Vota questo articolo
(2 Voti)

Portapacchi anteriore da bici: tipologie e guida alla scelta

Esistono diverse tipologie di portapacchi anteriori per bici che variano a seconda della portata, della bici a cui li si vuole applicare e soprattutto, a seconda dell'utilizzo che se ne vuole fare. In questo articolo ne vedremo alcune e quindi ci concentreremo sui portapacchi anteriori più adatti al cicloturismo e ai viaggi.
Potrebbe sembrare un po' anacronistico parlare di portapacchi nell'era del bikepacking e del minimalismo ma, sebbene viaggiare con le borse attaccate direttamente al telaio e ai componenti della bici sia diventanto sempre più popolare, la stragrande maggioranza dei cicloturisti tutt'ora gira il mondo con le borse laterali da bici, posteriori e anteriori. In questa seconda tipologia di assetto un accessorio fondamentale per ancorare le bici è il portapacchi. Abbiamo già parlato in generale di come scegliere un portapacchi per bici da viaggio e quindi in questo articolo mi voglio concentrare sui portapacchi per bici anteriori, forse meno utilizzati e per questo anche meno conosciuti di quelli posteriori.

Tipologie di portapacchi anteriori per bici

Lowrider

 Il concetto fondamentale che sta alla base di questi portapacchi anteriori da viaggio è uno: più il carico è basso, più il baricentro del "sistema" bici+ciclista+bagagli si avvicina al suolo e, di conseguenza, maggiore sarà la stabilità. Un po' come per i bambini sugli sci: una volta che hanno imparato ad andare, hanno una stabilità molto maggiore di un adulto perché il loro baricentro è molto basso.
Per abbassare il carico, questi portapacchi in generale devono avere un supporto di aggancio delle borse che sta sotto al punto più alto della ruota dal suolo e quindi in generale vengono ancorati al mozzo e richiedono la presenza di occhielli aggiuntivi sulla forcella anteriore, che si trovano sulle bici da viaggio e ormai anche sulla stragrande maggioranza delle bici gravel, ma che non è semplice trovare su MTB o bici da corsa. Nell'immagine qui sotto vedete la bici da viaggio Genesis Tour de Fer 20 di Vero che monta di serie un lowrider Tara della Tubus.Genesis Tour de Fer e lowrider Tara
Genesis tour de fer 20 e lowrider Tubus Tara

Portapacchi porteur

I portapacchi anteriori porteur presentano invece una superficie d'appoggio del carico che si trova sopra alla ruota e permette un carico notevole. Questi portapacchi sono più facilmente installati su bici da città su cui è necessario montare portapacchi solidi ma non ha grande importanza il peso. Questi portapacchi in generale vengono ancorati al mozzo della ruota e alla serie sterzo o al collo della forcella. Si possono montare le borse laterali  ma anche cestini, borsoni o contenitori più voluminosi. E raro l'utilizzo per il cicloturismo.portapacchi porteur

Portapacchi ammortizzato

Finora abbiamo parlato di portapacchi anteriori adatti a bici con la forcella rigida, ma il problema si presenta se qualcuno vuole montarlo su una forcella ammortizzata tipo quelle delle MTB. Esiste un portapacchi ammortizzato e devo dire che non lo conoscevo prima di iniziare a pensare di realizzare questo articolo con una carrellata dei vari portapacchi anteriori presenti sul mercato. L'azienda che produce questo portapacchi ammortizzato, la Faiv, non poteva essere altro che tedesca, vista la loro propensione a viaggiare in bici. In ogni caso, la Faiv propone questo portapacchi che viene ancorato ad un braccio della forcella con un pistoncino che segue il movimento dell'ammortizzatore divenendo solidale allo stesso. Ci sono poi altri due punti di ancoraggio (mozzo e serie sterzo) per dare rigidità al sistema. faiv lowrider
Faiv Hoogar
Vi ho illustrato questo sistema perché esiste e sarei curioso di provarlo, ma non mi convincono un paio di cose: il costo... davvero astronomico; l'introduzione di un altro elemento tecnologico su una bici da viaggio, che a mio parere deve essere il più semplice possibile per ridurre al minimo la manutenzione; l'utilità, dato che ormai esistono moltissime soluzioni in modalità bikepacking per chi possiede mountain bike o forcelle ammortizzate e voglia comunque caricare un po' l'anteriore.

