI secolo per volere dei vescovi di Concordia. Affascinante sia esternamente che al suo interno, quest’abbazia merita una sosta ed una visita.
     

    La ciclovia e l'abbazia di Sesto al Reghena

    Risaliti in sella, si attraversa la strada regionale 53 e si oltrepassa l’autostrada, orientando le ruote della bici con decisione verso Nord. Si inizia un tratto di questo itinerario in bici a Portogruaro che alterna fondi sterrati a tratti asfaltati ed attraversa le campagne a sud di Cinto Caomaggiore. Prima di entrare in paese ci si immette sulla strada provinciale che lo collega a Portogruaro: la pista ciclabile che affianca la strada vi permetterà di restare per lunghi tratti fuori dal traffico. Si lascia la provinciale all’altezza della bella chiesa di Cinto Caomaggiore, deviando verso Sesto al Reghena.abbazia sesto al reghena 2
    Poco prima di raggiungere Marignana si oltrepassa il confine spostandosi in Friuli Venezia Giulia ed imboccando la ciclovia della Bassa Pianura Pordenonese che conduce fino al bel borgo sede dell’Abbazia fortificata di Santa Maria in Sylvis. Non si può far altro che lasciare le bici in un luogo sicuro ed addentrarsi per visitare questo luogo di culto appartenente ai Benedettini e fondato nel VI secolo. Oltrepassata la torre d’ingresso si entra tra le mura e ci si trova di fronte il campanile. La chiesa, visitabile, si trova sulla destra e custodisce alcuni pregevoli affreschi tra cui i cicli dell’inferno e del paradiso presenti nel vestibolo. Dopo aver dedicato le giuste attenzioni all’Abbazia, si può risaltare in sella ed iniziare con calma il rientro verso Portogruaro in bici.
     

    Tra i campi verso Portogruaro in bici

    Si attraversa il piccolo centro di Sesto al Reghena e prima di uscire dall’arco che si incontra in fondo alla strada, si svolta a destra in una piccola calle che conduce verso i prati Burovich

    prati burovich

    Lasciato l’asfalto, si attraversano queste ampie distese verdi iniziando in seguito un breve ma suggestivo percorso nel bosco. Al suo termine si incontra il canale nuovo Reghena che si segue su strada forestale per un paio di chilometri. Passata l’autostrada, la si affianca seguendo un altro tratto di strada forestale che si abbandona nei pressi di Giai.
    Gli ultimi chilometri verso Portogruaro si pedalano su una strada secondaria che si imbocca sulla destra oltre la chiesa di Giai. Prima di tornare al punto di partenza del nostro percorso, si dovrà attraversare l’area commerciale di Portogruaro e passare ancora l’autostrada nei pressi del negozio decathlon: non ci si può però far mancare un ultimo breve tratto di sterrato che conduce esattamente davanti all’Hotel alla Botte.
    Il percorso in bici a Portogruaro qui descritto è adatto a tutti e può essere facilmente allungato collegandolo all’itinerario dei mulini lungo il fiume Lemene oppure facendo una breve deviazione verso la strada dei vini DOC Lison-Pramaggiore. Assicuratevi di avere abbondanti riserve di acqua poichè alcuni tratti sono sprovvisti di zone d’ombra

    Hotel Alla Bottelogo Bike Hotels Italia

    Hotel Alla Botte

    Dormire a Portogruaro

    Il nostro punto di partenza è stato l'Hotel Alla Botte di Portograuro che, oltre ad un ristorante dove gustare piatti tradizionali della cucina locale, dispone di servizi per i cicloturisti e bikers come un ricovero sicuro per le biciclette, pompa per il lavaggio, biciclette a noleggio, attrezzi per le piccole riparazioni alle bici... Davanti all'hotel partono la pista ciclabile per il centro di Portogruaro e un bello sterrato per iniziare ad esplorare i dintorni in tutta tranquillità.
    Portogruaro - Sesto al Reghena, il giro delle Abbazie in bici - 4.0 out of 5 based on 3 votes
    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
    Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
     Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

    Aggiungi commento

    Codice di sicurezza
    Aggiorna

    Torna su