Portapacchi per bici senza occhielli

Una soluzione che mi sembra più logica per montare un portapacchi sulla forcella anteriore, anche se è ammortizzata o se non presenta occhielli per l'ancoraggio, è quella di utilizzare una sorta di gancio ad U o delle fascette. ancoraggio senza occhielliLe soluzioni in questo caso sono molte e praticamente ogni azienda produttrice di portapacchi anteriori ha nel proprio catalogo degli accessori per ancorare il portapacchi direttamente al braccio della forcella. Addirituttura Thule produce solo un portapacchi con ganci di questo tipo. Di seguito alcuni esempi.crosso lowrider
Crosso Lowrider
journey suspension disc lowrider axiom
Axiom lowrider disc suspension
thule tour rack
Thule Tour Rack
Personalmente, se possibile, eviterei questa soluzione perché non mi da sicurezza con carichi elevati. Se il gancio è un attacco secondario utile per dare stabilità al portapacchi che ha comunque un altro ancoraggio alla forcella, al mozzo o altrove, questa soluzione può essere valida, altrimenti a mio parere deve essere solo l'ultima opzione per chi non ha altre alternative e deve essere utilizzata senza caricare troppo il portapacchi.

Materiali di costruzione dei portapacchi

Per valutare quale portapacchi scegliere, una delle cose più importanti è la portata e anche se non è una regola, essa è piuttosto legata al materiale con cui il portapacchi è prodotto. I due principali materiali utilizzati sono acciaio e alluminio ma si trovano anche portapacchi in titanio e addirittura in carbonio. Se il titanio potrebbe essere un'ottima alternativa ma tutt'ora molto costosa, escluderei il carbonio dalle soluzioni percorribili.
Un portapacchi in titanio pesa pochissimo ed ha una capacità di carico molto elevata. Per chi fosse interessato, la Ti-bikes, azienda cinese produce bici e accessori in titanio. Io li ho contattati per avere un'idea di costo del prodotto e mi hanno detto che il costo si aggira sui 150$ + s.s. per il portapacchi ad S e tra i 215 e 330$ per gli altri. Sono fatti su misura e richiedono 20gg per essere prodotti e spediti.
Restano a disposizione l'acciaio e l'alluminio. Personalmente abbiamo avuto un sacco di rogne con portapacchi in alluminio anche se spesso si trattava di prodotti da discount. Ora che monto un portapacchi in acciao sono circa quattro o cinque anni che non ho problemi  mentre Vero anche nell'ultimo viaggio in Spagna ha rotto il suo in alluminio (agganciandosi ad uno di quei paletti rallentatori all'inizio di una pista ciclabile)... credo immaginiate cosa monterà Vero per il prossimo viaggio!

Accessori e dettagli utili

Un portapacchi anteriore può essere dotato di accessori utili a migliorare il viaggio in bici. In particolare possono essere presenti o acquistati separatamente degli elastici o cinghie per assicurare il carico (noi solitamente utilizziamo quelli da pochi centesimi acquistati in un negozio di fai da te). blackburn cinch cargo strapDettagli interessanti invece, su un portapacchi anteriore, potrebbero essere la presenza di un foro per ancorare una luce, soprattutto per chi dispone di una bici con dinamo al mozzo: alcuni portapacchi presentano questo supporto. Qualche azienda realizza anche un cavalletto da ancorare ai lowrider per assicurare maggior stabilità alla bici quando viene lasciata ferma e impedire che la ruota anteriore giri su se stessa. tubus cavallettoLo stesso principio è alla base dello "stabilizzatore dello sterzo" di Hebie che impedisce alla ruota carica anteriormente di girare bruscamente e fare danni a luci o altro fissati alla stessa.stabilizzatore sterzo hebie

Guida alla scelta: le migliori aziende che producono portapacchi lowrider

Dopo avervi raccontato più o meno quali sono le caratteristiche da controllare al momento del vostro acquisto, ora vediamo di fare un tuffo nel mercato dei portapacchi per bici anteriori e vedere quali sono le aziende migliori presenti sul mercato. Tengo a precisare che quelle espresse di seguito sono logicamente opinioni personali e, in quanto tali, soggettive.

Tubus

Tra le aziende leader nel settore non si può non partire da loro. L'azienda tedesca produce portapacchi per bici in acciaio da oltre vent'anni ed i loro modelli Tara e Duo sono un distintivo che viaggiando per il mondo ti fa riconoscere i cicloviaggiatori tedeschi da lontano. Adattatori ed accessori non mancano nel catalogo dell'azienda tedesca.tubus duo
Tubus Duo

Axiom

Al momento in cui scrivo l'azienda d'oltreoceano ha a disposizione due portapacchi da bici anteriori: uno classico ed uno adatto a bici con la forcella ammortizzata ed i freni a disco. Entrambi in alluminio ed entrambi con l'attacco al quick release della bici e con i ganci ad U sulla forcella.Axiom journey dlx lowrider
Axiom journey dlx

Old Man Mountain

Piccola azienda statunitense ma dalla grandissima reputazione. I portapacchi OMM sembrano essere indistruttibili. Certo, per acquistarli si deve fare un investimento notevole ma a quanto dicono i possessori ne vale la pena. 
Al momento OMM produce solo il modello Sherpa come portapacchi anteriore. Non è un lowrider in quanto ha un appoggio anche sopra alla ruota e non è adatto, ad esempio, alle nostre borse Crosso con gancio inferiore perché manca un tubo orizzontale basso dove ancorarlo sherpa oldmanmountain
Sherpa OMM

Blackburn

Un'altra azienda a stelle e strisce che produce materiale per cicloturismo e cicloviaggiatori. In questo caso i portapacchi per bici anteriori sono in alluminio ed il modello Outpost ha una parte superiore removibile se non la si utilizza.
blackburn outpost front world touring rack
Blackburn Outpost front

Surly

Che surly produca bici fantastiche per il cicloturismo non è una novità ma oltre alle bici anche gli accessori non sono da meno. Il portapacchi anteriore è qualcosa che in giro non si trova. Pesa un sacco ed è ingombrante ma da un gran senso di stabilità, portata e flessibilità.
surly rack
Surly rack

Salsa

Altra azienda che produce ottime bici da viaggio ma che al contempo si è dedicata ad accessori e componenti è la Salsa. Per quanto riguarda i portapacchi da bici anteriori il loro prodotto Down Under è realizzato sia in alluminio che in acciaio per o più esigenti in termini di peso
salsa down under
Salsa Down Under

Crosso

Non posso non citare l'azienda polacca di cui possiedo le borse e di cui probabilmente utilizzerò il portapacchi anteriore nel prossimo viaggio. Non l'ho ancora montato e quindi devo capire se si potrà attaccare agli occhielli sulla forcella o meno per dargli maggior stabilità.
crosso lowrider
Crosso lowrider

Jandd

Nonostante il loro sito faccia schifo, i prodotti sembrano essere davvero di qualitàjandd extreme
Jandd Extreme
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Vito Zucchelli · 27 giorni fa
    Buonasera,
    volevo sapere dov'è possibile acquistare la fascette per "creare" gli occhielli su una forcella assente. Grazie.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 26 giorni fa
      Buonasera,
      volevo sapere dov'è possibile acquistare la fascette per "creare" gli occhielli su una forcella assente. Grazie.

      Ciao Vito,
      puoi trovare le fascette anche online nei negozi specializzati (mi vengono in mente bikejamming e lastazionedellebiciclette) mentre se acquisti un portapacchi specifico per MTB dovrebbero essere già incluse
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su